2011 TOP 15 ARTICLES AT ROBERTO ALBORGHETTI’S WORDPRESS BLOG

  

A year has gone. It’s time to fix some reports, also for my blogger experience. According to 2011 site stats, I compiled a chart about my most viewed posts. It’s the occasion to thank visitors and my fellow bloggers. Let’s keep growing up this wonderful opportunity to share ideas and experiences improving communication and human relationships! Thanks to all who approach my art provoc/actions too… 

 

MY TOP 15 POSTS OF 2011

 

1 – PREVIEW ON TEXTILE DESIGN TRENDS FOR FASHION 2013

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/11/25/preview-on-textile-design-trends-for-fashion-2013/

2 – ABOUT ME, ROBERTO ALBORGHETTI

http://robertoalborghetti.wordpress.com/about/

3 – ART AND DESIGN FOR DAILY LIFE

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/07/21/art-and-design-for-daily-life/

4 – BRUNO BOGGIA, IL DISEGNO E’ VITA

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/05/12/bruno-boggia-il-disegno-e-vita/

5 – LACER/ACTIONS AT PARALLAX AF LONDON

http://robertoalborghetti.wordpress.com/laceractions-at-parallax-af-london/

6 – LONDON, PARALLAX AF 2 AT “LA GALLERIA”

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/07/07/london-parallax-af-2-at-%e2%80%9cla-galleria%e2%80%9d/

7 – THE LIFE BECOMES ART: WELCOME TO PARALLAX AF IN LONDON

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/10/20/the-life-becomes-art-welcome-to-parallax-af-in-london/

8 – CENTER FOR MEDIA LITERACY: A COMMON EFFORT TO SEE MEDIAS THROUGH NEW EYES

 http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/09/18/center-for-media-literacy-a-common-effort-to-see-media-through-new-eyes/

9 – THE SCIENCE BEHIND THE LAW OF ATTRACTION

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/09/02/the-science-behind-the-law-of-attraction/

10 – “POP ART AVANT-GARDE”

http://robertoalborghetti.wordpress.com/pop-art-avant-garde/

11 – FASHION DESIGN PREVIEW 2012: LIMITED EDITION OF 3 SILK SCARVES CREATED WITH TORN POSTERS IMAGES

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/12/02/fashion-design-preview-2012-limited-edition-of-3-silk-scarves-created-with-torn-posters-images/

12 – L’ECO DI BERGAMO NEWSPAPER DEDICATES 2 FULL PAGES TO ROBERTO ALBORGHETTI’S LACER/ACTIONS ART

http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/11/09/%e2%80%9cleco-di-bergamo%e2%80%9d-newspaper-dedicates-2-full-pages-to-roberto-alborghettis-%e2%80%9claceractions%e2%80%9d-art/

13 – DUE PAGINE DE “L’ECO DI BERGAMO” RACCONTANO LE “LACER/AZIONI” DI ROBERTO ALBORGHETTI

 http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/11/03/due-pagine-de-leco-di-bergamo-raccontano-le-lacerazioni-di-roberto-alborghetti/

14 – STREET ART AND FASHION: HOW TO CREATE SILK TEXTILES FROM RIPPED ADS ON CITY WALLS

 http://robertoalborghetti.wordpress.com/2011/07/25/street-art-fashion-how-to-create-silk-textiles-from-ripped-ads-on-city-walls/

15 – LACER/ACTIONS: CANVASES

http://robertoalborghetti.wordpress.com/laceractions-canvases/

“MODA E TENDENZE” REVIEW WRITES ABOUT MY SILK SCARVES CREATED FROM TORN POSTERS IMAGES

  

MODA e TENDENZE” (“Fashion and Trends”) – review published by L’Eco di Bergamo newspaper – in December 2011 issue, out in these days, pays attention to Roberto Alborghetti’s Lacer /actions” project, focusing on silk scarves made with images of torn posters and urban signs. “Fashion and Trends” – which is curated by Fabiana Tinaglia – writes: ” The torn, dirty and worn paper of ripped posters sticked on the walls of our cities is now also become a fashion accessory and, specifically, silk scarves… After to be transferred on canvas and lithographs, “Lacer / actions” artworks by Roberto Alborghetti are now silk textiles, thanks to collaboration of Bruno Boggia, the Italian textiles designer who has been working with the most famous fashion houses in the world, as Valentino, Chanel, Dior, YSL.”

“Lacer / actions” – “Moda e Tendenze” writes – is a project created by Roberto Alborghetti, professional journalist, author of essays and biographies, photographer. For years he has been “catching” around the world the details of the apparent chaos of torn posters on billboards or on city walls. So far he has collected approximately more than 30.000 images, taking on new forms of artistic expression now adopted by fashion. “

 

SU “MODA E TENDENZE”: LE SCIARPE DI SETA CREATE DA ROBERTO ALBORGHETTI CON LE IMMAGINI DELLA PUBBLICITA’ STRAPPATA

 “Moda e Tendenze”, magazine de “L’Eco di Bergamo”, nel numero di dicembre 2011, in questi giorni nelle edicole, dedica attenzione al progetto “Lacer/azioni” di Roberto Alborghetti, focalizzando l’interesse sulle sciarpe di seta realizzate con le immagini dei manifesti pubblicitari strappati. “Moda e Tendenze” – che è curato da Fabiana Tinaglia – così scrive tra l’altro:La carta sporca, strappata, lacerata ed usurata della pubblicità affissa sui muri delle nostre città è ora diventata anche accessorio moda e, nello specifico, sciarpe in seta… Dopo essere diventati tele e litografie, e pure videoclips, gli artworks “Lacer/azioni” di Roberto Alborghetti si sono trasformati anche in seta grazie alla collaborazione di Bruno Boggia che da oltre sessant’anni lavora con i tessuti e collabora con le maison più famose del mondo, da Valentino a Chanel, da Dior a Ysl. “Lacer/azioni” è un progetto di Roberto Alborghetti, giornalista professionista, autore di saggi e biografie, fotografo. Da anni ha l’hobby di “catturare” in giro per il mondo particolari e dettagli dell’apparente caos della carta lacerata delle affissioni. Finora ha raccolto circa 30 mila immagini che, trasferite su tela e su tessuto, riprodotte su litografia o scansionate in un videoclip, assumono nuove forme espressive. E di moda”.

 

“L’ECO DI BERGAMO” NEWSPAPER DEDICATES 2 FULL PAGES TO ROBERTO ALBORGHETTI’S “LACER/ACTIONS” ART

 I know: you aren’t dedicated two pages in a newspaper every day… Especially when they refer to art and culture. However, this happened to me. L’Eco di Bergamo – the most popular local newspaper in Italy – wrote about my “Lacer/actions” artworks dedicating me two full pages. The article is signed by Diego Colombo, who has interviewed me and has brilliantly reported and described the aspects of my art. I’m re-proposing some passages of the long and detailed article, thanking Diego Colombo and L’Eco di Bergamo for the attention they gave me. The entire article can be read on L’Eco di Bergamo, on October 26, 2011.

  

ALBORGHETTI ‘S POP ART IN NEW YORK

by Diego Colombo

 The “torn city.” This is the subject of photographs by the journalist Roberto Alborghetti from Bergamo (Italy), a research work on torn posters, advertising papers, in different countries of the world. He explains: “It’s hard to imagine that behind torn and faded messages there is “something else” to see or discover. In spite of this, these images keep being a mirror of the talking city. These are the post-communicating traces of a product, an event, a show, an idea, new visual elements, often contrasting, discordant but always surprisingly vital”.

 

Chris Barlow, British art historians, has hosted Alborghetti in an exhibition in London, organized in October. He was invited to be part of the Memorial & Museum in New York, with his work on Nine Eleven… “I’ve always been fascinated by the world of communication – explains Alborghetti – and once I cared a survey “The eye and the media”, in the weekly magazine “La nostra Domenica”, which often dealt with advertising including that of billboards on the streets. And the director, Lino Lazzari, encouraged me to go on with photographs, putting near my language the innovations of pop art. This year he wrote me a beautiful review which I translated into English and placed on the net”. Lazzari wrote: “The matter used to create a work of art and to convey positive messages of humanity isn’t as important as the ability of using “tears” of colored paper to exalt the characteristics of a striking, persuasive, compelling reality”.

“I photograph a waste as the torn poster waiting to be covered by other posters – adds Alborghetti – or remains as a waste, especially in poor neighborhoods where I usually find the best images”. “In Tunis, three years ago, I took photographs in an Arab market – remembers Alborghetti – where I saw beautiful matches on the blue walls of buildings… The most beautiful matches are those in which paper remains stuck for months and undergoes a process of osmosis with the environment. With rain, sun, smog, paper always changes, it pulls itself, it’s stiff. The most unusual aspects can be discovered when rainwater mixes everything, leaving incredible traces, and it’s important to seize the right moment, because it isn’t always easy…”

 

“During the last fifteen years – continues Alborghetti – I coordinated several projects about the use of means of mass communication and the reading of image, including workshops with students and teachers on advertising messages. There, I discovered that advertising has a “post” value, that is to say even after being a moment of communication. To tell the truth, the artist Mimmo Rotella took inspiration from torn posters of the fifties. And others like him, for example the French artist Jacques Villeglé: the capability of the billboard of enchanting isn’t something new. But I have considered a different aspect: the suggestion of colors that casually remain when the bill-sticker tears. In the meantime, studying contemporary art, I was seduced by abstractionism”.

 In about seven years, Alborghetti collects a lot of photos, thirty thousand pics. Here comes the surprise: “Showing them to friends or during the workshops with teachers, I was told that my pictures of torn posters were beautiful. They pushed me to locate them, date them, categorize them. I had shots taken around the world, from Italy, from New York and Los Angeles, from all the places where my job as director of specialist journals in the field of teaching and education and coordinator of projects about the use of media takes me”.

The moment of getting known comes soon: “I created about forty videoclips with my images of torn posters, organizing them by color – blue, red, black – and giving meaning to my work. I loaded them on the net: YouTube, MySpace, Facebook, ArtSlant… The first exhibition was in July 2010 at OrioCenter: the Director of the big shoppin center had seen my pictures and he had offered me a space, the square opposite the Milan Bergamo Orio Airport, for an exhibition of thirty works on the theme “Air, water, earth and fire”. In three days, thousands of people have asked for explanations and clarifications. On that occasion newspapers dedicated some articles to the event, including L’Eco di Bergamo and the international web magazine Un mondo d’Italiani…”

 “At first I found much derision in Italy. They told me: “You have made a montage”. And then I had to stand, and still today, people’s reactions when I am taking photos on torn posters. “You’re crazy”, “I have to go, give me way…”. In Milan I was also stopped by the police: I was shooting near a police station, considered “a significant military target”. “What are you photographing?”. “I will show you”. They couldn’t believe. Even my friends usually joke: they pretend to be art dealers who invite me to exhibitions”. To tell the truth when we saw the first e mail from Roberto Alborghetti, we thought it to be a trick.

“When I brought my booklet in a gallery in Milan, they watched me as if I was an alien. But abroad I realized that I wasn’t the problem, they were. We have to get out of our narrow-minded, it is isolating us”.

 The web gives Alborghetti a strong visibility: he has been receiving since the beginning thousands of contacts on his website “Lacer/actions” on YouTube. “Lacer/actions. I chose this name because my activity consists of reading the tears on posters, mirror of pople’s sorrow” Alborghetti’s name is also present on The Huffington Post, the prestigious American blog for which the President of the United States Obama, also wrote. The article is signed by Srini Pillay, Harvard psychiatrist and researcher in the field of “brain imaging”, author of bestsellers about the Neuroscience; in Italy they translated his best seller “Life Unlocked”, titled “La Calma in Tasca” (Newton Compton publishing company)

Pillay was especially struck by the work of Alborghetti dedicated to Nine Eleven and he wrote a psychological analysis on it: “Art is a form of healing whose effects we can seen in the brain. When it is as beautiful as Roberto Alborghetti, it invites us to revisit the tragedy of terrorism, the horror of the loss and the beauty of our resilience through this mysterious life”.

The London show has been organized by the art historian and gallery owner Chris Barlow: “He saw my pictures on the net, he appreciated them and invited me to go to London for three days at the international “Parallax AF” with three of my works: that dedicated to Nine Eleven, “As running fast water” (Come acqua che corre veloce), “I don’t like to stand still” (Non mi piace stare fermo). “As running fast water” was born in Bergamo, along XXIV Maggio street in a rainy day and now somebody puts it near Monet”.

 “I have been contacted by many people who had seen my pictures on the net – Alborghetti says with surprise, but also with pride – : poets, musicians and storytellers. Among these was Srini Pillay, who now is working to an international project about “ States of consciousness”: he sent me a grid of questions centred on the creation of my works. When he received my answers he wrote me: “I am a columnist of The Huffington Post, I will dedicate an article about your work on Nine Eleven”. Taking the story of the origin of this picture as a starting point, he began to write: “Roberto Alborghetti was walking along Vico Street in Milan…”. That’s true: I was there when I saw a board election and I was fascinated by the tears left by a bill-sticker. The colors were similar to those of blood and fire coming down to the gray cement. This year is the tenth anniversary of Nine Eleven and I decided to dedicate this picture to the Fallen in the attack”.

 But there’s more. “Two years ago I have produced a clip with colorful images. An American hip-pop musician, Sweet P The Entertainer saw it and wrote to me: “If I give you my music, you will make a clip”. Now he is coming out in America with his first album…” There is a special feeling with the music. “Last year I made a clip with abstract images that made me think of the atmosphere of Christmas; this clip was for an american group that sings a cappella, Tonic Sol-Fa. A few months ago I worked with a Dutch musician, Jap Jap. And an experimental musician from Brighton, Jonteknik, sent me a song and he wrote to me: “Combine it with your pictures, I like them very much”. I worked with the American musical project “Earscapes” by Joshua Sellers, musician, producer and poet from Arkansas, who created a nine minutes video (“Linger”) with my artworks…”

 

“Who says that this kind of work can be created only by an Italian, mentioning Renaissance, as well as all the culture that we have behind us and inside us, puts me in a crisis. As well as people who puts me near Cy Twombly, Josef Albers, to pop art, who declares that I have shown that in art nothing is created nor destroyed. That’s true: I am not a painter, but a lot of great artists have been inspired by torn posters. I have got proof. I don’t modify the images, I don’t transform them: I immortalize them as I see them. My work is a provocation. Those who see my work for the first time have the illusion that they are paintings. I have to explain that they are not…”

 

Others apart from artists like Alborghetti’s works. He has been called by a company, the Bulwark Design (Srs Group), from Fiorano Modenese (Modena), in the center of the district of ceramics… And then the meeting with Bruno Boggia, who provides designers with the drawings. Because the success of an article depends on the textile designers. In Como, Boggia works for the most successful international fashion houses. Alborghetti: “He has produced three silk scarves with my pictures, including one dedicated to Nine Eleven (Alborghetti is going to give it to an association of families of the Fallen in the attack) Three prototypes, just to see the effect of the transition from paper to silk”. “But there’s also – he concludes – a religious group which had the idea of taking one of my images as a model for a stained glass window… People see all these references. For me it’s just a game”. But also a provocation to our eyes and our minds.

 

 

 

 

DUE PAGINE DE “L’ECO DI BERGAMO” RACCONTANO LE “LACER/AZIONI” DI ROBERTO ALBORGHETTI

Lo so: due pagine che parlano di te, su un quotidiano, non sono cosa di tutti i giorni. Soprattutto poi quando si riferiscono all’arte ed alla cultura. Comunque, è capitato a me. L’Eco di Bergamo – il quotidiano locale più diffuso in Italia – ha scritto di me e delle mie “Lacer/azioni” dedicandomi appunto due pagine. L’articolo è firmato da Diego Colombo, che mi ha intervistato a lungo ed ha brillantemente riportato e raccontato aspetti e realtà del mio progetto “Lacer/azioni”. Ripropongo qui alcuni passaggi del lungo ed articolato servizio, ringraziando Diego Colombo e L’Eco di Bergamo per l’attenzione che mi è stata dedicata. L’intero servizio può essere letto su L’Eco di Bergamo del 26 ottobre 2011.

  

A NEW YORK LA POP ART DI ALBORGHETTI

di Diego Colombo

 La “città strappata”. Questo il tema delle fotografie del giornalista bergamasco Roberto Alborghetti, un lavoro di ricerca sulla carta della pubblicità in diverse nazioni del mondo. Lui lo spiega così: “Dietro messaggi sbiaditi e stracciati riesce difficile pensare che possa esserci ancora “qualcosa” da vedere o scoprire. Eppure, queste immagini continuano a essere uno specchio della città che comunica e che parla. Sono le tracce e i reperti post-comunicanti di un prodotto, di un evento, di uno spettacolo, di un’idea, elementi visivi nuovi, spesso contrastanti, disarmonici, ma sempre sorprendentemente vitali”.

 Chris Barlow, uno dei più noti storici dell’arte inglesi, ha ospitato Alborghetti in una mostra a Londra, tenutasi in questo mese di ottobre. Con la sua opera sull’11 Settembre è stato invitato a far parte del Memorial & Museum di New York, di cui è stata inaugurata la prima sezione nell’occasione del decennale dell’attacco terroristico. La seconda – di cui farà parte Alborghetti – sarà aperta nell’autunno 2012. “Sono sempre stato affascinato dal mondo della comunicazione – ci spiega Alborghetti – e un tempo sul settimanale diocesano La nostra Domenica curavo una rubrica, “L’occhio e i media”, dove spesso parlavo di pubblicità, anche quella dei cartelloni per le strade. E proprio il direttore di allora, Lino Lazzari,mi ha incoraggiato ad andare avanti con le fotografie, accostando il mio linguaggio all’avanguardia della pop art. Quest’anno mi ha scritto una bellissima scheda critica, che ho tradotto in inglese e messo in Internet”. Scrive Lazzari: “Non conta la materia che viene usata per realizzare un’opera d’arte e per trasmettere positivi messaggi di umanità e’ sufficiente la capacità di servirsi anche di “strappi” di carta colorata per esaltare le caratteristiche di una realtà che si fa immagine sorprendente, suasiva, coinvolgente”. “Io fotografo un rifiuto come il manifesto strappato in attesa di essere coperto da altre affissioni – aggiunge Alborghetti – o che resta come scarto, in particolare nei quartieri più degradati, perché lì trovo le immagini più belle.”

 “A Tunisi, tre anni fa, ho preso fotografie in un mercato arabo – ricorda Alborghetti – dove avevo visto splendide combinazioni di colori sui muri azzurri degli edifici. E che paura ha avuto mia moglie, che mi osservava da lontano, quando sono stato circondato da un gruppo di arabi in atteggiamento non proprio amichevole! Le composizioni più belle si individuano quando la carta resta attaccata per mesi e subisce un processo di osmosi con l’ambiente. Con la pioggia,il sole, lo smog, la carta ha un continuo mutamento, si tira, si rattrappisce. Gli aspetti più inconsueti si scoprono quando l’acqua piovana mescola tutto, lasciando tracce incredibili, e si deve essere pronti a cogliere il momento giusto, perché non è sempre facile…”

 “Negli ultimi quindici anni – continua Alborghetti – ho coordinato diversi progetti sull’uso dei mezzi di comunicazione di massa e sulla lettura dell’immagine, tra cui workshops con allievi e docenti sui messaggi pubblicitari. E’ proprio lì che ho scoperto che la pubblicità ha un valore “post”, cioè anche dopo essere stata un momento di comunicazione. Per la verità, dai manifesti lacerati già dagli anni Cinquanta il pittore Mimmo Rotella prendeva ispirazione. E come lui altri, per esempio il francese Jacques Villeglé. Insomma, non è una novità che il cartellone pubblicitario affascini. Ma io ne ho considerato un altro aspetto: la suggestione dei colori rimasti casualmente quando l’attacchino strappa. Intanto, studiando l’arte contemporanea, ero sedotto dall’astrattismo”.

 In circa sette anni, Alborghetti raccoglie una valanga di foto, conservando trentamila negativi. Arriva la sorpresa: “Iniziando a mostrarle agli amici o durante gli workshops con gli insegnanti, mi sentivo dire che le mie immagini dei manifesti strappati erano belle. Mi hanno spinto a localizzarle, datarle, categorizzarle. Avevo scatti presi in tutto il mondo, dalla Bergamasca a New York e Los Angeles, in tutti i luoghi dove mi porta il mio lavoro di direttore di riviste specialiste nel settore della didattica e dell’educazione e di coordinatore di progetti sull’uso dei media”.

E viene il momento di farsi conoscere. “Ho costruito una quarantina di videoclip con le mie immagini di manifesti strappati tematizzandole per colore – il blu, il rosso, il nero – e conferendo un senso al mio lavoro. Li ho caricati su Internet, in YouTube, MySpace, Facebook… La prima mostra è stata a OrioCenter nel luglio 2010: il direttore del centro commerciale aveva visto le mie fotografie e mi aveva offerto lo spazio, la piazzetta che dà sull’aeroporto di Orio al Serio, per un’esposizione di una trentina di opere sul tema “Aria, acqua, terra e fuoco”. In tre giorni migliaia di persone mi hanno chiesto informazioni, chiarimenti, delucidazioni. In quell’occasione hanno parlato della mia opera i giornali, tra cui L’Eco di Bergamo, e un’agenzia internazionale, la web magazine Un mondo d’italiani

 “Anch’io all’inizio in Italia trovavo molta irrisione, sufficienza. Mi dicevano: “Hai fatto un fotomontaggio”. E poi dovevo sopportare, e ancora oggi, le reazioni della gente quando mi vede fotografare i manifesti strappati. “Lei è matto”, “Io devo passare”. A Milano sono stato anche fermato dalla Volante: stavo fotografando vicino a una caserma di carabinieri, considerata “un obiettivo militare sensibile. “Che cosa sta fotografando?”. “Vi faccio vedere che cosa ho fotografato”. Non credevano. Anche i miei amici mi facevano scherzi, si fingevano galleristi importanti che mi invitavano a delle mostre”. Per la verità anche noi, quando abbiamo vista la prima mail di Roberto Alborghetti, abbiamo pensato a uno scherzo.

Quando ho portato un mio opuscolo in una galleria di Milano, mi hanno guardato come un alieno. Ma all’estero mi hanno fatto capire che il problema non ero io, erano loro. Dobbiamo uscire dalla nostra mente ristretta, ci sta isolando”.

 Inernet regala a Alborghetti una forte visibilità: fin dall’inizio sono migliaia i contatti sul suo sito “LaceR/Azioni” su YouTube e ArtSlant. “Lacerazioni. Ho scelto questo nome perché la mia attività consiste nel leggere le lacerazioni nei manifesti, specchio delle ferite interiori presenti in ognuno di noi”. Di Alborghetti parla The Huffington Post, il prestigioso blog americano per il quale ha scritto anche il presidente Obama. L’articolo è firmato da Srini Pillay, psichiatra di Harvard, ricercatore nel campo del “brain imaging”, autore di bestsellers sulla neuroscienza, di cui in Italia è pubblicato solo un libro, La calma in tasca (editrice Newton Compton).

Pillay resta colpito in particolare dall’opera di Alborghetti dedicata all’11 Settembre, scrivendone un’analisi psicologica: “L’arte è una forma di cura/guarigione i cui effetti possono essere visibili nel cervello. Quando è bella come quella di Roberto Alborghetti, essa ci invita a rivisitare la tragedia del terrorismo, l’orrore della perdita e la bellezza della nostra capacità di recupero attraverso la nostra misteriosa vita”.

La mostra di Londra si deve allo storico dell’arte e gallerista Chris Barlow: “Ha visto in Internet le mie immagini, le ha apprezzate e mi ha invitato ad andare a Londra per tre giorni all’esposizione internazionale “Parallax” con tre opere, quella sull’11 Settembre, “As running fast water” (Come acqua che corre veloce), “I don’t like to stand still” (Non mi piace stare fermo). “Come acqua che corre veloce” è nata a Bergamo, in via XXIV Maggio in un giorno di pioggia e ora c’è chi l’accosta a Monet”.

 “Sono stato contattato da molte persone che avevano visto le mie immagini in Internet – racconta ancora con stupore, ma anche con orgoglio, Alborghetti -: poeti, musicisti, narratori. Tra questi anche Srini Pillay, che sta lavorando a un progetto internazionale sugli stati della coscienza: mi ha mandato una griglia di venti domande su come nascevano le mie opere. Quando ha ricevutole mie risposte, mi ha scritto: “Io sono un columnist di The Huffington Post, ti dedicherò un articolo sull’opera sull’11 Settembre”. Prendendo spunto dal mio racconto sull’origine di quest’immagine, ha iniziato scrivendo: “Roberto Alborghetti stava camminando lungo via Vico a Milano”. Si è vero: ero lì quando ho visto un tabellone elettorale e sono rimasto affascinata dagli strappi lasciati da un attacchino. I colori mi hanno dato subito l’impressione del sangue e del fuoco che scende dall’alto sul grigio del cemento. Quest’anno è il decimo anniversario dell’11 Settembre e ho pensato di dedicare questa immagine alle vittime”.

 Ma non è finita. “Avevo prodotto due anni fa un clip con immagini molto colorate. L’ha visto un musicista americano di hip-hop, Sweet P. Mi scrive: “Io ti do la mia musica, tu fanne un clip”. Ora sta uscendo in America con il suo primo album…” Con la musica c’è un feeling particolare. “Per un complesso americano, Tonic Sol-Fa, che canta a cappella, l’anno scorso ho costruito un video con immagini astratte che mi ricordavano il clima del Natale. Qualche mese fa ho collaborato con un musicista olandese, Jap Jap. E un musicista sperimentale di Brighton, Jonteknik, mi ha mandato una canzone e mi ha scritto: “Combinala con le tue immagini, mi piacciono moltissimo”. Ho collaborato con il progetto musicale americano “Earscapes”, di Joshua Sellers, musicista e poeta dell’Arkansas, che ha realizzato un video di nove minuti con le mie immagini (Linger) e l’ha mandato su YouTube…”

 “Chi mi commenta che solo da un italiano può nascere un’opera come la mia e mi cita il Rinascimento, così come tutta la cultura che abbiamo alle spalle e ci portiamo dentro, mi mette in crisi. Come chi mi accosta a Cy Twombly, a Josef Albers, alla pop art,  e chi dichiara che ho dimostrato che nell’arte nulla si crea e nulla si distrugge. E’ vero: io non sono un pittore, ma parecchi grandi artisti si sono ispirati ai manifesti strappati. Io ne ho la prova. Io non lavoro le immagini, non le altero, come le colgo, le immortalo. La mia opera è una provocazione. Chi vede le mie opere per la prima volta ha l’illusione che siano dei dipinti. Io devo spiegare che non lo sono…

 Le opere di Alborghetti non piacciono soltanto agli artisti. E’ stato chiamato anche da un’azienda, la Bulwark Design di Srs, di Fiorano Modenese, al centro del distretto della ceramica… E poi l’incontro con Bruno Boggia, che fornisce i disegni agli stilisti. Perché il successo di un capo dipende dai designer tessili. Boggia a Como lavora per le più affermate case di moda internazionali. Alborghetti: “Ha prodotto tre sciarpe di seta con le mie immagini, tra cui quella dedicata all’11 Settembre (Alborghetti ha intenzione di donarla a un’associazione di famiglie di caduti nell’attacco, ndr). Tre prototipi, solo per vedere l’effetto che fa il passaggio dalla carta alla seta”. “Ma c’è anche – conclude – un istituto religioso femminile che ha avuto l’idea di prendere una mia immagine come modello per una vetrata sul tema della Passione. Sono gli altri che vedono tutti questi rimandi. Per me è solo un gioco”.

Ma anche una provocazione per i nostri occhi e per la nostra mente.

 

“L’ECO DI BERGAMO” NEWSPAPER REPORTS ON “9/11 ARTWORK” AND ABOUT SRINI PILLAY ‘S ARTICLE ON “HUFFPO”

Italian newspaper “L’Eco di Bergamo” reports about Roberto Alborghetti’s Lacer/actions. The attention is focused on “9/11 artwork” – dedicated to the Fallen in the WTC massacre – and on the article that has been posted at “The Huffington Post” by Srini Pillay, Psychiatrist, Harvard clinician, brain-imaging researcher, executive couch and author of “Life Unlocked”, “Your Brain and Business: the Neuroscience of the great leaders”, “The Science behind The Law of Attraction”.

 FROM “L’ECO DI BERGAMO” ( Italian version)

The Huffington Post, il prestigioso blog americano per il quale ha scritto anche il presidente Obama, dedica un articolo al bergamasco Roberto Alborghetti , per il suo lavoro artistico dedicato all’11 settembre, che il prossimo ottobre sarà esposto a Londra alla Parallax Art fair alla Royal Opera Arcade.

 Chi gli dedica un lungo articolo è Srinivasan Pillay, psichiatra, docente ad Harvard ed esperto di brain imaging che si è dedicato allo studio delle conseguenze dei traumi post attacchi terroristici. Alborghetti, poliedrico operatore mediatico e organizzatore culturale, un paio d’anni fa ha cominciato a fotografare per hobby gli strappi sovrapposti dei manifesti urbani, ricavandone immagini astratte di notevole suggestione con le quali ha composto gallerie virtuali.

 I suoi lavori hanno attirato l’attenzione di molti frequentatori di internet, fra i quali Pillay che ha contatttato Alborghetti via email per conoscere meglio, racconta il luminare nel suo blog sull’Huffington Post, l’autore e le motivazioni del suo lavoro. In particolare Pillay è rimasto colpito dal lavoro dedicato all’11 settembre, uno scatto realizzato in via Giambattista Vico a Milano, un resto di manifesto elettorale dai colori cupi che ricordano braccia, fiamme e idranti.

 L’opera, fra l’altro è stata trasposta su tela e anche su seta, in collaborazione con Bruno Boggia, artista serico e consulente di griffe internazionali. Anche la sciarpa sarà esposta a Londra e donata per beneficienza all’Associazione dei familiari delle vittime dell’11 settembre.

 Pillay ha scoperto i lavori di Roberto riuniti sotto il nome collettivo di “Lacer/azioni” navigando durante le ore di attesa in aeroporto. Ne è nato un colloquio a distanza che è diventato occasione per una riflessione sul ruolo dell’arte e della bellezza come reazione al male e al dolore e che ha ispirato l’articolo «9/11. Remembering a tragedy through art», 9/11. Ricordare una tragedia attraverso l’arte.

 Ecco il link dell’articolo:

 http://www.huffingtonpost.com/srinivasan-pillay/911-art_b_953397.html