IMAGINARY ARABESQUES: CORROSIONS AND CRACKS ON A WASTE BASKET (video)

The wear and tear of time, in its unstoppable pace, causes corrosion and cracking. This is what happened to the waste baskets placed in the center of a surprising medieval village, Abbadia San Salvatore, located on Mount Amiata, in the heart of Tuscany. The yellow paint, over the years, has peeled off and corroded, leaving room for imaginary arabesques that the eye of my camera caught at close range.

For infos: funtasyeditrice@gmail.com

L’usura del tempo, nel suo inarrestabile incedere, provoca corrosioni e screpolature. Così è capitato ai cestini per i rifiuti collocati nel centro di un sorprendente villaggio medioevale, Abbadia San Salvatore, situato sul monte Amiata, nel cuore della Toscana. La verniciatura gialla, nel corso degli anni, si è scrostata e corrosa, lasciando poi spazio ad immaginari arabeschi che l’occhio della mia fotocamera ha colto a distanza ravvicinata.

 

UFFIZI, PROSSIME MOSTRE: DA PIETRO L’ARETINO AI “CIELI IN UNA STANZA”

OKAY!

Segnaliamo le prossime mostre in programma a Firenze, alle Gallerie degli Uffizi e Palazzo Pitti, a partire da quella dedicata a Pietro Aretino.

Pietro Aretino e l’arte nel Rinascimento, a cura di Anna Bisceglia, Matteo Ceriana e Paolo Procaccioli, Gli Uffizi, Aula Magliabechiana, 27 novembre 2019 – 1 marzo 2020

Un centinaio tra dipinti, sculture, oggetti di arte applicata, arazzi, miniature e libri a stampa, ricostruiscono il mondo di un grande intellettuale del Cinquecento, Pietro Aretino (1492-1556). Il suo ritratto alla Galleria Palatina è uno dei capolavori di Tiziano, noto per le effigi di Papi e Imperatori, nientemeno. Pietro Aretino visse, e alimentò con i suoi scritti, un momento fondamentale per la storia e per l’arte italiana: quello che vide l’affermazione di Michelangelo e Raffaello a Roma e la diffusione in tutta Europa della cultura maturata nei primi tre decenni del Cinquecento nello sfarzo della corte di Giulio II, Leone X e…

View original post 440 more words

13th NOVEMBER: WORLD KINDNESS DAY/ LIKE A SILK CARESS ON THE MIND…

2 Roberto Alborghetti - Laceractions, Silk scarf, Limited edition

© Roberto Alborghetti – Like a Silk Caress on the Mind

Kindness is like a silk caress on the mind … This phrase was suggested to me by the images of the silk scarves produced with the image design of my “Lacer / Actions” project. Today is the World Kindness Day: it is celebrated annually on 13th November. On this day, participants attempt to make the world a better place by celebrating and promoting good deeds and pledging acts of kindness, either as individuals or as organisations. World Kindness Day was first launched in 1998 by The World Kindness Movement, an organisation formed at a 1997 Tokyo conference of like-minded kindness organisations from around the world. There are currently over 28 nations involved in The World Kindness Movement.

For info about Silk Scarves / Lacer/actions: funtasyeditrice@gmail.com

© Roberto Alborghetti – silk-scarves-limited-edition (2) - Copia

© Roberto Alborghetti

SIENA: RECORD DI VISITATORI PER IL COMPLESSO DEL DUOMO

OKAY!

Numeri record per il Complesso del Duomo di Siena. La scopertura straordinaria del magnifico pavimento a commesso marmoreo della Cattedrale si è rivelata un grande successo e ha richiamato migliaia di persone da tutto il mondo. I visitatori hanno avuto l’opportunità di compiere un viaggio simbolico alla ricerca dei più alti valori dello spirito umano, nell’ambito dell’iniziativa “Come in cielo, così in Terra”: un percorso dalla sommità della Cattedrale e dal Museo dell’Opera fino alle tarsie marmoree del Duomo. La scopertura del pavimento, infatti, è stata preceduta da “La Città del Cielo”, con visite mattutine straordinarie in programma fino all’8 settembre.

La capillare strategia di comunicazione del concessionario Opera Civita, attraverso i principali telegiornali e i più importanti quotidiani, oltre a riviste di settore nazionali ed estere e alla rete dei social network, ha garantito – dal 18 agosto al 28 ottobre – un afflusso…

View original post 223 more words

SOME CRACKS AND DIFFERENT WAYS TO SHOW THEM

Cracks is part of my Lacer/actions Project, a multidisciplinary project and research about the apparent chaos of ripped and decomposed publicity posters, natural cracks, crevices, scratches and urban and industrial corrosions (I’ve collected so far more than 120.000 photos…).

Transferred on canvases, reproduced on lithographic prints or textiles, re-built on collages or scanned in videoclips, the images of natural cracks, corrosions and scratches give new meanings and expressions to paper lacerations and matters decompositions.

I think the universe of cracks is a really wonderful world… We are surrounded by cracks… We live in a planet of cracks. And cracks may be considered as a life’s metaphor and “an active aesthetical appreciation” of what we call the disturbing elements of imperfection. In this photogallery I have gathered some of the macro images I took near Rome, in Monterotondo. And I show them in different ways. 

*

Interested in these images in exclusive and original copies? For info  funtasyeditrice@gmail.com

NEW VIDEO: TEARS ON PAPER. PICS OF DECOMPOSED PUBLICITY POSTERS

Macro Photos of Decomposed Publicity Posters. Lacer/actions Project and Research by Roberto Alborghetti. Video 2019, Soundtrack:Supreme by Das Tape

Images in exclusive and original copies. For info, please contact: funtasyeditrice@gmail.com

ECCO “L’ALTrA STAGIONE”: ARTE E PAESAGGIO NELLA TOSCANA DEL SUD

OKAY!

Crete alba nebbie 5

L’altRa stagione è un periodo dell’anno in cui la forma dei luoghi e dei paesaggi si manifesta attraverso un più intimo e raccolto senso di bellezza. Lontana dai mesi estivi, dai numerosi viaggiatori, L’altRa stagione, trova una più alta espressione spirituale dell’arte e dell’ambiente naturale in un territorio da sempre immagine dell’Italia nel mondo, la Toscana ed in particolare quella del sud.  San Gimignano, Colle Val d’Elsa, Siena, San Giovanni d’Asso, Montepulciano, Pienza, Montalcino, Sant’Antimo e Cortona aprono i propri musei, le proprie chiese ed i loro luoghi più identitari alla volontà dei visitatori che amano viaggiare e osservare la bellezza attraverso un punto di vista diverso da quello offerto dalla già conosciuta stagione dei grandi flussi di primavera e d’estate.

Le colline del Chianti, le collezioni artistiche e monumentali dei borghi toscani, l’unicità di Siena, le Crete senesi e la Val d’Orcia diventano l’ambiente ideale entro cui L’altRa stagione

View original post 346 more words