FROM THE BIRTHPLACE OF SHAKESPEARE A NEW INITIATIVE TO REVOLUTIONISE THE WAY THE LEGENDARY PLAYWRIGHT IS TAUGHT

 William Shakespeare

Teachers in Singapore are being supported to change their approach to teaching Shakespeare by adopting techniques used by actors and directors as part of a pioneering new project from the UK’s Royal Shakespeare Company (RSC) and the University of Warwick that aims to transform classroom experiences of Shakespeare. According to research undertaken by the RSC and the British Council up to 64 million children across the world learn about Shakespeare’s plays, but for some it is not the life enriching experience it could be.

The RSC, based in Shakespeare’s birthplace in Stratford-upon-Avon, Warwickshire, UK, has teamed up with Warwick Business School, which is part of the University of Warwick, UK, to change that. Together, they have produced a one-stop shop online professional development programme, called Teaching Shakespeare, that holds a treasure trove of materials including over 100 films featuring modelled lessons and interviews, with leading RSC directors and practitioners along with academics from the University of Warwick. This ground-breaking programme provides teachers with the essential skills and knowledge to develop active, drama-based approaches to teaching Shakespeare in their classrooms.

Encouraging students to get up on their feet and actively explore Shakespeare’s plays has already brought the text to life for thousands of youngsters in Britain through the work of the RSC’s Education department. This new online learning platform, created by the RSC and Warwick Business School will be able to reach millions more globally.

Now Warwick Business School Professor Jonothan Neelands is travelling to Singapore to show at first-hand how these teaching methods can not only improve children’s understanding of Shakespeare, but boost their self-confidence and communication skills as well. Professor Neelands will be holding a workshop from Saturday March 16 to March 20 at the Singapore Repertory Theatre.

Our humble ambition is to transform how Shakespeare is taught across the world,” said Professor Neelands, who is a National Teaching Fellow and Chair of Creative Education at Warwick Business School. “We find that the best way to encourage young people to develop a joy in reading Shakespeare is through getting them up on their feet, moving around, speaking the words and making the choices that actors do. The RSC’s research has shown that this approach is more likely to lead to a lifelong love of Shakespeare rather than sitting around in class and reading dusty books.”

Jacqui O’Hanlon, RSC director of education, said: “We know there is a global community of teachers that are passionate about teaching Shakespeare and who want to explore new ways of teaching in order to unlock language, inspire learning and release imagination in students of all ages. “We hope to reach thousands of teachers through our new online programme and in doing so transform classroom experiences of Shakespeare for all kinds of learners. We hope that Teaching Shakespeare enables both teachers and their students to enjoy and achieve more together in their Shakespeare work.”

English eight year-old Ben now ranks Shakespeare alongside the most exciting things in the world after taking part in one of the RSC’s classes. The Stokeinteignhead Primary School pupil said: “My dad said Shakespeare was boring, but he’s got it wrong! I’m gonna tell him about Hamlet. It’s got murders and ghosts and castles and stuff and that’s not boring.”

At Honley High School in Holmfirth in West Yorkshire, UK, teachers said: “Over 93 per cent of students were ambivalent or vehement in their belief that Shakespeare was not fun. After using theatre-based teaching over 79 per cent of students saw the study of Shakespeare as fun.”

And Lillian, a London primary school teacher in the UK, said: “After using practical approaches to Shakespeare we found the writing levels of pupils in a highly disadvantaged class had improved considerably: 86 per cent were now on target to achieve level four in their SATs. Before the Shakespeare teaching unit, only 53 per cent were on target.”

Australian teacher Kate Walsh, of Toowoomba in Queensland, said: “I teach at Harristown State High School. Studying with both the University of Warwick and the Royal Shakespeare Company has been a fantastic experience. Working within a global online classroom with great resources and supportive staff has developed my pedagogy, helping bring Shakespeare to life in a number of ways.”

Professor Neelands has given Teaching Shakespeare workshops at The Singapore Repertory Theatre from March 16 to 20.

*

To visit the Teaching Shakespeare website go to http://www.teachingshakespeare.ac.uk/

STREAMS OF COLORS: IMAGE #5 FROM “THE SPRING WINGS” LACER/ACTIONS SERIES

 

Till next sunday April 1, I’m glad to share a special preview of a seven images series that I titled “The Spring Wings”. The whole series will be followed and concluded by a videoclip in which I’ll show a “live view” of that incredibile billboard from which I’ve made my artworks.

I think it’s one of the most astonishing torn posters I ever seen so far during my long research about ripped ads and urban signs. It was located in Lecco, a beautiful town on Como Lake (Italy). The incredible actions and re-actions made by time, weather and environmental conditions (rain, light, smog, humidity…) produced a capturing and harmonious mash-up of colors and shapes. I really had the luck to be in the right time in the right place… (in the following days the billboard was covered with new publicity posters).

The huge and whole torn paper advertising showed me pre-existing images that were crushed and de-structured in thousands of particles which presented fascinating colored streams and waves dancing on a completely white background. The various sections of the torn poster reminded me suggestions about springtime colors…as we may see also in the 4th image of the series.

ABOUT MY “LACER/ACTIONS ART PROJECT”

LaceR/Actions”is a multidisciplinary project and research about urban signs and landscapes, especially concerning the apparent chaos of ripped papers from billboards and advertisings diplays. I have so far collected more than 35.000 images. Impressed by photocamera and transferred on canvas, reproduced on lithographs or textiles (as pure silk), or scanned in a video clip, the details of torn posters give new life to paper lacerations. I think in the lacerated advertisings is recognizable the “unwrapped” city, self-destroying in the messages, self-regenerating and self-reproducing in new visual elements, often contradictory, dissonant, discordant, but still surprisingly vital. 

Some “Lacer/Actions” artworks were published in a booklet-portfolio: Pics of torn (publi)city”.  In July 2010, thirty thousand people visited my show “The Four Elements of LaceR/Actions” during the three days exhibition at Oriocenter (Milano Bergamo Orio Airport, Italy).Myartworks are also taking part of experiences about sensorial and emotional perceptions (sinestesys) concerning kinesiologic tests. In October 2010 I participated to “Parallax AF” in London (La Galleria, Royal Opera Arcade). One of my artwork will be kept at the new Contemporary Art Museum will open next September in Marche region (Italy). The next big Lacer/actions Show will take place in the enchanting XIII Century Rocca Aldobrandesca, an incredibile fortress in Tuscany (Monte Amiata, Piancastagnaio, Siena, Italy) from September 27 to November 4, 2012. An “The End of The World” event…  

R.A.

© Roberto Alborghetti

PUPILS VOICES TRY STOPPIN’ THE MASSACRE OF ACCIDENTS AT WORK

 

 Yesterday it was one of the busiest days for this blog. People were really struck by “Mydaddy” clip which focuses attention on the dramatic “war report” about a year (2011) of accidents at works in Italy (1,170 deads and over 775,000 injuries). The problem affects not only Italy, but all the so called “civilized world”. The numbers of deathes and injuries are really impressive, often forgotten by the media themselves, who give titles to the phenomenon only in the presence of emotional or numeric high-impact tragedies.

For this reason it is urgent to raise voice and the guard. Even with a message. How “Mydaddy” clip does. The videoclip supports “First in Safety”, an Italian social campaign for the prevention of accidents at work which invites schools – and young people – to confront the problem. This campaign – at its 10th edition – is promoted by ROSSINI TRADING Spa, ANMIL (the italian Association for injured people) and OKAY! monthly magazine. It’s unique in Italy and Europe and maybe in the global world (at least for continuity, originality and effectiveness).

“Mydaddy” videoclip was conceived and produced by Roberto Alborghetti, reporter, writer and visual artist, with the participation of talented students of the second class of the Primary School “P.Mazzi” in Piancastagnaio (Siena). Uploaded on YouTube and VodPod– also in special version with English subtitles – and shared by multiple sites, the clip has become a sort of original spot not only for “First in Safety” campaign, but also for its aim to support the prevention message. Disarmingly simple yet remarkably effective, the video was made at the end of an educational workshop.

The pupils produced drawings on school safety and discussed about workplace injuries that involved mom and dad (from here the title). The clip – made in collaboration with the School Institute in Piancastagnaio, the Municipality of Piancastagnaio (with the major Fabrizio Agnorelli) and Osa non-profit organization (with President Nicola Cirocco) – is an original document on what school may and must do about prevention of accidents at work. As stated in the videoclip final message, “prevention is the lethal weapon to stop the war bulletin” of the deaths and injuries at work.

 

 

English Edition :

 

http://vodpod.com/watch/15988056-mydaddy-wounded-so-much?u=robertoalborghetti&c=robertoalborghetti

 

http://youtu.be/9BWd4Ll-KQw

 

 

Versione Italiana – YouTube link :

http://youtu.be/6DMWmluQauo

 

 

WORDS WRITTEN BY BLINKINGS: THE “UPSETTING POETRY” OF ROBERTO FABBRINI, AFFECTED BY ALS

 The incredible story of a poet and theater director who is living together with the Amyotrophic Lateral Sclerosis.

 

Words that come from blinkings. Words that take life and form from the soul’s deepest places. Words that flow from pain and from days, months and years marked by a terrible disease, the ALS, Amyotrophic Lateral Sclerosis. And this three letters word ironically and provocatively stands on the cover of a recent book by Roberto Fabbrini, edited by non-profit organization Osa and published by Fondazione Alberto Colonnetti. Its title is “Cantata in Sla Maggiore” (“Cantata in Major ALS”).

The book also collects the previous works that Roberto Fabbrini had published since 2006/2007: “Le ombre lunghe della sera” (“The evening’s long shadows”), “Controcanto” and “Il respiro degli angeli” (“The breath of the angels”) . The 256 pages tell – in the harsh, cruel, atrocious and vehement poetry language – the human journey of Roberto Fabbrini. Born and living in Abbadia San Salvatore (Siena, Italy), writer and theater director, lover of life and art, since 2004 Roberto is living together with ALS, a disease that attacks and destroys the motor neurons which determine the muscles movement. The book follows the same progressive “way” of Roberto, who at the beginning was still able to compose on the laptop keyboard, moving hands and fingers. Then, the progression of disability, up to total paralysis, pushes Roberto to communicate only with his eyes: special pc sensors “translate” blinkings in written words.

The eyes are the only body part that is resistant to paralysis. And the eyes become the filter, the special screen, from which Roberto’s life passes and flowes. Roberto is spectator and protagonist at the same time. A book, this one, that displaces us. It catches us off-balance. It throws us in the row of those thoughts inevitably ending in silence. Faced with searing poetry of Roberto Fabbrini – rooted in the devastation of a disease that takes away everything but the awareness and lucidity to be – there’s nothing to say, there is nothing to comment, there is nothing to whisper.

We only need the silence. The real, dark, deep, mysterious and deafening silence. The true silence, which is also expressed through the wonderful photos accompanying the poems; the images were taken by my fellow photographer Andrea Fabbrini (he’s Roberto son).

It’s only in the silence that we can hear Roberto Fabbrini’s cry. A chilling, hard, upsetting and poignant cry, which echoes from page to page. A cry that creates pain. A suffering voice that creates a “controcanto”. These are the thoughts that the great Italian author Andrea Camilleri wrote introducing “Controcanto” chapter: “I was really striked by the term “contro” (it means “against”, in Italian). In Roberto Fabbrini condition, being “against” could easily and perhaps naively be interpreted like to be “against” his illness, his misfortune, as poet Leopardi says. But the amazing thing it is that – thanks to this “against” – Roberto lyrically got rid of prisons of his body and he was able to draw, from this experience, a positive message for everyone. “

It’s true. Though he’s imprisoned in his ALS disease – relentless and inexorable disease – Roberto Fabbrini screams his humanity as a free man. A scream without a voice. A scream that has the lightness of an eyelid beat. A scream that leaves us stunned and, for this, even more conscious.

Roberto Alborghetti

“CORRIERE DI SIENA” newspaper has published (Decembre 11, 2011) ROBERTO ALBORGHETTI’S article dedicated to ROBERTO FABBRINI ‘s POETRY

IL CORRIERE DI SIENA (11 dicembre) ha pubblicato l’articolo di Roberto Alborghetti dedicato a Roberto Fabbrini

PAROLE SCRITTE CON LE PALPEBRE: LA SCONVOLGENTE POESIA DI ROBERTO FABBRINI, PARALIZZATO DALLA SLA

Parole che nascono da un battito di palpebre. Parole che prendono vita e forma nei mendri più profondi dell’anima. Parole che sgorgano dal dolore, dai giorni, dai mesi e dagli anni di una malattia, la SLA, sclerosi laterale amiotrofica. Ed è proprio alla SLA che queste parole si collegano, fin dal titolo – “Cantata in SLA Maggiore”– che campeggia ironicamente e serenamente provocatorio, sulla copertina di un recente volume di Roberto Fabbrini, curato da Osa Onlus ed edito dalla Fondazione Alberto Colonnetti. Un libro che raccoglie anche i precedenti volumi che Roberto Fabbrini aveva pubblicato a partire dal 2006/2007: “Le ombre lunghe della sera”, “Controcanto”, “Il respiro degli angeli”.

Le 256 pagine raccontano, con il linguaggio della poesia – cruda, crudele, atroce e veemente – l’itinerario umano di Roberto Fabbrini. Originario e residente ad Abbadia San Salvatore (Siena), scrittore e regista teatrale, innamorato della vita e dell’arte, Roberto dal 2004 convive con la SLA, malattia che aggredisce e distrugge i motoneuroni che determinano il movimento dei nostri muscoli. Il volume segue progressivamente lo stesso “cammino” di Roberto, che all’inizio riesce ancora a comporre sulla tastiera del computer, muovendo mani e dita. Poi, la progressione dell’infermità, fino alla totale paralisi, spinge Roberto a comunicare solo con lo sguardo, percepito dai particolari sensori di un pc che “traducono” in parole scritte i battiti delle sue palpebre. Gli occhi sono l’unica parte del corpo che resiste alla paralisi. E gli occhi diventano il filtro, lo schermo speciale, da cui passa e transita la vita di Roberto, spettatore e protagonista allo stesso tempo.

Un libro, questo, che spiazza, che prende in contropiede, che scaraventa nel girone di quei pensieri che inevitabilmente si concludono nel silenzio. Di fronte alla lancinante poesia di Roberto Fabbrini – radicata nella devastazione di una malattia che toglie tutto, ma non la consapevolezza e la lucidità di essere – non c’è nulla da dire, non c’è nulla da commentare, non c’è nulla da sussurrare.

Serve solo il silenzio, quello vero, cupo, profondo, misterioso e assordante, come è solo il vero silenzio: lo esprimono anche le stupende fotografie che accompagnano le composizioni poetiche, immagini fotografiche scattate dall’amico Andrea Fabbrini, figlio di Roberto. Ed è solo nel silenzio che possiamo udire il grido di Roberto Fabbrini: risuona di pagina in pagina, agghiacciante, duro, sconvolgente e struggente. Un grido che è dolore e crea dolore. Un grido che si fa canto e controcanto, appunto. Giungono a proposito le parole dello scrittore Andrea Camilleri che nella prefazione a “Controcanto” scrive: “Questo “Controcanto” mi ha veramente colpito. Mi ha colpito proprio il “contro”. Nelle sue condizioni il contro potrebbe facilmente e forse ingenuamente essere interpretato come un “contro” verso la sua malattia, la sua sfortuna alla Leopardi, diciamo. Invece la cosa sorprendente è proprio che grazie a questo “contro” si è riuscito a sbarazzare liricamente delle sue prigioni corporee ed è riuscito a trarre da questa esperienza un messaggio positivo per tutti.”

E’ vero: pur imprigionato nella malattia – una malattia implacabile ed inesorabile – Roberto Fabbrini urla la sua umanità di uomo libero. Un urlo senza voce. Un urlo che ha la levità di un battito di palpebre. Un urlo che ci lascia attoniti e, proprio per questo, anche più coscienti.

Roberto Alborghetti

Se vuoi, puoi lasciare il tuo messaggio per Roberto Fabbrini.

 

 

PREVIEW ON TEXTILE DESIGN TRENDS FOR FASHION 2013

I recently visited friends Lucia and Bruno at Bruno Boggia Disegni Studio in Como. And I immediately jumped in the future and in a sea of colors. Textiles designer Bruno and his daughter Lucia, together with their staff, are workin’ hard on fashion future trends ventures. Indeed, the gaze is fixed on the spring and summer 2013 (yes, 2013, it’s not a mistake). I had the way to take a look at textile products for future collections. It’s still the color to dominate.

In this post I give a “première vision” about these extraordinary designs that later we’ll see – transformed in dresses – on the next catwalks. We may to admire the extraordinary combination of colors, the geometry association and the relaunch of floral themes.

Bruno Boggia Disegni has returned from a positive season. He has received great attention at the Paris Salon Indigo (September) and renewed acclaim to ComoCrea (last October).

* * *

RELATED ARTICLE: FASHION TRENDS 2014 / “THE RHYTHM OF THE SEASONS”:

https://robertoalborghetti.wordpress.com/2012/06/01/textile-design-fashion-trends-2014-a-special-preview-the-rhythm-of-the-seasons/

* * *

ABOUT ROBERTO ALBORGHETTI SILK SCARVES CREATED WITH BRUNO BOGGIA:

https://robertoalborghetti.wordpress.com/2012/06/04/turning-trash-into-artistic-silk-scarves-watch-the-video/

I made a videoclip (Design is Life) about Bruno Boggia Disegni; I’ve posted it at YouTube and Animoto. Here the links:

http://youtu.be/CemREj3-vM0

http://animoto.com/play/GIG9p1DhLL0j1WJ9iAnyQw#

 http://brunoboggiadisegni.wordpress.com/

 

BRUNO BOGGIA DISEGNI: ANTEPRIMA SULLE TENDENZE DEL 2013

Presso lo Studio Boggia Disegni di Como si respira aria… di futuro. Bruno, Lucia e le loro collaboratrici, hanno già gli occhi puntati sulle tendenze prossime venture. Anzi, lo sguardo è fisso sulla primavera estate del 2013. Abbiamo avuto modo di dare uno sguardo ai tessuti prodotti per le prossime collezioni. E’ ancora il colore a dominare.

In questo “post” offriamo una “prima visione” di questi straordinari tessuti che prenderanno poi corpo nei capi di vestiario in preparazione per le passerelle. Ci sono da ammirare lo straordinario abbinamento delle tinte, l’accostamento delle geometrie ed il recupero (o la valorizzazione) del tema floreale.

Bruno Boggia Disegni è reduce da una stagione positiva. Ha ricevuto grande attenzione al Salone Indigo di Parigi (settembre) e rinnovati consensi a ComoCrea (lo scorso ottobre).

Guarda il clip “Design is Life” dedicato a Bruno Boggia Disegni:

http://youtu.be/CemREj3-vM0

http://animoto.com/play/GIG9p1DhLL0j1WJ9iAnyQw#

CENTER FOR MEDIA LITERACY: A COMMON EFFORT TO SEE MEDIA THROUGH “NEW EYES”

Roberto Alborghetti interviews Tessa Jolls, President of CML, Center for Media Literacy, based in Malibu (Los Angeles, CA).

 

The media literacy is one of the most important questions faced today by culture, education and communication world. The same goal, from 1998, is shared in United States of America by Center for Media Literacy, CML, an organization based in Malibu, Los Angeles, State of California (www.medialit.org). I wanted to know more about its activities and so I met and interviewed CML President, Mrs. Tessa Jolls.

 

– Mrs. Tessa Jolls, where and when was founded CML?

The Center for Media Literacy was founded in Los Angeles, CA, in 1989 as a non profit. In 2006, CML was restructured and incorporated as a for-profit. The consortium for media literacy was founded as a non-profit in 2007 as a project of international humanities center.

 

– What is the most important mission of your organization?

To advocate for media literacy, to provide practical, research-based tools and resources for media education.

 

– Who support your efforts and activities? Are there attentions from central and local governments?

We receive grants from State and Federal government agencies, but we also have clients (schools and organizations) who pay for consultation, training and curriculum.

 

– Which is the opportunity that CML’c activities give to educators, teachers and to the young people?

The primary benefit of media literacy education is making wise choices possible, since media literacy enables critical analysis of media messages and an understanding of the role of media in our society.

 

– Do you think that the american situation – speaking about kids, schools and media education – is not so different compared to other countries of the globe?

Every country is affected by the impact of media, since media is so pervasive in our cultures, regardless of physical boundaries. Parents everywhere are concerned that their children be wise consumers of media as well as responsible producers of meda. Preparing productive, discerning citizens is of concern globally.

 

– Have you noticed positive effects in people who were involved in CML activities?

Through the years, we have seen many people become passionate advocates of media literacy. Being media literate changes the way that people see the world; once people see media through “new eyes,” they realize the importance of understanding media and how it works in our society.

 

– What is your personal message to schools and teachers who are invited to join your web site?

Global media binds people from throughout the world together because media represents our ideas and our behavior, regardless of where we are from or what we believe. Just as we have common media, we must have common understanding of how media systems work and how we can represent ourselves most effectively. This is our opportunity and our challenge, and we welcome all to take up this important work.

 

www.medialit.org

 

* * *

 

CML: UNO SFORZO COMUNE

PER VEDERE I MEDIA CON “NUOVI OCCHI ”

 

Roberto Alborghetti intervista Tessa Jolls, Presidente del CML (Center for Media Literacy) organizzazione molto attiva negli Stati Uniti d’America nell’educazione ai media.

 

L’educazione (e la comprensione) ai media è una delle questioni he toccano il mondo della cultura, dell’educazione e della comunicazione. Su queste realtà è molto attivo, negli Stati Uniti d’America, il CENTER FOR MEDIA LITERACY, che ha sede a Malibu, Los Angeles, California (www.medialit.org) . Ho voluto sapere di più sull’esperienza di CML; ho incontrato ed intervistato la Presidente dell’organizzazione, la signora Tessa Jolls. Ecco l’intervista.

 

1 – Quando e dove è stato fondato CML (Center for Media Literacy)?

IL CENTER FOR MEDIA LITERACY (CENTRO PER LA COMPRENSIONE E L’EDUCAZIONE AI MEDIA) È STATO FONDATO A LOS ANGELES, CALIFORNIA, NEL 1989 COME UNA ORGANIZZAZIONE NO-PROFIT. NEL 2006 CML È STATO RISTRUTTURATO E COSTITUITO IN UNA SOCIETÀ FOR-PROFIT. IL CONSORZIO PER L’EDUCAZIONE AI MEDIA (CML) È STATO FONDATO COME ENTE NO-PROFITO NEL 2007 NELL’AMBITO DI UN PROGETTO DELL’ INTERNATIONAL HUMANITIES CENTER.

 

 

2 – Quale è la più importante finalità della vostra organizzazione?

È QUELLA DI PROMUOVERE L’EDUCAZIONE AI MEDIA, DI FORNIRE STRUMENTI PRATICI E DI BASE PER FAVORIRE L’EDUCAZIONE AGLI STRUMENTI DELLA COMUNICAZIONE.

 

 

3 – Chi sostiene i vostri sforzi e le vostre attività? Ci sono attenzioni da parte dei governi locale e nazionale?

NOI RICEVIAMO DELLE DONAZIONI DA PARTE DELLE AGENZIE DELLO STATO E DEL GOVERNO FEDERALE, MA ABBIAMO ANCHE INTROITI DA PARTE DI UTENTI (SCUOLE ED ASSOCIAZIONI) AI QUALI SONO FORNITI SERVIZI DI CONSULTAZIONE, FORMAZIONE E PROGRAMMI DI STUDIO.

 

 

4 – Quali le opportunità che le attività di CML offrono a formatori, insegnanti ed alla popolazione giovanile?

IL PRIMO VANTAGGIO DELL’EDUCAZIONE AI MEDIA È QUELLO DI RENDERE POSSIBILI SCELTE INTELLIGENTI, IN QUANTO L’EDUCAZIONE AI MEDIA RENDE CAPACI DI ANALIZZARE CRITICAMENTE I MESSAGGI DIFFUSI DAI MEDIA E DI CAPIRNE IL RUOLO RICOPERTO NELLA NOSTRA SOCIETÀ.

 

 

5 – Pensa che la situazione negli USA – parlando di ragazzi, scuole ed educazione ai media – non sia così differente rispetto ad altre Nazioni del globo?

TUTTE LE NAZIONI SONO COLPITE DALL’IMPATTO DEI MEDIA DA QUANDO ESSI SONO DIVENTATI COSÌ PERVASIVI NELLE NOSTRE CULTURE, INDIFFERENTI AD OGNI LIMITE FISICO. DAPPERTUTTO, IN OGNI LUOGO, LE FAMIGLIE SONO INTERESSATE DAL FATTO CHE I PROPRI RAGAZZI DEVONO ESSERE SAGGI UTENTI DEI MEDIA COSI COME RESPONSABILI PRODUTTORI DEI MEDIA. È UN INTERESSE GLOBALE PREPARARE CITTADINI PRODUTTIVI E PERSPICACI, IN GRADO DI DISCERNERE.

 

6 – Avete notate effetti positivi nelle persone che sono state coinvolte nelle attività del CML?

NEL CORSO DEGLI ANNI, ABBIAMO VISTO MOLTE PERSONE DIVENTARE APPASSIONATI SOSTENITORI DELL’EDUCAZIONE AI MEDIA. L’ESSERE IN GRADO DI CAPIRE I MEDIA, CAMBIA IL MODO DI VEDERE IL MONDO. QUANDO LA GENTE VEDE I MEDIA CON “NUOVI OCCHI” ESSA CAPISCE L’IMPORTANZA DI COMPRENDERE I MEDIA E QUANTO CIÒ CONTA NELLA NOSTRA SOCIETÀ.

 

 

7 – Quale è il vostro personale messaggio alle scuole ed ai formatori che sono invitati a collegarsi al vostro sito web?

I MEDIA GLOBALI LEGANO INSIEME LA GENTE DI TUTTO IL MONDO PERCHÉ I MEDIA RAPPRESENTANO LE NOSTRE IDEE E IL NOSTRO COMPORTAMENTO, INDIFFERENTEMENTE DA DOVE NOI SIAMO E IN COSA NOI CREDIAMO. PROPRIO PER IL FATTO CHE ABBIAMO IN COMUNE I MEDIA, NOI DOBBIAMO AVERE UNA COMUNE COMPRENSIONE DI COME LAVORA IL SISTEMA DEI MEDIA E DI COME NOI POSSIAMO RAPPRESENTARE NOI STESSI IN MODO PIÙ EFFICACE. QUESTA È LA NOSTRA OPPORTUNITÀ E QUESTA È LA NOSTRA SFIDA E NOI SIAMO LIETI DI ACCOGLIERE TUTTI COLORO CHE PRENDONO PARTE A QUESTA IMPORTANTE OPERA.

 

www.medialit.org

 

 

“9/11,REMEMBERING A TRAGEDY THROUGH ART”: DR.SRINI PILLAY WRITES ON “THE HUFFINGTON POST” ABOUT ROBERTO ALBORGHETTI’S WORK

122 - BR

Roberto Alborghetti, “Nine Eleven, New York 2001”, Abstract Photo on Canvas, Lacer/actions Project

Dr. Srini Pillay – Harvard psychiatrist, brain-imaging researcher, clinician and executive coach – wrote an interesting article on the popular  “The Huffington Post” about my artwork dedicated to 9/11. Here’s the link:       

“The Huffington Post” – la testata di news piu’ cliccata del mondo (ha superato perfino il “New York Times”) – pubblica un approfondito articolo sul mio artwork “Nine Eleven, New York 2001”, dedicato al ricordo dei quasi 3.000 caduti nell’attacco terroristico dell’11 settembre 2001. L’articolo è scritto dal Dr. Srini Pillay, uno dei piu’ noti ed autorevoli psichiatri americani, docente clinico ad Harvard, ricercatore, executive couch, speaker motivazionale, autore di best sellers sul rapporto tra cervello e comportamento umano e appunto columnist del celebre “Huffpo”.

Srini Pillay ha visto su web i miei artworks “Lacer/azioni” e ne è rimasto molto colpito, soprattutto dall’immagine che ho dedicato alla strage del WTC. Qui sotto il link all’articolo dell’Huffington Post.

La tela Nine Eleven sarà esposta a Londra a metà ottobre nell’ambito della prestigiosa “Parallax AF”, presso “La Galleria”, alla Royal Opera Arcade, sul centralissimo Pall Mall.

 The Huffington Post – Dr.Srini Pillay

http://www.huffingtonpost.com/srinivasan-pillay/911-art_b_953397.html

LA SCIENZA DIETRO LA LEGGE DELL’ATTRAZIONE

 Il Dr. Srini Pillay, psichiatra di Harvard, executive couch, autore di best sellers sulla neuroscienza – in Italia è stato pubblicato “La calma in tasca”– racconta in questa intervista a Roberto Alborghetti il suo più recente “workbook”.


Nel suo più recente libro, intitolato “La scienza dietro la Legge dell’Attrazione”, il Dr. Srini Pillay attinge alla sua esperienza di psichiatra presso l’Università di Harvard e di ricercatore nel campo della brain-imaging. Egli descrive sette leggi scientifiche che spiegano come funziona “La Legge dell’Attrazione”. Se l’obiettivo è la perdita di peso, una relazione romantica, il successo finanziario o la felicità, il Dr. Pillay spiega come la neuroscienza sia di grande aiuto nel dare un senso alla “Legge dell’Attrazione”.

Basandosi su una vasta esperienza come clinico e di executive coach, nel suo libro l’autore ci guida attraverso le basi scientifiche di ciascuna delle sette leggi di attrazione così come sono radicate nella neuroscienza. Inoltre, egli fornisce soluzioni invitando il lettore a completare una serie di esercizi mirati al fine di attivare quei processi cerebrali che ci portano più vicini alla realizzare dei nostri sogni ed obiettivi.

Ho avuto l’onore di intervistare il Dr. Pillay. L’ho contattato via Internet. Gli ho mandato le domande. Non ho mai dubitato della sua risposta (accade infatti spesso che gli intervistatori, di fronte a determinati personaggi, temano di non essere esauditi). Ho avuto le sue risposte, in perfetta sintonia con i codici della stessa “legge dell’ attrazione” e… dei miei auspici e desiderata. Nel presentare il suo libro, il Dr. Srini Pillay dice di avere visto questa pubblicazione come un’opportunità per rafforzare il messaggio che davvero si possono attrarre le cose nella prapria vita. Ma con una clausola: occorre utilizzare il cervello in modo efficace ed efficiente.

– Dr. Srini Pillay, “La scienza dietro la Legge dell Attrazione” è uno dei suoi libri più recenti. È stato mosso da un motivo o da uno scopo particolare per scriverlo?

Per tutta la mia vita, il mio lavoro é consistito nell’aiutare le persone ad affrontare la propria sofferenza. La maggior parte della sofferenza é causata da desideri irrealizzati, e quando la legge dell’attrazione è stata espressa attraverso libri come “The Secret” ho scoperto che molta gente ci credeva, ma era incapace di metterlo in pratica. Ho realizzato che il messaggio che la gente recepiva avrebbe potuto essere non quello di descrivere come usare il cervello per rendere efficace la legge dell’attrazione, ma – dato il mio background – piuttosto quello di attrarre le cose nella propria vita: con la prerogativa di utilizzare il proprio cervello in modo efficace ed efficiente.

– Qual è oggi l’ostacolo, o il problema, che impedisce alle persone di seguire la “Legge dell’Attrazione”?

Ritengo che ci siano diversi ostacoli: in primo luogo, le persone spesso credono che basti pensare a quello che desiderano per ottenerlo. Ma questo non accade: bisogna pensare in modo specifico e in modi calcolabili dal cervello. Per esempio, se una persona dice a sé stessa: “Devo ricordarmi di non spendere troppi soldi quando vado a fare la spesa”, sotto stress, il suo cervello in realtà non recepisce il “non” e opera in modo contrario rispetto a ciò che la persona desidera. Attingendo alla legge dell’attrazione, si richiede un certo sforzo per “sintonizzare” il cervello su frequenze corrette; è un po’ come sintonizzare il proprio cervello sulla stazione radio del proprio desiderio in modo da realizzarlo. Evitare lo sforzo è un problema.

– Pensa che – nelle dinamiche della “Legge dell’Attrazione” – vale il principio che tuttò cio che più “desideriamo”, più lo otteniamo (nel senso che raggiungiamo gli obiettivi)?

Io non credo che si tratti solo di desiderio, ma piuttosto del nostro modo di interagire con il desiderio stesso. Infatti il desiderare costantemente qualcosa finisce spesso con il separare da ciò che si vuole. Per esempio, dicendo: “Voglio i soldi” o “Voglio un amante” si sta sostanzialmente dicendo al mondo (e al proprio cervello) che si è separati da ciò che si desidera. Tuttavia, dicendo “Io sono ricco” si pensa come una persona ricca e lo si diventa; dicendo “Io sono un amante” ci si comporta di conseguenza, permettendo ad una persona che ci ama di unirsi a noi. La chiarezza della visualizzazione importa nella misura in cui il nostro desiderio è ben individuato, per fare così in modo che il cervello possa mappare un percorso che porti verso l’obiettivo.

– Qual è il ruolo delle emozioni nella “Legge di Attrazione”?

Le emozioni sono fondamentali per “la legge dell’attrazione”. Esse sono essenzialmente informazioni che indicano al cervello quanto si desidera o non si desidera qualcosa. Senza di esse al cervello manca la motivazione per tracciare un percorso verso i suoi obiettivi.

– Ha un suggerimento concreto, da mettere in pratica in… pochi secondi, per affermare che questa legge funziona davvero per tutti?

No. La differenza tra questo libro, e quello che la stessa gente pensa, è che la legge dell’attrazione funzioni solo con la pratica. Solo per poche persone che ne hanno già una buona pratica, essa funzionerà in pochi secondi. Tuttavia, il libro descrive esercizi che si possono praticare per iniziare a far lavorare la legge per noi. Ad esempio: parlare al proprio cervello positivamente. Invece di dire quello che non si vuole fare o che non si desidera, dire ciò che si vuole o ciò che si farà.

– Dr. Pillay, mi dica una delle ragioni principali per cui la gente dovrebbe leggere questo libro

Penso che questo libro fornirà la prova che la scienza sta dietro la legge dell’attrazione. Mentre onora la spiritualità, permette alle persone di appoggiarsi alla scienza per conoscere. La ragione principale starebbe anche nel fatto di comprendere che una sola legge potrebbe ispirare le persone a cambiare in meglio la propria vita.

– Mi piace, nelle mie opere d’arte, giocare e lavorare con i colori. Dr. Pillay, esiste un colore che può identificarsi con “la Legge dell’Attrazione”? Voglio dire: c’è un colore preferito che possa far fluire questa legge?

Penso che non ci sia una risposta provata scientificamente. Sappiamo che le squadre di calcio che indossano maglie rosse hanno più probabilità di vincere le partite, ma in generale, penso che si tratti della corrispondenza tra il colore e la persona, e la stessa prova sul campo. Quindi, direi che la legge fluisce di più quando i colori che si immaginano, o si utilizzano, rappresentano in modo autentico ciò che sta accadendo.

Intervista di Roberto Alborghetti

CHI E’ SRINI PILLAY

www.srinipillay.com

http://www.neurobusinessgroup.com/

Il dottor Srini Pillay è Clinical Assistant Professor presso la Facoltà di Psichiatria della Harvard Medical School. Laureato con il titolo di miglior studente di medicina, si è aggiudicato il premio superiore a Harvard risultando uno dei primi tre classificati per quanto riguarda gli studi di psichiatria. Ha diretto il programma sui Disturbi d’ansia nel più grande ospedale psichiatrico, il McLean Hospital-Harvard ed ha completato 17 anni di ricerche a livello nazionale sull’ imaging cerebrale. Il suo primo libro, “La vita sbloccata: 7 lezioni rivoluzionarie per superare la paura” (Rodale, agosto 2010) è stato votato come uno dei cinque finalisti dei “Libri per una vita migliore” nella categoria motivazionale. Il suo successivo libro è stato “Il tuo cervello e il Business: la Neuroscienza dei Grandi Leaders” (FT Press, Kindle, novembre 2010).

Il Dr. Pillay è ampiamente considerato come uno speaker motivazionale che è in grado di spiegare la scientificità di fenomeni apparentemente non razionali. Molte le sue presenze nei media; ne hanno parlato The Boston Globe, Oprah radio (Dr. Laura Berman), Martha Stewart Whole Living, Cosmopolitan, Fox News e CNN. E ‘stato invitato a parlare su “La scienza dietro la Legge di Attrazione “, su Fox News, ed ha condotto un corso di 6 settimane su come la scienza è al servizio delle persone che desiderano raggiungere sogni ed obiettivi di vita (Università dell’ Attrazione). Il Dr. Pillay è in grado di applicare questa metodologia al settore delle imprese; è stato invitato a parlare su questi argomenti a New York, California, Washington DC, Toronto, Svizzera, Grecia e Singapore. Opera per la Banca Mondiale, il MITRE Corporation, Novartis, Genzyme e McKinsey. Il Dr. Pillay è noto per aver portato il tema della neuroscienza alla portata di tutti, in modo che ognuno possa tradurre le proprie conoscenze in senso pratico. Il suo impegno diretto con la gente, il contributo prezioso portato nel far conoscere le dinamiche tra cervello e vita – insieme all’interesse che i temi del dr. Pillay suscitano in tutto il mondo – sono chiaramente dimostrati in “La scienza dietro la Legge dell’Attrazione”.

SRINI PILLAY’S BOOKS

  • Life Unlocked: 7 Revolutionary Lessons to Overcome Fear (Rodale, 2010)
  • Your Brain and Business: The Neuroscience of Great Leaders (FT Press, 2010/11)
  •  The Science Behind The Law of Attraction (NBG, 2011)

 

  • In Italia, SRINI PILLAY è stato pubblicato da Newton Compton Editore con il volume “La calma in tasca” (250 pagine).

FROM TORN POSTERS TO SILK SCARVES

 

 My Lacer/actions artworks also transformed in textiles designs.

The dirty and torn papers of the advertisings posted on the walls of our cities have now become silk scarves too! After to be already transferred on canvas, lithographies and videoclips, my “Lacer/actions” artworks were transformed in silk textiles thanks to collaboration of Bruno Boggia Studio (Como, Italy) who for over sixty years has been working with the most famous designers and fashion brands in the world (Capucci, Lacroix, Valentino, Lancetti, Mila Schon, Chanel, Celine, Dior, Y.S.L., Etro, Escada, Donna Karan, Paul Smith, Rolando Santana…).

Bruno Boggia, with the invaluable assistance of his daughter Lucia, and with the support of his staff, helped me in the selection of artworks to be converted into silk scarves. And so, within a few days, the challenge reached the finish line. The images of that dirty and ripped paper have changed now in the elegance, delicacy and sheen of silk scarves.

The photographs of a couple of scarves, reproduced in this page, they are going to demonstrate it. Images about ripped and dirty advertisings, left to decompose on the walls or billboards, are now soft silk scarves, ready to be worn.

By Roberto Alborghetti

LINK TO VIDEOCLIP

http://www.youtube.com/watch?v=M3ZQYB7r2sQ

 

DALLA CARTA-RIFIUTO ALLE SCIARPE DI SETA

La carta – sporca, strappata, lacerata ed usurata – della pubblicità affissa sui muri delle nostre città è ora diventata anche sciarpe di seta. Dopo essere diventati tele e litografie, e pure videoclips, i miei artworks “Lacer/azioni” si sono trasformati anche in tessuto di seta grazie alla collaborazione dello Studio Bruno Boggia Disegni (www.boggiadisegni.it) che da oltre sessant’anni lavora con i tessuti ed i più famosi stilisti del mondo (qualche nome: Capucci, Lacroix, Valentino, Lancetti, Mila Schon, Chanel, Celine, Dior, Y.S.L., Etro, Escada, Donna Karan, Paul Smith, l’emergente newyorkese Rolando Santana…)

Bruno Boggia, con la preziosa assistenza della figlia Lucia e con il supporto delle sue collaboratrici, mi ha aiutato nella scelta di alcuni artworks da trasformare in sciarpe di seta, confezionate con tutti i crismi del caso. E così, nel giro di pochi giorni, l’impresa è giunta al traguardo. La carta-trash è ora l’eleganza, la delicatezza e la lucentezza di sciarpe di seta.

Le fotografie di un paio di sciarpe, che qui sono riprodotte insieme ad un videoclip, lo stanno a dimostrare. Immagini che in origine erano sporche carte strappate, lasciate decomporre sui muri o sui pannelli della pubblicità, sono ora diventate morbide sciarpe di seta, pronte da essere indossate.

Roberto Alborghetti

 

LINK AL VIDEOCLIP

http://www.youtube.com/watch?v=dEeNrcyTvzM

http://www.youtube.com/watch?v=M3ZQYB7r2sQ

 

A RARE MEDIEVAL MONUMENT ON THE LAKE COMO SHORES

I been in Gravedona, nice village on the Lake Como  (Italy). There, I had the way to continue my journey through Italian medieval monuments. An incredible sign of medieval times is found along the banks, a few meters from lake waters. It’s a rare church, Santa Maria del Tiglio, Saint Mary of the Lime-tree. In fact, behind the monument, close to the lake ‘s shore, you may see some of this beautiful trees.

Its architectural design was made by the famous “Maestri Comacini”. It is an example of the roman period around Como dated around the second half of XII century. It is built over a former baptistry (V century) dedicated to St. John the Baptist.

Unique in its kind, it was built with black and white stones on which raised symbols can be read. Pilasters, vaulted arches, arrow slits, embrasures, profiles and string courses on the windows, columns, arcades, apses and oculi express “Maestri Comacini” inspiration and creativity.

Inside the church – where you breath an enchanting  atmosfere – some of the grey stones bring frescos (made between XIV and XV century) as “St. John the Baptist”, “The Wise Men”, an “Holy Trinity”, “The Adoption of the Wise Men”, an episode of the “Life of St. Julian”. Also of great iconographic interest is the fresco of “The Day of Judgement”, with Giottesque traces to be seen.

Beside the church, you have to visit the beautiful crypt, with an extraordinary serie of columns, dated from XII century and built on a pre-existing Palaeo-Christian basilica.