GIARDINO DI BOBOLI (FIRENZE): QUELLE STRAORDINARIE COLLEZIONI DI AGRUMI

OKAY!

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Il Giardino di Boboli e il Museo del Palazzo del Re Jan III a Wilanów  (Polonia) insieme per valorizzare il proprio patrimonio. Parte da Firenze il progetto “Citri et Aurea” che intende valorizzare le collezioni storiche di agrumi presenti nelle collezioni botaniche delle due istituzioni museali.

Il progetto partito in questi giorni con la visita a Firenze di tre specialisti polacchi, porterà all’approfondimento della conoscenza delle relazioni italo-polacche connesse al giardinaggio ed allo scambio di conoscenze e buone pratiche inerenti la creazione di una collezione di agrumi e il suo successivo mantenimento.

Il Giardino di Boboli vanta una collezione botanica straordinaria e unica al mondo, con oltre 500 vasi di agrumi di circa 90 varietà diverse. Oltre una ventina di queste sono antiche varietà medicee. La collezione di agrumi di Boboli è una delle più importanti in Europa a livello botanico avviata dallo stesso Cosimo I nel ‘500.

View original post 916 more words

THE “CRACKS” FILES / EXPLORING METAL AND PLASTIC SURFACES

CRACKS  © ROBERTO ALBORGHETTI  - REALISTIC IMAGE - # 1

© ROBERTO ALBORGHETTI 

Cracks is part of my Lacer/actions Project which investigates and explores the incredible dimension of the decomposition of torn publicity posters on outside advertisings billboards. Since 2009 I entered the wonderful world of Cracks… We are surrounded by cracks. We live in a planet of cracks (yes, cracks are maybe another metaphor of Life, as well as the waste-paper…). All the Cracks pics are realistic, natural, random and not enhanced images. So, welcome to Cracks world, where matter is broken but not split…

MILAN: “LET’S CREATE AN EMOTICON THAT REPRESENTS US…”

“A Network for Inclusion”: a training experience on the contents of my book “Social or dis-social?” (Funtasy Editrice) was held in Milan at the “Capponi” Institute directed by Gabriella Conte. Analyzes, discussions and workshops took place along 3 days. The initiative was carried out with the collaboration and support of the Municipality 5 of Milan. As author of the book, I met students and their parents. Great space for free creativity. Here in the photos I gathered some of the drawings created by kids. With the language of emoticons, they answered to the question: “How do you want you to be publicly represented?” It was a wonderful experience that revealed emotions, moods, thoughts. “Let’s create an emoticon that represents us …”

DSCN5603

*

“Una Rete per includere”: su questo tema si sono svolti in corso in questi giorni a Milano, all’IC Capponi diretto da Gabriella Conte, una esperienza formativa sui contenuti del mio libro “Social o dis-social?” (Funtasy Editrice). Si sono svolti analisi, discussioni e workshops. L’iniziativa è stata realizzata con la collaborazione e il sostegno del Municipio 5 di Milano. Io, come autore del libro, ho incontrato allievi e i loro genitori. Grande spazio alla libera creatività. Ecco nelle foto alcuni dei lavori che, con il linguaggio degli emoticon, hanno risposto alla domanda: “Come vuoi che tu fossi rappresentato pubblicamente?”. E’ stata una bellissima esperienza che ha rivelato emozioni, stati d’animo, pensieri.

LIVORNO: MOSTRA NO-STOP SU MODIGLIANI E L’AVVENTURA DI MONTPARNASSE

OKAY!

Sono già stati più di 8.000 i visitatori che hanno ammirato la mostra “Modigliani e l’avventura di Montparnasse”. Capolavori dalle collezioni Netter e Alexandre” allestita al Museo della Città (piazza del Luogo Pio) dal 7 novembre scorso. Grande affollamento specie nelle giornate del venerdì, sabato e domenica quando l’esposizione rimane aperta fino alle 23, senza sosta. Una bella opportunità quella di visitare la mostra in orario serale, quando si accendono i riflettori sulla suggestiva piazza del Luogo Pio su cui si affaccia il Museo della Città collocato all’interno dei Bottini dell’Olio: un’antica struttura seicentesca un tempo adibita a grande deposito oleario a servizio del vicino porto. Invitati da una carrellata di immagini dei quadri di Modigliani proiettate sull’esterno della struttura si ci si può addentrare all’interno dell’esposizione che conta, oltre le opere del grande “Dedo”, più di un centinaio di opere rappresentative della École de Paris: Soutine, Utrillo, Derain, Kisling .

Grandi…

View original post 242 more words

BLACK’N’WHITE: AFTER AN ADVERTISING POSTER HAS EXPIRED…

Video created by Roberto Alborghetti for “Lacer/actions”, project-research about torn and decomposed publicity posters, natural cracks and scratches, industrial and urban matters. The Black ‘n’ White photos were taken in Bari (Italy).  They show what remains after an advertising poster has been torn because it has expired. Soundtrack: “The Voyage” by Audiomachine.

For Info: funtasyeditrice@gmail.com

© Roberto Alborghetti

THE SPECTACULAR ROCCA D’ANGERA ON LAKE MAGGIORE: A JUMP IN THE MIDDLE AGES

The Rocca d’Angera proudly stands on a spur of rock that dominates the southern shores of Lago Maggiore. Located in a strategic position to monitor the trade routes, it was house of the Visconti family from Verbano. During 1449 the Borromeo family acquired it. Inside the Rocca a delightful itinerary will make you discover the great historical halls, recently enriched with the addition of the Sala delle Maioliche, an extraordinary collection counting 300 pieces.
The Museum of Dolls and Toys, the greatest in Europe, will amaze you with the incredible collection of dolls and toys from a long-time-gone era. The history of dolls and playtime explains itself through the evolution of crafting materials, behavioral and educational boundaries, court connections and coeval fashion. To create a perfect frame for the Museum, the exquisite Medieval Garden full of symbolic meaning, realized after accurate studies on ancient codices, old documents and pictures.

For infos: https://www.isoleborromee.it/eng/home.html

Rocca d’Angera, Photo by Roberto Alborghetti

IMAGINARY ARABESQUES: CORROSIONS AND CRACKS ON A WASTE BASKET (video)

The wear and tear of time, in its unstoppable pace, causes corrosion and cracking. This is what happened to the waste baskets placed in the center of a surprising medieval village, Abbadia San Salvatore, located on Mount Amiata, in the heart of Tuscany. The yellow paint, over the years, has peeled off and corroded, leaving room for imaginary arabesques that the eye of my camera caught at close range.

For infos: funtasyeditrice@gmail.com

L’usura del tempo, nel suo inarrestabile incedere, provoca corrosioni e screpolature. Così è capitato ai cestini per i rifiuti collocati nel centro di un sorprendente villaggio medioevale, Abbadia San Salvatore, situato sul monte Amiata, nel cuore della Toscana. La verniciatura gialla, nel corso degli anni, si è scrostata e corrosa, lasciando poi spazio ad immaginari arabeschi che l’occhio della mia fotocamera ha colto a distanza ravvicinata.