WORDS WRITTEN BY BLINKINGS: THE “UPSETTING POETRY” OF ROBERTO FABBRINI, AFFECTED BY ALS

 The incredible story of a poet and theater director who is living together with the Amyotrophic Lateral Sclerosis.

 

Words that come from blinkings. Words that take life and form from the soul’s deepest places. Words that flow from pain and from days, months and years marked by a terrible disease, the ALS, Amyotrophic Lateral Sclerosis. And this three letters word ironically and provocatively stands on the cover of a recent book by Roberto Fabbrini, edited by non-profit organization Osa and published by Fondazione Alberto Colonnetti. Its title is “Cantata in Sla Maggiore” (“Cantata in Major ALS”).

The book also collects the previous works that Roberto Fabbrini had published since 2006/2007: “Le ombre lunghe della sera” (“The evening’s long shadows”), “Controcanto” and “Il respiro degli angeli” (“The breath of the angels”) . The 256 pages tell – in the harsh, cruel, atrocious and vehement poetry language – the human journey of Roberto Fabbrini. Born and living in Abbadia San Salvatore (Siena, Italy), writer and theater director, lover of life and art, since 2004 Roberto is living together with ALS, a disease that attacks and destroys the motor neurons which determine the muscles movement. The book follows the same progressive “way” of Roberto, who at the beginning was still able to compose on the laptop keyboard, moving hands and fingers. Then, the progression of disability, up to total paralysis, pushes Roberto to communicate only with his eyes: special pc sensors “translate” blinkings in written words.

The eyes are the only body part that is resistant to paralysis. And the eyes become the filter, the special screen, from which Roberto’s life passes and flowes. Roberto is spectator and protagonist at the same time. A book, this one, that displaces us. It catches us off-balance. It throws us in the row of those thoughts inevitably ending in silence. Faced with searing poetry of Roberto Fabbrini – rooted in the devastation of a disease that takes away everything but the awareness and lucidity to be – there’s nothing to say, there is nothing to comment, there is nothing to whisper.

We only need the silence. The real, dark, deep, mysterious and deafening silence. The true silence, which is also expressed through the wonderful photos accompanying the poems; the images were taken by my fellow photographer Andrea Fabbrini (he’s Roberto son).

It’s only in the silence that we can hear Roberto Fabbrini’s cry. A chilling, hard, upsetting and poignant cry, which echoes from page to page. A cry that creates pain. A suffering voice that creates a “controcanto”. These are the thoughts that the great Italian author Andrea Camilleri wrote introducing “Controcanto” chapter: “I was really striked by the term “contro” (it means “against”, in Italian). In Roberto Fabbrini condition, being “against” could easily and perhaps naively be interpreted like to be “against” his illness, his misfortune, as poet Leopardi says. But the amazing thing it is that – thanks to this “against” – Roberto lyrically got rid of prisons of his body and he was able to draw, from this experience, a positive message for everyone. “

It’s true. Though he’s imprisoned in his ALS disease – relentless and inexorable disease – Roberto Fabbrini screams his humanity as a free man. A scream without a voice. A scream that has the lightness of an eyelid beat. A scream that leaves us stunned and, for this, even more conscious.

Roberto Alborghetti

“CORRIERE DI SIENA” newspaper has published (Decembre 11, 2011) ROBERTO ALBORGHETTI’S article dedicated to ROBERTO FABBRINI ‘s POETRY

IL CORRIERE DI SIENA (11 dicembre) ha pubblicato l’articolo di Roberto Alborghetti dedicato a Roberto Fabbrini

PAROLE SCRITTE CON LE PALPEBRE: LA SCONVOLGENTE POESIA DI ROBERTO FABBRINI, PARALIZZATO DALLA SLA

Parole che nascono da un battito di palpebre. Parole che prendono vita e forma nei mendri più profondi dell’anima. Parole che sgorgano dal dolore, dai giorni, dai mesi e dagli anni di una malattia, la SLA, sclerosi laterale amiotrofica. Ed è proprio alla SLA che queste parole si collegano, fin dal titolo – “Cantata in SLA Maggiore”– che campeggia ironicamente e serenamente provocatorio, sulla copertina di un recente volume di Roberto Fabbrini, curato da Osa Onlus ed edito dalla Fondazione Alberto Colonnetti. Un libro che raccoglie anche i precedenti volumi che Roberto Fabbrini aveva pubblicato a partire dal 2006/2007: “Le ombre lunghe della sera”, “Controcanto”, “Il respiro degli angeli”.

Le 256 pagine raccontano, con il linguaggio della poesia – cruda, crudele, atroce e veemente – l’itinerario umano di Roberto Fabbrini. Originario e residente ad Abbadia San Salvatore (Siena), scrittore e regista teatrale, innamorato della vita e dell’arte, Roberto dal 2004 convive con la SLA, malattia che aggredisce e distrugge i motoneuroni che determinano il movimento dei nostri muscoli. Il volume segue progressivamente lo stesso “cammino” di Roberto, che all’inizio riesce ancora a comporre sulla tastiera del computer, muovendo mani e dita. Poi, la progressione dell’infermità, fino alla totale paralisi, spinge Roberto a comunicare solo con lo sguardo, percepito dai particolari sensori di un pc che “traducono” in parole scritte i battiti delle sue palpebre. Gli occhi sono l’unica parte del corpo che resiste alla paralisi. E gli occhi diventano il filtro, lo schermo speciale, da cui passa e transita la vita di Roberto, spettatore e protagonista allo stesso tempo.

Un libro, questo, che spiazza, che prende in contropiede, che scaraventa nel girone di quei pensieri che inevitabilmente si concludono nel silenzio. Di fronte alla lancinante poesia di Roberto Fabbrini – radicata nella devastazione di una malattia che toglie tutto, ma non la consapevolezza e la lucidità di essere – non c’è nulla da dire, non c’è nulla da commentare, non c’è nulla da sussurrare.

Serve solo il silenzio, quello vero, cupo, profondo, misterioso e assordante, come è solo il vero silenzio: lo esprimono anche le stupende fotografie che accompagnano le composizioni poetiche, immagini fotografiche scattate dall’amico Andrea Fabbrini, figlio di Roberto. Ed è solo nel silenzio che possiamo udire il grido di Roberto Fabbrini: risuona di pagina in pagina, agghiacciante, duro, sconvolgente e struggente. Un grido che è dolore e crea dolore. Un grido che si fa canto e controcanto, appunto. Giungono a proposito le parole dello scrittore Andrea Camilleri che nella prefazione a “Controcanto” scrive: “Questo “Controcanto” mi ha veramente colpito. Mi ha colpito proprio il “contro”. Nelle sue condizioni il contro potrebbe facilmente e forse ingenuamente essere interpretato come un “contro” verso la sua malattia, la sua sfortuna alla Leopardi, diciamo. Invece la cosa sorprendente è proprio che grazie a questo “contro” si è riuscito a sbarazzare liricamente delle sue prigioni corporee ed è riuscito a trarre da questa esperienza un messaggio positivo per tutti.”

E’ vero: pur imprigionato nella malattia – una malattia implacabile ed inesorabile – Roberto Fabbrini urla la sua umanità di uomo libero. Un urlo senza voce. Un urlo che ha la levità di un battito di palpebre. Un urlo che ci lascia attoniti e, proprio per questo, anche più coscienti.

Roberto Alborghetti

Se vuoi, puoi lasciare il tuo messaggio per Roberto Fabbrini.

 

 

Advertisements

THAT MAGICAL CRYPT IN THE TUSCANY MEDIEVAL VILLAGE WHERE THE ITALIAN LANGUAGE WAS BORN

Abbadia San Salvatore, on Amiata Mount (Siena area, Tuscany, Italy) is a place rich of art and history… 

 

In Abbadia San Salvatore, on Amiata MountSiena area, Tuscany, Italy – there is a magical and capturing place. You find it on the ancient abbey church. It is a crypt, where you may breath the history and the beauty of one of the most fascinating Tuscany village.

According the documents, the crypt was built in VIII Century. It was restored in XX Century and now we may admire it in all its beauty. Everytime I have the way to visit it, I always feel astonished by its magic. It happened again a few days ago, when I was in Abbadia SS. for the XIII edition of “Penne and Video Sconosciuti”, the national festival for school journals and videos produced by italian schools.

The Longobard crypt shows 32 columns that form 13 small aisles. They are made in various shapes; some of them are round, with different sculpured ornaments. Also the beautiful capitals are sculptured in various shapes, as palm leaves, loto flowers or animal heads.

 

The abbey and all the Medieval centreare telling us how Abbadia San Salvatore was important in the past. All its area is rich in history and traditions, that to a great extent can be found in documents in the old archive belonging to the monastery dedicated to the Saviour at Amiata Mount. The archive contains many references to the importance and power of the abbey, but little or no reference is made to the early Medieval history of the surrounding land and area, or about the people who used to live there.

The castle of Abbadia is first mentioned in a document dating to 1203, which shows that the community was came under the aegis of a communal hierarchy headed by a Podestà, under the political control of Orvieto. A few years later, the strenght and power of this communal organization are described in the “bill of freedom” (“carta delle libertà”) granted in 1212 to communal chancellors by the Abbot of the San Salvatore monastery.

The pattern of settlements in the area of Abbadia was defined around the mid-XII Century, when under the pressure of external threats, the local population, up until then scattered over the surrounding countryside, came together within one large fortified settlement.

 

This Benedectine monastery was founded by Erfo, a Longobard nobleman, in the VIII Century, under King Astolfo, and it was dedicated to the Saviour, which was typical of that people and in the tradition of christian religion. It rose on the east side of Amiata Mount in order to reclaim the surrounding woods and forests. It also overlooked the Via Francigena, running through the Paglia Valley.

The imperial abbey greatly developed in the Carolingian period thanks to Charlemagne‘s and Ludovick‘s confirmation of its landed propertues and privileges, Around the year 1000, under Abbot Winizo, it increased its power by acquiring new territories. The church and the crypt were rebuilt in 1036. In 1228 the monastery passed to the Cistercians. It was suppressed by grand-duke Pietro Leopoldo in 1782 and re-opened later.

 

In the year 1087, a certain Miciarello and his wife Gualdrada made a donation in favour of the monastery of St Saviour. Below the donation document, the notary Ranieri signed three verses, commonly known as “Cartula Amiatina” (“The Amiata Footnote”). This extemporary poem represents to linguists the first voice of vernacular coming from Tuscany. That is, the first expressions recording the evolution of the Italian language.

But this is not the only important document about Amiata History. Till XIX Century, the monastery hosted the famous “Bibbia Amiatina”“The Amiata Bible” – which is considered the oldest latin version ever known. The Amiata Bible – a real art masterpiece, written by amanuensis monks – is now kept in Florence, but we may see a photo-reproduction in the Monastery Museum.

The historical centre is a well kept fortress-village, where you may walk through incredible narrow streets and squares, all built with the local grey stone. You may admire the Servadio Theatre (1873), a tiny but fascinating place. It was built thanks to the initiative of the Carli and Gragnoli families; it is dedicated to Giacomo Servadio (XIX Century) a Florentine member of Italian Parliament, banker, musician and theatre producer. Between the end of XIX Century and the beginning of the XX, the building was the seat of a friendly Society of the workers of Abbadia, where in XIX Century quicksilver mines began their activities, now closed and presented in a museum.

By ROBERTO ALBORGHETTI

TUTTO UN PAESE IN SCENA

 

Montefalcone Valfortore (Benevento, Italia): una mostra fotografica ripercorre la straordinaria rappresentazione della “Via Crucis” che nell’aprile scorso ha mobilitato tutta la popolazione.

 Un evento nell’evento. La mostra fotografica allestitita presso il Centro Sociale (piazza Medaglia d’Oro) di Montefalcone Valfortore è davvero una singolare opportunità per rivivere momenti ed emozioni legati alla “Via Crucis Vivente” andata in scena lo scorso 23 aprile 2011. Una grande manifestazione di teatro e di popolo è infatti riproposta attraverso quasi duecento scatti che raccontano – anche a chi non ha avuto modo di presenziare all’evento – una straordinaria rappresentazione che, per una intero pomeriggio e buona parte della sera, ha visto un intero paese “fare teatro”. Non era la prima volta che Montefalcone ospitava le scene che raccontano gli ultimi istanti di vita di Gesù di Nazareth. La prima edizione si tenne nel 1978. Venne successivamente riproposta nel 1979, nel 1980, nel 1985 e nel 2001. Così, dopo dieci anni, l’idea è stata rilanciata, con grande consenso di pubblico.

Nel vedere le immagini esposte alla mostra, si ha una visione ovviamente parziale dell’evento che ha visto calcare le scene a cielo aperto circa duecento tra attori, figuranti, scenografi, tecnici, addetti alle luci ed alla fonica. Insomma, quasi un intero paese è sceso per le strade e le piazze, rappresentando le quattordici stazioni della via crucis, nella suggestiva cornice del centro storico di Montefalcone. Sia pure con le dovute differenze, la comunità fortorina è sembrata riecheggiare le atmosfere di analoghe manifestazioni che si tengono ad Oberammergau (Germania) e a Sordevolo (Vercelli) dove da tempo è messa in scena la “passione di Cristo”, coinvolgendo comunità e territori locali.

Non è stato facile compiere l’impresa. Ma a Montefalcone, quando Leonardo Agrella (alla regia), Chiara D’Alessio e Ireneo Calò – che hanno coordinato l’evento – hanno lanciato la sfida, l’Amministrazione Comunale e la Parrocchia di Santa Maria Assunta non si sono tirati indietro, decidendo di investire in un evento di sicura presa.

Mi racconta Leonardo Agrella, artigiano, appassionato di teatro e regista della“Via Crucis Vivente”, che incontro davanti alle immagini della mostra : “Tutto è partito il 20 gennaio scorso. Ed in soli tre mesi abbiamo davvero fatto…miracoli per allestire la rappresentazione. Abbiamo avuto subito il sostegno del sindaco dott.ssa Assunta Gizzi e del parroco don Annibale Di Stasio, che ha preso parte al team che ha elaborato la sceneggiatura e che ha curato la produzione. Tutte le settimane, da lunedi e venerdi, ci siamo trovati a progettare, redigire, preparare la messa in scena. Abbiamo provveduto al casting, con la scelta delle figure principali come Gesù (interpretato da Mario De Tomo), Pietro (Rocco Palazzi), Giuda (Christian Lucarelli), Giovanni (Dario Curcio) e Maria (Iolanda Picuccio). E poi la preparazione del Coro, la selezione dei brani musicali – tutti eseguiti dal vivo da un gruppo di musicisti -, le scenografie, il service acustico, la tecnica di scena. Insomma, un gran lavoro, tenendo presente che i vari movimenti coinvolgevano decine e decine di figuranti, il cosiddetto “popolo” “.

Un’attenzione particolare è stata posta sui costumi, che sono stati forniti dall’agenzia di Adriana Monaco, di Ariano Irpino, specializzata in abiti di scena. Va detto che nella sua prima edizione, nel ’78, la “Via Crucis Vivente” si svolse con i costumi che erano serviti alla produzione del celebre “Gesù” di Franco Zeffirelli, allora messi a disposizione da Michele Trotta, originario di Montefalcone. Oltre 160 i capi di vestiario – armature comprese – indossati il 23 aprile scorso dagli attori della sacra rappresentazione che, per ben cinque ore e mezzo, dalle 16 alle 21,30, si è snodata tra le architetture del paese sannita. Una grande folla, proveniente anche da altri paesi del Beneventano, ha partecipato alla messa in scena delle “stazioni” della “passione”, che si è conclusa nell’oscurità delle ore notturne sul colle che domina Montefalcone (Ngopp u Palazz). E sono effettivamente le scene della crocifissione – esaltate dall’ottimo allestimento delle luci – a risaltare nelle 180 immagini della mostra, curata da Fotografart di Foiano. Il percorso fotografico fa sorgere spontanea la domanda se la “ Via Crucis Vivente” verrà calendarizzata anche nel futuro. Leonardo Agrella esprime l’auspicio che si possa ripetere, magari a cadenza ciclica, ogni due o tre anni. Anche il sindaco Gizzi non nasconde l’idea che l’evento possa avere una scadenza fissa, trasformandosi in un appuntamento di sicuro richiamo del comune fortorino. Certo, è anche un problema di budget, risolto quest’anno grazie al sostegno degli sponsor, dei volontari, delle associazioni locali e di tanti amici e collaboratori che hanno sottoscritto un impegno preso in un fredda giornata di gennaio. A conti fatti, l’impresa è costata non più di 10 mila euro. Ed anche questo – anche a fronte degli eccellenti risultati – è un altro “miracolo” prodotto dalla voglia di fare e dall’entusiasmo della gente di Montefalcone.

Roberto Alborghetti