THE POWER OF DRAWING

Drawing helps us to think, invent and communicate”: that’s the message of “Campaign for Drawing”, an UK association based in London area. People of every age involved in two activities: Big Draw (in october) and Power Drawing.

 

 

The Campaign for Drawing has one aim: to get everyone drawing! Why? Drawing helps us to think, invent and communicate – regardless of age and ability. The Campaign took its initial inspiration in UK from the visionary Victorian artist and writer, John Ruskin.

 

Two Programs. The Campaign for Drawing is an independent charity which raises the profile of drawing as a tool for thought, creativity, social and cultural engagement. It has developed two programmes to encourage the use of drawing by professionals and others: The Big Draw and Power Drawing.

As Sue Grayson and Eileen Adams, of CfD, say to me: “The Campaign has created a new regard for the value of drawing to help people see, think, invent and take action. Its long-term ambition is to change the way drawing is perceived by educationalists and the public.” This has won support from leading practitioners in the creative industries and in art, architecture and design colleges, signalling an overdue realisation that drawing is fundamental to the training of students in these disciplines. The Campaign takes a wider view. It sees drawing as a basic human skill useful in all walks of life. The Campaign’s work will finish when the words ‘I can’t draw’ are dropped from our vocabulary.

 

The Big Draw and Power Drawing. Every October more than 1,500 venues, from village halls and nursery schools to national museums and castles, take part in the Campaign’s annual flagship event The Big Draw .

This month-long season spans art, science, design and the environment. It connects generations and communities.

Big Draw events show that drawing can be an enjoyable public activity, as well as a private passion.

Power Drawing is the Campaign’s year-round professional development programme, for teachers, other educators, artists and those interested in developing drawing in schools and cultural and community venues. Power Drawing publications show how drawing supports formal and informal learning. Power Drawing offers a range of courses to help you make the most of drawing in the classroom, in museums and galleries, and in your community.

 

THE BIG DRAW: JOIN AN EVENT!

Why not organise a Big Draw event? Find out how to organise an event, access resources and obtain guidance on planning from Campaign for Drawing ‘s website:

www.campaignfordrawing.org/bigdraw/search.aspx

It’s not too late to register, add or edit your event details. If you are stuck for ideas, visit Drawing in Action for inspiring case studies. Once you’ve made your event description truly enticing, remember to check your copy on our listings section to avoid typos or inaccuracies.

 

 

 

In the picture: Sue Grayson and Eileen Adams of Campaign for Drawing.

 

 

For info:

The Campaign for Drawing

7 Gentleman’s Row, Enfield EN2 6PT – UK

Tel. 020 8351 1719

www.campaignfordrawing.org

 

 

 

IL POTERE DEL DISEGNO

Disegnare ci aiuta a pensare, inventare e comunicare”: è il messaggio dell’Associazione ingese THE CAMPAIGN FOR DRAWING e delle sue iniziative: The Big Draw (ottobre) e Power Drawing.

 

Campaign for Drawing ha un unico obiettivo: fare in modo che tutti possano disegnare. Il disegno ci aiuta a pensare, inventare e comunicare, senza distinzione di età e capacità. Campaign for Drawing ha preso spunto iniziale dal visionario artista vittoriano e scrittore John Ruskin.

The Campaign for Drawing è un ente di beneficenza indipendente inglese (Charity) che sostiene l’attivita del disegno come strumento di pensiero, creatività, impegno sociale e culturale. Ha sviluppato due programmi per incoraggiare l’uso del disegno da parte di professionisti e di chiunque: il Big Draw e il Power Drawing.

 

Campaign for Drawing opera per creare una nuova concezione del disegno come mezzo per aiutare le persone a vedere, pensare, inventare e agire. La sua ambizione a lungo termine è quella di modificare il modo in cui l’attività del disegno viene percepita da chi opera nell’educazione e dal pubblico. Questo impegno ha ottenuto il sostegno da parte di professionisti leader nei settori creativi di arte, architettura e scuole di design, i quali lamentano un ritardo nella percezione del fatto che il disegno è fondamentale per la formazione degli studenti nelle varie discipline. Infatti, per Campaign for Drawing il disegno fa parte di quelle competenze di base utile in tutti i cammini della vita. Il lavoro di “Campaign for Drawing” potrà dirsi concluso quando saranno cancellate dal nostro vocabolario le parole “Non so disegnare”.

 

 

THE BIG DRAW

Ogni ottobre, in più di 1.500 sedi, dalle sale-incontro dei villaggi e dalle scuole materne fino ai musei nazionali e alle dimore storiche, moltissima gente partecipa alla manifestazione annuale di punta di Campaign for Drawing. E’ un lungo mese di eventi che si estendono all’arte, alla scienza, al design e all’ambiente, collegando le generazioni e le comunità. Il Big Draw dimostra che il disegno può essere una piacevole attività pubblica, così come una passione individuale.

Power Drawing è invece il programma annuale di sviluppo di Campaign for Drawing, si rivolge agli insegnanti, agli educatori, agli artisti e a quanti sono interessati allo sviluppo del disegno nelle scuole, nei centri, nelle comunità e nei luoghi di cultura. Le pubblicazioni di Power Drawing guidano nelle attività di disegno ed offrono supporti per l’insegnamento. Power Drawing offre una gamma di corsi per aiutare a disegnare a scuola, in musei e gallerie, e nella vostra comunità.

 

Partecipare al Big Draw. Perché non organizzare, a scuola o nel proprio territorio, un evento del Big Draw? Scoprite “come fare” navigando nel sito: www.campaignfordrawing.org

C’è ancora tempo per per iscriversi, aggiungere o modificare i dettagli del proprio evento sul sito: www.campaignfordrawing.org

Se siete a corto di idee, visitate sul sito citato la sezione “Drawing in Action” per spunti ed esempi di idee. Una volta che avete descritto l’evento in modo davvero “allettante”, ricordatevi di controllare i dati nella sezione annunci al fine di evitare errori di battitura o inesattezze.

 

 

Per informazioni:

The Campaign for Drawing

7 Gentleman’s Row, Enfield EN2 6PT – UK

Tel. 020 8351 1719

www.campaignfordrawing.org

 

BLUE LONDON: THE STREET IS ART

 Also in London the traditional ads billboards have been replaced by electronic or plastic displays. So, for me, it was not so easy to find papers lacerations. But the luck helps who dares… and who opens the doors of perception.

During my recent stay in the city, I had the way to “capture” some interesting images. They were located in central areas, but not so visible to absent-minded passers-by. Me too I had to keep my eyes open wide to discover them. For instance, in Spitafields, along Bishopgates and Shoreditch High Street, I caught some curious lacerations.

They were white paper tracks left on blue coloured billboards. Nice effects: they seemed to me as a sort of elusive ghosts or some misterious signs indicating a path in the urban jungle… They are nine images from that hidden city that wants to keep inside all its colored secrets. A city so close to us, but often so far from our eyes.

Here’s the clip I produced (at Animoto) with those images; the soundtrack is “Don’t mind” by Stukenberg.

 LINKS TO VIDEO:

 http://animoto.com/play/c01re0iTTNBglOnkwEA2Yw

 http://blip.tv/laceractions-lacerazioni/blue-london-5309327

http://youtu.be/6jrrBFt-Ixo

SUMMER EXHIBITIONS IN LONDON: FROM VORTICISM TO AESTHETIC MOVEMENT

 Small Guide to artistic events in London: from Tate Britain and Victoria & Albert Museum to National Portrait Gallery. Without forgetting the new Brancolini Grimaldi gallery dedicated to photography.

 

London offers great opportunities to people who like to plan a “full immersion” in the art world. During my recent travel to the capital of the United Kingdom, I visited some of the most important exhibitions currently in progress.

My “artour” starts at Tate Gallery and Tate Britain, unmissable location on Millbank for those who want to approach the most varied expressions of contemporary art, and not only that. I found two “special exhibitions” particularly interesting: the 150 works – paintings, drawings and sculptures – that describe the extraordinary adventure of Joan Miró and the complexity of his avant-garde art, with a strong political impact and a “revolutionary” meaning. The exhibition is open until September 11.

Another big and impressive exhibition is dedicated to the phenomenon of “The Vorticists”and “Vorticism”(name invented by the American poet Ezra Pound). Its exponents – Wyndham Lewis, Henri Gaudier-Brzeska, Jacob Epstein, William Roberts, Helen Saunders, Edward Wadsworth – were the protagonists of an avant-garde movement which was influenced by the tensions of the early twentieth century, with desires and expectations of renewal. The subtitle of the exhibitions is: “Manifesto for a modern world”. It’s worth while visiting it; open until September 4. I noticed, in the works showed, several nuances and textures that I often find in the pictures of my “lacer/actions” artworks which are actually “whirls” paper raised by modern advertising.

Once more in Tate, I suggest making one “Walk through the Twentieth Century”where, in a series of rooms, it is possible to follow the development of British art in the 20th century. Exposed, among others, works by Whistler, Barbara Hepworth, David Hockney. If there is some time left, two exhibitions are interesting to visit: the Clore Gallery, to have a look at the art of “Romantics” (works by Turner, Constable, Blake) and the exhibition “Watercolour” (open until August 21 ) that shows the development of the water-colourist technique in its expression of versatility.

From Tate to National Portrait Gallery where, until September 18 (admission free), it’s possible to see the artists who have triumphed in “BP Portrait Award 2011”. It is the most prestigious artistic competition dedicated to portraitists (this year 2 thousand 300 authors have joined it). The same National Portrait Gallery, founded in 1856 contains the world’s largest collection of portraits, dating from the Middle Age to nowadays. It’s advisable to see the spectacular work by Paul Beel, winner of 2010 who has portrayed scenes of naturist beaches in Corfu (Greece). The “National” promotes actively subject-portraits with workshops for young peopole, family events, meetings and shows as the “Late shifts” on Thursday and Friday (18 o’ clock, free admittance).

Black and white colours in the photographic exhibition of Clare Strand, which is taking place at the beautiful space of Brancolini Grimaldi, in the central area of Mayfair (Albemarle Street 43-44). Although, during my morning visit, it was still a work in progress, I could admire photographs and video installations of an artist who works on the details of things and everyday reality. Actually, the bi-chromatic language is efficacious to transfigure objects that usually surround us whose meaning slips away or objects that are not considered since they are “usual”.

Gallery Brancolini Grimaldi has been recently opened. It represents different artists that operate in the field of photography. This “english branch” joins the experience that has been acquired in Italy by ladies Brancolini and Grimaldi with similar spaces in Rome and Florence (www.brancolinigrimaldi.com)

Finally – to show how London has always been the centre of innovative trends and cultural phenomenon of global importance – here is another interesting proposal that comes from Victoria & Albert Museum, historic complex in the area of Brompton: “The Cult of Beauty” artistic celebration of the Aesthetic Movement,active in London from 1860 to 1900. Open until July 17, the exhibition is a reproposal of reflections on one of the most original and surprising phenomenon of “a world that was changing”, which was concerned with art, literature and costume. Disparagingly defined as an expression of “decadence”, Aestheticism is now conceived as a force that preserves its power of innovation. The rebellion against capitalism and utilitarianism, and the conception of Art as a value, are concepts still present in modern debates.

Through its tribute to Leighton, Rossetti, Burne-Jones, Whistler and, obviously, Oscar Wilde, “The Cult of Beauty” proposes the message of the philosopher Hume: beauty exists only in the eyes of those who contemplates it and it’s established by a “personal taste” that becomes more and more precise “enjoying” things of beauty. In London in summer 2011, where the winds of Vorticism and Aestheticism are blowing, there are possibilities of being educated by the beauty of art.

ROBERTO ALBORGHETTI

 

 

In the pic: facade of Tate Britain, with the promotional canvas dedicated to “the Vorticists”.

 

GRANDI MOSTRE A LONDRA TRA VORTICISMO ED ESTETISMO

  

Piccola guida agli eventi artistici londinesi: dalla Tate Britain al Victoria & Albert Museum, passando dalla National Portrait Gallery. Senza dimenticare la nuova galleria Brancolini Grimaldi dedicata alla fotografia.

 

Londra offre sempre grandi opportunità a chi vuol pianificare una “full immersion” nel mondo dell’arte. Nel corso di una mia recente spedizione nella capitale del Regno Unito, ho potuto visitare alcune delle più importanti esposizioni attualmente in corso.

Il mio “artour” inizia alla Tate Gallery o Tate Britain, imperdibile postazione sul Millbank per chi vuole avvicinare le più varie espressioni dell’arte contemporanea, e non solo. Due le “special exhibitions” che mi hanno particolarmente interessato: i 150 lavori – dipinti, disegni e sculture – che raccontano la straordinaria avventura di Joan Miró, qui colto nella complessità della sua arte avanguardista, dal forte impatto politico e “rivoluzionario”. Da visitare: è aperta fino al l’11 settembre prossimo.

Altra grande e suggestiva esposizione è quella dedicata al fenomeno dei “Vorticists” e del “Vorticism” (nome ideato dal poeta americano Ezra Pound), i cui esponenti – rappresentati da Wyndham Lewis, Henri Gaudier-Brzeska, Jacob Epstein, William Roberts, Helen Saunders, Edward Wadsworth – furono i protagonisti di un movimento d’avanguardia che recepiva fermenti e tensioni del primo Novecento, con desideri ed attese di novità. Sottotitolo dell’esposizione: “Manifesto for a modern world”. Vale davvero una visita; è aperta fino al 4 settembre prossimo. Ho colto, nelle opere esposte, parecchie sfumature e strutture che trovo quotidianamente nelle immagini delle mie “lacer/azioni”, che sono effettivamente “vortici” di carta sollevati dalla moderna comunicazione pubblicitaria.

Sempre alla Tate, suggerisco di fare uno “Walk through the Twentieth Century” dove, in una serie di sale, è possibile effettuare una esplorazione dello sviluppo dell’arte britannica nel secolo XX. Esposte, tra le altre, opere di Whistler, Barbara Hepworth, David Hockney. Se avanza del tempo, interessanti anche le tappe presso la Clore Gallery per un tuffo nell’arte dei “Romantics” (opere di Turner, Constable, Blake) e alla mostra “Watercolour” (aperta fino al 21 agosto) che traccia lo sviluppo della tecnica acquerellista mostrata nella sua versatilità espressiva.

Dalla Tate alla National Portrait Gallery, dove fino al 18 settembre (ingresso libero) è possibile visionare gli artisti che hanno trionfato nel “BP Portrait Award 2011”. E’ la più prestigiosa competizione artistica dedicata ai ritrattisti (quest’anno vi hanno aderito circa 2 mila 300 autori). Del resto, la stessa National Portrait Gallery, fondata nel 1856, custodisce la più grande collezione mondiale di ritratti, che datano dal Medio Evo fino ai giorni nostri. Da vedere la spettacolare opera di Paul Beel, vincitore del 2010, che ha ritratto la scena balneare di una spiaggia naturista a Corfù (Grecia). La “National” è molto attiva nella promozione del soggetto-ritratto, con workshops per giovani, eventi per le famiglie, incontri e spettacoli come i “Late shifts” del giovedi e venerdi (ore 18, ingresso libero).

Tinte in bianconero, invece , per la mostra fotografica di Clare Strand, in corso presso il bellissimo spazio espositivo di Brancolini Grimaldi, nella centralissima area di Mayfair (43-44 Albemarle Street). Anche se, nella mattinata della mia visita, erano in corso lavori di sistemazione, non è comunque mancata la piacevolezza di avvicinare le immagini fotografiche e le videoinstallazioni di un’artista che lavora sui dettagli delle cose e della realtà quotidiana. Effettivamente, il linguaggio bi-cromatico risulta decisivo nel trasfigurare gli oggetti che usualmente ci circondano e che, spesso, ci sfuggono nel loro senso o, peggio, non vengono considerati perchè, appunto, usuali.

La galleria Brancolini Grimaldi è stata inaugurata di recente. Rappresenta diversi artisti che si muovono nel campo della fotografia. E’ il “ramo londinese” che si aggiunge all’esperienza ed alla storia che le signore Brancolini e Grimaldi hanno acquisito in Italia con analoghi spazi a Roma e Firenze (www.brancolinigrimaldi.com)

Infine – a dimostrazione di come Londra sia sempre stata fucina e laboratorio di tendenze e fenomeni culturali di rilevanza mondiale – ecco un’altra interessante proposta che arriva dal Victoria & Albert Museum, storico complesso nell’area di Brompton.Si tratta di “The Cult of Beauty”, celebrazione artistica del Movimento Estetico attivo nella Capitale inglese tra il 1860 ed il 1900. Aperta fino al prossimo 17 luglio, la mostra è una riproposta di riflessione e di approfondimento su uno dei più originali e sorprendenti fenomeni d’arte, letteratura e costume del “mondo che stava cambiando”. Definito in senso dispregiativo come espressione del “decadentismo”, il fenomeno dell’Estetismo va ora rivisto come una forza che conserva una sua carica innovativa. La critica e la contestazione mosse al capitalismo ed all’utilitarismo, e la visione dell’espressione artistica vista nella sua natura eminentemente “estetica”, sono argomenti più che mai vivi nel dibattito odierno. Nel suo omaggio a Leighton, Rossetti, Burne-Jones, Whistler e, ovviamente, Oscar Wilde, “The Cult of Beauty” propone quello che è il messaggio del filosofo Hume, quando dice che la bellezza esiste solo negli occhi di chi la contempla ed è stabilita da un “gusto” personale che si affina sempre più “gustando” appunto le cose belle. E a Londra, in quest’estate 2011, dove soffiano forti i venti del Vorticismo e dell’Estetismo, non mancano le possibilità per educarci alla bellezza dell’arte.

ROBERTO ALBORGHETTI

 

Nella foto: facciata della Tate Britain, con la tela promozionale dedicata ai “Vorticists”.

 

 

 

FOUR CANVASES IN A NEW VIDEOCLIP

LACER/ACTIONS BY ROBERTO ALBORGHETTI - Canvas: "Burnin'up in the red fire of my thinking"

 

I’ve just posted on Animoto my new videoclip  dedicated to four of my “Lacer/Actions” artworks. These are the titles of artworks : “Burnin’up in the red fire of my thinking” (see the photo) , “A frozen morning in Milan, before Xmas”, “I don’t like to stand still” and “As a runnin’fast water”.  The soundtrack is “Miracles” by The Dawn. The artworks are original unique copies. They are details and particulars of lacerated papers from  billboards.  For info: ro.alb@alice.it

“RI-CREAZIONI POP COME AVANGUARDIA ARTISTICA”

 I miei artworks “LACER/AZIONI” nella recensione di un autorevole critico: Lino Lazzari, giornalista, scrittore, decano in Italia della comunicazione sull’arte, autore di saggi e studi, tra cui la monumentale opera sull’Accademia “Carrara”.

 LACER/AZIONI poster

Uno tra i fondamentali principi della fisica così afferma: “In natura niente si crea, niente si distrugge”. Niente si crea poiché ogni realtà che l’uomo riesce ad inventare non viene dal nulla ma bensì da una realtà preesistente; e niente si distrugge in quanto una realtà, quando si dice “è distrutta”, “è consumata”, di fatto essa è “ri-creata” o trasformata, acquistando così necessariamente una identità del tutto nuova.

E’ quanto, nello specifico, Roberto Alborghetti riesce a fare con manifesti pubblicitari che compaiono sui muri o sugli appositi spazi espositivi nelle strade delle nostre città, ma però “distrutti” in buona parte dal tempo, o strappati da sconosciuti. L’interesse per quei manifesti che, all’istante dell’esposizione in pubblico, appariva in modo chiaro ed esplicito, ora non esiste più. Rimangono soltanto brandelli di carta, immagini a colori di cui non si riesce a “leggere” più nulla del messaggio pubblicitario che annunciavano, “cose” del tutto insignificanti, “materia” da buttare nell’inceneritore.

Roberto Alborghetti, però, con un intuito per davvero sorprendente, ha pensato di dare a quelle immagini una nuova identità, di trasformarle in altre immagini, in una parola, di ri-crearle”. Ma a quale scopo?

Semplice, per lui: inimmaginabile sarebbe stato per ciascuno di noi.

Scopo di tale gesto “ri-creativo” era quello di fotografare a piacimento tutto ciò che rimaneva di quei “brandelli” e, magari, trarre da questi significativi “soggetti artistici”. Progetto inattuabile? Niente affatto. Osservando attentamente questi rimasugli completamente insignificanti, si desume che proprio tali rimasugli alla fine si sono dimostrati per davvero “soggetti artistici” con precisi, nuovi messaggi del tutto differenti da quelli originali e che il manifesto presentava al momento della sua affissione. Dire che Roberto Alborghetti vi sia riuscito, è fare semplice constatazione.

Quegli “strappi” di manifesto, “ri-creati” da Roberto Alborghetti, sono diventati veri quadri d’artista, a prima vista da attribuire a pittori contemporanei d’avanguardia, con autentici e precisi messaggi sui quali soffermare la nostra attenzione. Alla vista degli osservatori questi quadri “parlano” di cieli e mari azzurri, di albe e di tramonti suggestivi, di scenari che definiremmo “bucolici”, e così via. Il tutto con un “linguaggio” chiaro e comprensibile.

Per quanto qui ora descritto, si può parlare di espressione artistica? Direi di sì. Infatti la “Pop-Art” in un certo senso ha fatto altrettanto, per cui non ci riesce difficile associare i quadri di Roberto Alborghetti all’ “Arte Popolare” vera e propria. Non manca né la “creatività” dell’artista né, tanto meno, la sua sensibilità di fronte alle bellezze delle variazioni cromatiche, le sue emozioni per quelle nuove immagini che per davvero inducono alla visione di stupende realtà “ri-create” da una fantasia vivace e, se vogliamo, da un sincero sentimento poetico che non lascia indifferenti nessuno. Arte visiva è tutto ciò che, tramite e per mezzo dell’immagine impressa, sulla tela oppure scolpita, possa suscitare delle sensazioni intimistiche, in un contesto di valori da apprezzare profondamente.

Quanto riguarda, invece, la parte tecnica, si richiede una giusta composizione dei piani (ci riferiamo in particolar modo alla pittura), un “gioco” cromatico armonioso una equilibrata composizione strutturale, una immagine che non risulti statica ma, al contrario, in continuo movimento. I quadri di Roberto Alborghetti presentano tutte queste caratteristiche, per cui a questo artista va il pieno apprezzamento della critica sul piano artistico.

Siamo certi che Roberto Alborghetti continuerà questo suo “cammino” artistico poiché non gli mancano le capacità. E i successi finora ottenuti con la presentazione delle sue opere in varie mostre personali, continueranno a susseguirsi. I suoi quadri meritano attenzione. Da quei “pezzi stracciati” di manifesti pubblicitari, ora “ri-creati”, giunge a noi un autentico messaggio di poesia, di serenità, di ammirazione per tutto ciò che può offrirci di bello e, in definitiva, di artistico ogni oggettualità. Non conta la materia che viene usata per realizzare un’opera d’arte e per trasmettere positivi messaggi di umanità. E’ sufficiente la capacità di servirsi anche di “strappi” di carta colorata per esaltare le caratteristiche di una realtà che si fa immagine sorprendente, suasiva, coinvolgente, per quanto concerne i dettami dell’arte visiva.

Roberto Alborghetti ne ha dato la prova.

Lino Lazzari

MY ARTWORKS: FEEL THE POWER OF BLUE…

 

 “There’s a blue time for everyone” is the title of my “LaceR/Actions” artwork showed above. Let your eyes and mind flow through hues and shades… And feel and perceive the incredible power of the colours… Blue colours…

 Medium: Canvas, 62×93, Unique original copy.

Image location: Italy 2010.

 

 

———————————-

LaceR/Actions”is a multidisciplinary project and research about urban landscapes, especially concerning the apparent chaos of ripped papers from billboards and advertisings diplays. I have so far collected more than 24.000 images. Impressed by photocamera and transferred on canvas, reproduced on lithographs or textiles, or scanned in a video clip, the details of torn advertisings give new life to paper lacerations.

I think that in the lacerated advertisings is recognizable the “unwrapped” city, self-destroying in the messages, self-regenerating and self-reproducing in new visual elements, often contradictory, dissonant, discordant, but still surprisingly vital.

Some “Lacer/Actions” artworks were published in a booklet-portfolio: Pics of torn (publi)city”. In July 2010, thirty thousand people visited my show “The Four Elements of LaceR/Actions” during the three days exhibition at Oriocenter (Milano Bergamo Orio Airport, Italy).Myartworks are also taking part of experiences about sensorial and emotional perceptions (sinestesys) concerning kinesiologic tests.

 

LACER/ACTIONS on web

www.artslant.com/ew/artists/show/134694-roberto-alborghetti

www.myspace.com/lacer-azioni

www.youtube.com/user/lacerazioni

www.facebook.com/roberto.alborghettilacerazioni

http://lacer-azioni.blip.tv/

https://robertoalborghetti.wordpress.com/

http://it.linkedin.com/in/robertoalborghettilacerazioni

 

 

MY FATHER SURVIVOR IN KEFALONIA: TALKIN’ ABOUT WAR WITH STUDENTS…

  

On Wednesday June 8, at the Secondary School in Cisano Bergamasco (Bergamo, Italy), was promoted a conference with third classes students about my father, Battista Alborghetti and his dramatic story from the massacre of Kefalonia (1943).

The meeting took place a few days after the official communication by the Presidency of the Council of Ministers, to confer to Battista Alborghetti the “Medal of honor” established for Italian citizens, civilian and military, deported and interned in nazi concentration camps; Baptist was imprisoned and segregated in Argostoli (Kefalonia, Greece).

The students were very interested about my father story. The conference has been organized by the School Institute and the local Kid’s Town Council. 

***

MY FATHER IN THE HELL OF KEFALONIA:

WATCH THE TV DOCUMENTARY PRODUCED BY RAIUNO (ITALIAN TELEVISION CHANNEL)

***

 A survivor memory, an unpunished massacre

and the State conspiracy of silence

***

FROM THE BOOK BY ROBERTO ALBORGHETTI

***

My father Battista told me…  A nightmare. This is still for me, Kefalonia. I’m a survivor. I was in that hell from November 1942 to November 1944, along with other 11.600 Italians. After September 8, 1943 – as a result of our refusal to surrender to the German army – about 9-10.000 Italian soldiers were massacred. A terrible massacre, that still remains in my eyes and on my mind. There are so many images about those awful days of terror: stories of war and death, written in the blood of so many young people who pursued the dream of a better Italy. I was nineteen years old when I was assigned to the Divisione Acqui – at 33th Artillery, First group, Second battery – on the Greek-Albanian front, already controlled by German Army. The armistice proclaimed in Italy by general Badoglio (September 8, 1943) changes our destinies. Germans claim our surrender, but they do not offer enough guarantees about Italian troops repatriation. Italian officers called a consultation between the military departments: it’s an unprecedented event in the modern army history. We decide to refuse surrender and not to give our weapons to the germans. And after that, the Apocalypse…

An historical photo: Battista Alborghetti (first on the left) and five fellows in Cefalonia in 1943 before the massacre.

An historical photo: Battista Alborghetti (first on the left) and five fellows in Cefalonia in 1943 before the massacre.

In the early hours of the battle I see my three companions dying. They fall down close to me. Some minutes later, a splinter of a grenade explosion hits my left leg. The Acqui Division – poor in weapons – is destroyed. People who do not succumb in the fighting they become prey of the Wehrmacht. German soldiers rakes the island, inch by inch. I escaped from the capture in a couple of occasions; I hide myself between mules and I repaire inside water pipes in the undergrowth. They capture me on September 21.

About 300 Officers (captains, lieutenats and second lieutenants) were captured and transferred to the sadly known “Red House”, in San Teodoro. Against every principle of the international conventions, they were shot within 36 hours, four people at a time… The corpses, weighed down with rolls of barbed wire, they were then thrown into the sea, sprinkled with petrol and burned in bonfires, whose light illuminated the night, leaving a foul smell in the air.

My companions were loaded onto trucks and taken somewhere: I won’t see them anymore. My friend, the second lieutenant Giampietro Matteri – from Dongo (Como), twenty-two years old – is killed on September 24. The same destiny for another friend, the second lieutenant Pillepich, from Trieste: I still remember the terror in his eyes when, together with eleven companions, he was dragged from the group. Few minutes later we heard the shots of machine guns, followed by cries of pain, yells, invocations. And then other shots. The finishing strokes.

At the concentration camp we were treated worse than beasts. In the morning, Wehrmacht officers assembled us, offering – as they were saying – “the chance to return to Italy”. But I always said to myself: if they want to kill me, I prefer that they do it here. We now know: who accepted that proposals were shot. They were shipped on steamers, as easy targets for Stukas airplanes or for floating mines. It’s what that happened to my compatriot, Ferdinando Mangili. He climbed aboard of one of those ships that were full of soldiers who looked forward to reach home… But the ship was sunk off and the waves returned the corpses… The Germans forced me to bury the dead, all around the island. Chaplain father Luigi Ghilardini and I, we recomposed corpses or what was left of bodies mangled by bullets and then devoured by ravens and vultures…

One day the nazis picked up us suddenly and they brought us in the square of Lixouri, where they deployed 13 Greeks accused of being partisans. Those poor people were hunged under our eyes. It happened that one of them – because of a broken rope – fell to the ground. He was still alive. Nazis soldiers took him and hung him again… If at that moment I had been given a stab, I would release even a single drop of blood, so I was shocked.

In October 1944, nazis abandoned Kefalonia: they were moving to other fronts. We remained on the island for nearly a month, as forgotten people. We scanned the horizon, waiting for a ship. We wanted to end this terrible experience. Finally on November 13, the Garibaldi and Artigliere ships landed to Argostoli ‘s port. We embarked to Taranto, but to be back home I will have to wait till June 5, in 1945. The war stole me everything but the joy to be back home, as well as the inability to forget Kefalonia, the dead, the extermination, the ferocity.

No medal, no bonuses, even no official apology from the German State – apology always denied, but never officially requested by Italy – can never compensate what was removed to thousands of young people, to thousands of families. Inside me, in addition to horror, remains the strength to repeat that all this cannot longer occurs. Never again. Never again. Never again.

© Copyright Roberto Alborghetti

***

mio-padre-nellinferno-di-cefalonia1

MY ARTWORKS: “RUST, BACTERIUMS AND DUST”

 

 

Rust, bacteriums and dust” is the title of the “LaceR/Actions” artwork showed above. No other kind of title for this realistic image that really incorporates the signs of the times, urban decomposition included…

Medium: Canvas, 62×93, Unique original copy.

Image location: Milan, Italy 2010.

 

 

———————————-

LaceR/Actions”is a multidisciplinary project and research about urban landscapes, especially concerning the apparent chaos of ripped papers from billboards and advertisings diplays. I have so far collected more than 24.000 images. Impressed by photocamera and transferred on canvas, reproduced on lithographs or textiles, or scanned in a video clip, the details of torn advertisings give new life to paper lacerations.

I think that in the lacerated advertisings is recognizable the “unwrapped” city, self-destroying in the messages, self-regenerating and self-reproducing in new visual elements, often contradictory, dissonant, discordant, but still surprisingly vital.

Some “Lacer/Actions” artworks were published in a booklet-portfolio: Pics of torn (publi)city”. In July 2010, thirty thousand people visited my show “The Four Elements of LaceR/Actions” during the three days exhibition at Oriocenter (Milano Bergamo Orio Airport, Italy).Myartworks are also taking part of experiences about sensorial and emotional perceptions (sinestesys) concerning kinesiologic tests.

 

LACER/ACTIONS on web

www.artslant.com/ew/artists/show/134694-roberto-alborghetti

www.myspace.com/lacer-azioni

www.youtube.com/user/lacerazioni

www.facebook.com/roberto.alborghettilacerazioni

http://lacer-azioni.blip.tv/

https://robertoalborghetti.wordpress.com/

http://it.linkedin.com/in/robertoalborghettilacerazioni

 

MIO PADRE NELL’INFERNO DI CEFALONIA

Mercoledì 8 giugno 2011, presso la Scuola secondaria di primo grado di Cisano Bergamasco, Bergamo, si terrà un incontro con gli studenti ai quali verrà presentata la vicenda di Battista Alborghetti, superstite del massacro di Cefalonia (1943). L’incontro avviene a pochi giorni dalla comunicazione ufficiale, da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del conferimento a Battista Alborghetti della “Medaglia d’Onore” istituita per i cittadini italiani, civili e militari, deportati ed internati nei lager nazisti; Battista venne imprigionato e segregato nel lager di Argostoli (Cefalonia, Grecia). Ecco, al riguardo, una testimonianza raccolta dal figlio Roberto. 

 NELL’INFERNO DI CEFALONIA

di Battista Alborghetti – Testimonianza raccolta dal figlio Roberto.

  Un incubo. Questo è, ancora oggi per me, Cefalonia. Io fui in quell’inferno dal novembre 1942 al novembre del 1944, insieme agli altri 11.600 italiani. Dopo l’8 settembre 1943 – a seguito del nostro rifiuto di arrendersi ai tedeschi – ne vennero trucidati 10.500. Un massacro spaventoso, che ancora oggi porto negli occhi e nella mente. Io, Battista Alborghetti, classe 1923, di Ambivere (Bg), ne sono un sopravvissuto. Tante le immagini che si affollano nel ricordare quei terribili giorni di terrore. Storie di guerra e di morte, scritte nel sangue di tanti giovani che inseguivano, e non è retorica, il sogno di un’Italia migliore. Avevo diciannove anni quando venni assegnato alla Divisione Acqui, nel 33° Reparto Artiglieria, Primo Gruppo, Seconda Batteria, mandato sul fronte greco-albanese, già sotto l’occupazione degli alleati tedeschi. E’ l’armistizio proclamato da Badoglio a cambiare i nostri destini. I tedeschi pretendono la resa e non offrono garanzie sufficienti sul rimpatrio delle truppe. Viene indetta – fatto senza precedenti – una consultazione tra i reparti: si decide di non cedere le armi. E davvero si scatena l’apocalisse.

Nelle prime ore di battaglia vedo morire i miei compagni di batteria: due bresciani ed un toscano. Cadono vicino a me. E nell’esplosione di un’altra granata anch’io vengo colpito alla gamba sinistra da una scheggia. La Divisione Acqui – povera di mezzi – è annientata. Chi non soccombe nei combattimenti diventa preda della Wehrmacht, che rastrella l’isola palmo a palmo. Sfuggo alla cattura in un paio di occasioni, nascondendomi tra i muli e riparando all’interno di condutture d’acqua tra le sterpaglie, ma il 21 settembre sono fatto prigioniero. Gli ufficiali e i sottufficiali, oltre 300, sono catturati e trasferiti in quella che, tristemente, è ora nota come la “casa rossa”, a San Teodoro. Contro ogni principio del “diritto di guerra”, vengono fucilati quattro alla volta, nell’arco di 36 ore. I cadaveri, appesantiti con rotoli di filo spinato, sono poi gettati in mare, cosparsi di benzina e bruciati nei falò, la cui luce sinistra illuminava le notti dell’isola, lasciando nell’aria un odore ripugnante di sangue.

I miei compagni vennero caricati su camion e portati chissà dove: non li vidi più. Come il sottotenente Giampietro Matteri, di Dongo, ventidue anni, passato per le armi il 24 settembre. Come il sottotenente Pillepich, di Trieste: ricordo il terrore nei suoi occhi quando insieme ad undici compagni venne portato in un piccolo avallamento. Dopo qualche minuto si udirono sventagliate di mitragliatrice, seguite da lamenti di dolore, urla, invocazioni. E poi altri spari, quelli dei colpi di grazia… Al campo di concentramento ci trattavano peggio delle bestie. Al mattino ci radunavano e ci proponevano la possibilità di rientrare in Italia. Ma mi dicevo: se vogliono farmi fuori, preferisco che lo facciano qui. Ora conosciamo il destino cui andavano incontro coloro che accettavano quella proposta. Venivano fucilati o imbarcati sui piroscafi, facile bersaglio degli Stukas o delle mine vaganti. Così accadde al mio compaesano, Ferdinando Mangili. Salì a bordo di una di quelle navi, stracariche di soldati che non vedevano l’ora di approdare in Italia. Venne affondata al largo e le onde del mare restituirono alla riva i cadaveri… I tedeschi mi obbligavano a seppellire i morti, in giro per l’isola. Con il cappellano padre Luigi Ghilardini, ricomponevamo le salme o quel che era rimasto di corpi straziati dai proiettili e dai colpi di artiglieria e poi divorati dai corvi e dagli avvoltoi.

Un giorno i nazisti ci prelevarono improvvisamente e ci portarono nella piazza di Lixuri, dove erano schierati tredici greci accusati di essere partigiani. Li impiccarono sotto i nostri occhi. Accadde che ad uno di quei poveretti si ruppe la corda. Il ragazzo precipitò a terra, ancora vivo. I tedeschi lo fecero rialzare e tornarono ad appenderlo all’albero… Se in quel momento mi avessero dato una coltellata, non mi sarebbe uscita nemmeno una goccia di sangue, tanto ero sconvolto. Nell’ottobre del ‘44, i tedeschi, richiamati su fronti più decisivi, abbandonarono Cefalonia. Restammo sull’isola per quasi un mese, come dimenticati. Scrutavamo l’orizzonte del mare, in attesa di vedere una nave che ci venisse a prelevare, aiutandoci a scrivere la parola fine a questa storia. Finalmente il 13 novembre, giungono in porto la Garibaldi e l’Artigliere. Ci imbarcano per Taranto, ma per il ritorno a casa dovrò aspettare ancora più di sei mesi. La guerra mi aveva tolto tutto. Ma non la gioia di essere riuscito a portarmi a casa la pelle, oltre che l’impossibilità di dimenticare Cefalonia, i morti, lo sterminio, la ferocia.

Nessuna medaglia, nessuna indennità, perfino nessuna scusa ufficiale da parte dello Stato tedesco – scuse sempre negate, ma mai richieste ufficialmente dall’Italia – potranno mai risarcire ciò che è stato tolto a migliaia di giovani, a migliaia di famiglie. Anche a me, oltre all’orrore, rimane la forza di ripetere che tutto ciò non possa più avvenire. Mai più.