IT IS WORTH GOING TO MILAN JUST FOR THIS

AN INTERESTING POST BY DEBRA KOLKKA. A GREAT MEDIEVAL MONUMENT AND A GREAT PHOTO-GALLERY ! MILAN THANKS YOU DEBRA!

Bagni di Lucca and Beyond

The cathedral in Milan is dedicated to Santa Maria Nascente. The Gothic structure took 6 centuries to complete. This won’t come as a surprise to anyone standing in front of it.

The cathedral was begun in 1386 by Archbishop Antonio da Saluzza. The marble was quarried from Candoglia. Various architects and engineers worked on the building, including Frenchman, Nicholas de Bonaventure, giving the cathedral distinct French style. Napoleon also had a hand in the construction, much later on, in 1805, when he insisted that the facade be completed. He was crowned king of Italy in the cathedral.

The fact that it is still standing for us to admire is a miracle. Much of Milan was bombed in WWII, but the cathedral escaped the bombing and stood firmly in place.

20121026-084803.jpg

It has been cleaned recently and it is looking magnificent, even on a dark, misty morning.

The interior is very grand.

View original post 67 more words

DRIPPING TECHNIQUES? THEY ARE JUST MY “LACER/ACTIONS”…

 

 

Hundreds of drops, black-white-grey colors, an absolutely random image, as the other 35.000 I took during my research about what I like to call “The Torn (publi)City” (ripped posters and urban signs). This is one of my last 2011 artworks. I had the luck to catch it in Milan. It’s one of a series of 5. You never imagine where I took it from! Someone could define it as an expression of dripping techniques. Someone (again) could tell me that it is so similar to some Jackson Pollock paintings…

I only say that the image is absolutely natural and spontaneous, a realistic shot, caught in Milan by my eyes and camera… One day we should explain how reality – I mean: what we have under our eyes – has affected and ispired contemporary art. Meanwhile, this is just another of my “lacer/actions”. And I love people when they play to recognize in what I do some great artist’s hand…

 

  •  “Escape from a definable space” / Roberto Alborghetti’s Lacer/actions – Medium: Canvas/Mixed media, 80×50, Image location: Milan, 2011.
  •  

WATCH THE CLIP, WITH MACKINTOSH BRAUN SOUNDTRACK: 

http://youtu.be/AIkW03wDWtM

LaceR/Actions”is a multidisciplinary project and research about urban signs and landscapes, especially concerning the apparent chaos of ripped papers from billboards and advertisings diplays. I have so far collected more than 35.000 images. Impressed by photocamera and transferred on canvas, reproduced on lithographs or textiles (as pure silk), or scanned in a video clip, the details of torn posters give new life to paper lacerations. I think that in the lacerated advertisings is recognizable the “unwrapped” city, self-destroying in the messages, self-regenerating and self-reproducing in new visual elements, often contradictory, dissonant, discordant, but still surprisingly vital.

Some “Lacer/Actions” artworks were published in a booklet-portfolio: Pics of torn (publi)city”. In July 2010, thirty thousand people visited my show “The Four Elements of LaceR/Actions” during the three days exhibition at Oriocenter (Milano Bergamo Orio Airport, Italy).Myartworks are also taking part of experiences about sensorial and emotional perceptions (sinestesys) concerning kinesiologic tests. In October 2010 I participated to “Parallax AF” in London (La Galleria, Royal Opera Arcade).

 LACER/ACTIONS on web

www.artslant.com/ew/artists/show/134694-roberto-alborghetti

www.youtube.com/user/lacerazioni

https://twitter.com/#!/RobAlborg

www.facebook.com/roberto.alborghettilacerazioni

http://lacer-azioni.blip.tv/

https://robertoalborghetti.wordpress.com/

http://it.linkedin.com/in/robertoalborghettilacerazioni

www.myspace.com/lacer-azioni

 SONO SOLO… LACER/AZIONI

Ecco una delle mie ultime Lacer/azioni del 2011. E’ una immagine che- come le altre 35.000 che ho realizzato nel corso di anni di ricerca – è assolutamente realistica, casuale, spontanea, non manipolata. Qualcuno si divertirà a riconoscere, ad esempio, la tecnica “dripping” usata da grandi artisti quali Jackson Pollock… Dico solo che la mia immagin è catturata dalla realtà, da ciò che abbiamo sotto gli occhi. E penso che la realtà abbia influenzato e ispirato grandemente l’arte contemporanea.

  •  “Fuga da un definibile spazio”, Roberto Alborghetti Lacer/azioni, tela/mixed media, 80×50, 2011, Localizzazione immagine: Milano

 

TOMORROW’S DESIGNERS ARE TRAINING IN MILAN AT SPD, SCUOLA POLITECNICA DESIGN

 The prestigious Italian School opened the new Academic year renewing his image with a new logo and visual identity system

 

Scuola Politecnica di Design, SPD, came into existence at the very same time as Italian design. It was founded in 1954 in Milan, as the first Italian school of design. Opened academic year 2011-2012, SPD has renewed his image with the introduction of the new logo and new visual identity system that is complemented by other communication medias including a publication and materials that exhibit the results of the recent work carried out within the SPD Master’s graduate. The school has just started offering to students from all over the world the research themes to be developed in cooperation with companies and institutions of great international importance. Thanks to prestigious academic partnerships, SPD is able to offer experiences and training that allows to merge in the final models and practices of contemporary design system.

 The identity project developed with based in Milan Jekyll & Hyde studio considers SPD as a place and a manner. The place where people, cultures and visions can freely combine into new forms and new languages. The way in which passion becomes able to do thanks to rigorous courses. The new logo frees energies through a clear and meaningful sign. The logo construction welcomes the seemingly opposing concepts of essence and transition that the school has been played in nearly 60 years. The concept of the new corporate respects and welcomes the historic brand designed by the founder Nino Salvatore in the 50s; as a continuity sign, it reappears as official seal in the Institution documents.

 Since 1954 the school has welcomed an extraordinary community of students from various countries and backgrounds. Everyone has an unequalled opportunity: they work side by side with the very best professionals, engage in dialogue with dynamic, thorough companies, and swap experiences with young talents from all over the world. All of this takes place in a human-scale environment, in a city with an incredibly close-to-hand and accessible culture made up of design, communication, trade and industry, and fashion and art.

 At SPD every student is followed individually by a faculty made up of designers, university tutors, researchers, and professionals like Piero Lissoni, Denis Santachiara, Aldo Cibic. The teaching method is arranged into design workshops, theoretical lectures, seminars and visits to producers and showrooms. Carried out with leading companies such as Audi, Microsoft, Heineken, IKEA, Artemide, Poltrona Frau Group, the project work is a crucial experience at SPD. These projects are laid out according to an interdisciplinary approach which is a proving ground for the student’s abilities, from concept to production. The results of this work are translated into very high quality, concretely and professionally oriented education. The school has very close relations with sector organizations such as ADI (Italy’s Industrial Design Association), universities, and design studios. The services it offers to firms include project development integrated with academic activities, professional consultancy work centred on applied research, made-to-measure training, and internship and recruiting services.

The offering of advanced education is made up of five annual Masters, from product design to visual and digital communication: Industrial Design; Interior Design; Transportation Design; Visual Design; Web and Multimedia Design.

 Infos:

Scuola Politecnica di Design SPD, via Ventura 15, 20134 Milano – Italy

t +39 02 21597590; f +39 02 21597613

www.scuoladesign.com

info@scuoladesign.com

 

 I DESIGNERS DI DOMANI SI ADDESTRANO A MILANO ALLA SPD, SCUOLA POLITECNICA DESIGN

 La Scuola Politecnica di Design SPD inaugura l’anno accademico 2011-2012 rinnovando la sua immagine con l’introduzione del nuovo logo e del nuovo sistema di identità visiva che si completa con altri supporti di comunicazione tra i quali una pubblicazione e materiali che presentano i frutti più recenti dei lavoro sviluppato all’interno dei Master postlaurea SPD. La scuola ha appena avviato il nuovo anno accademico proponendo ai propri studenti provenienti da tutto il mondo i temi di ricerca da sviluppare in collaborazione aziende e istituzioni di grande rilievo internazionale. Grazie a queste prestigiose partnership accademiche SPD è in grado di offrire un’esperienza di formazione a carattere professionalizzante che consente anche grazie al tirocinio conclusivo un’immersione nei modelli e nelle pratiche del sistema design contemporaneo.

 Il progetto di identità sviluppato dallo studio milanese Jekyll & Hyde interpreta SPD come luogo e come modo. Il luogo in cui persone, visioni e culture diverse possono liberamente combinarsi in nuove forme e nuovi linguaggi. Il modo in cui la passione si trasforma in saper fare grazie a percorsi rigorosi. La nuova identità libera queste energie attraverso un segno chiaro quanto denso di significati. La costruzione del logotipo infatti accoglie in sé i concetti apparentemente contrapposti di essenza e transizione che la scuola ha interpretato in quasi 60 anni di attività.

Il concept della nuova corporate rispetta e accoglie lo storico marchio disegnato dal fondatore Nino di Salvatore negli anni ‘50 che, nel segno della continuità, riappare come sigillo nei documenti istituzionali.

 Con l’apertura del nuovo anno accademico 2011-2012 hanno preso avvio cinque Master annuali tra design di prodotto, architettura d‘interni, grafica e comunicazione digitale che prevedono un periodo di stage a conclusione del percorso d’aula. Il Master in Transportation e Car Design che costituisce una delle eccellenze della scuola milanese propone invece un progetto in collaborazione con il gruppo Volkswagen, sponsor principale del Master. Anche quest’anno la presenza degli studenti stranieri è in crescita con una decisa accelerazione dell’Asia mentre Italia ed Europa si mantengono intorno al 35%.

Tutti i programmi di Master SPD – Industrial Design, Interior Design, Transportation e Car Design, Visual Design, Web e Multimedia Design – prevedono lo sviluppo di progetti sperimentali grazie al coinvolgimento attivo di partner didattici.

 Infos:

Scuola Politecnica di Design SPD, via Ventura 15, 20134 Milano – Italy

t +39 02 21597590; f +39 02 21597613

www.scuoladesign.com

info@scuoladesign.com

 

“L’ECO DI BERGAMO” NEWSPAPER DEDICATES 2 FULL PAGES TO ROBERTO ALBORGHETTI’S “LACER/ACTIONS” ART

I know: you aren’t dedicated two pages in a newspaper every day… Especially when they refer to art and culture. However, this happened to me. L’Eco di Bergamo – the most popular local newspaper in Italy – wrote about my “Lacer/actions” artworks dedicating me two full pages. The article is signed by Diego Colombo, who has interviewed me and has brilliantly reported and described the aspects of my art. I’m re-proposing some passages of the long and detailed article, thanking Diego Colombo and L’Eco di Bergamo for the attention they gave me. The entire article can be read on L’Eco di Bergamo, on October 26, 2011.

 

ALBORGHETTI ‘S POP ART IN NEW YORK

by Diego Colombo

 The “torn city.” This is the subject of photographs by the journalist Roberto Alborghetti from Bergamo (Italy), a research work on torn posters, advertising papers, in different countries of the world. He explains: “It’s hard to imagine that behind torn and faded messages there is “something else” to see or discover. In spite of this, these images keep being a mirror of the talking city. These are the post-communicating traces of a product, an event, a show, an idea, new visual elements, often contrasting, discordant but always surprisingly vital”.

Chris Barlow, British art historians, has hosted Alborghetti in an exhibition in London, organized in October. He was invited to be part of the Memorial & Museum in New York, with his work on Nine Eleven… “I’ve always been fascinated by the world of communication – explains Alborghetti – and once I cared a survey “The eye and the media”, in the weekly magazine “La nostra Domenica”, which often dealt with advertising including that of billboards on the streets. And the director, Lino Lazzari, encouraged me to go on with photographs, putting near my language the innovations of pop art. This year he wrote me a beautiful review which I translated into English and placed on the net”. Lazzari wrote: “The matter used to create a work of art and to convey positive messages of humanity isn’t as important as the ability of using “tears” of colored paper to exalt the characteristics of a striking, persuasive, compelling reality”.

“I photograph a waste as the torn poster waiting to be covered by other posters – adds Alborghetti – or remains as a waste, especially in poor neighborhoods where I usually find the best images”. “In Tunis, three years ago, I took photographs in an Arab market – remembers Alborghetti – where I saw beautiful matches on the blue walls of buildings… The most beautiful matches are those in which paper remains stuck for months and undergoes a process of osmosis with the environment. With rain, sun, smog, paper always changes, it pulls itself, it’s stiff. The most unusual aspects can be discovered when rainwater mixes everything, leaving incredible traces, and it’s important to seize the right moment, because it isn’t always easy…”

“During the last fifteen years – continues Alborghetti – I coordinated several projects about the use of means of mass communication and the reading of image, including workshops with students and teachers on advertising messages. There, I discovered that advertising has a “post” value, that is to say even after being a moment of communication. To tell the truth, the artist Mimmo Rotella took inspiration from torn posters of the fifties. And others like him, for example the French artist Jacques Villeglé: the capability of the billboard of enchanting isn’t something new. But I have considered a different aspect: the suggestion of colors that casually remain when the bill-sticker tears. In the meantime, studying contemporary art, I was seduced by abstractionism”.

 In about seven years, Alborghetti collects a lot of photos, thirty thousand pics. Here comes the surprise: “Showing them to friends or during the workshops with teachers, I was told that my pictures of torn posters were beautiful. They pushed me to locate them, date them, categorize them. I had shots taken around the world, from Italy, from New York and Los Angeles, from all the places where my job as director of specialist journals in the field of teaching and education and coordinator of projects about the use of media takes me”.

The moment of getting known comes soon: “I created about forty videoclips with my images of torn posters, organizing them by color – blue, red, black – and giving meaning to my work. I loaded them on the net: YouTube, MySpace, Facebook, ArtSlant… The first exhibition was in July 2010 at OrioCenter: the Director of the big shoppin center had seen my pictures and he had offered me a space, the square opposite the Milan Bergamo Orio Airport, for an exhibition of thirty works on the theme “Air, water, earth and fire”. In three days, thousands of people have asked for explanations and clarifications. On that occasion newspapers dedicated some articles to the event, including L’Eco di Bergamo and the international web magazine Un mondo d’Italiani…”

 “At first I found much derision in Italy. They told me: “You have made a montage”. And then I had to stand, and still today, people’s reactions when I am taking photos on torn posters. “You’re crazy”, “I have to go, give me way…”. In Milan I was also stopped by the police: I was shooting near a police station, considered “a significant military target”. “What are you photographing?”. “I will show you”. They couldn’t believe. Even my friends usually joke: they pretend to be art dealers who invite me to exhibitions”. To tell the truth when we saw the first e mail from Roberto Alborghetti, we thought it to be a trick.

“When I brought my booklet in a gallery in Milan, they watched me as if I was an alien. But abroad I realized that I wasn’t the problem, they were. We have to get out of our narrow-minded, it is isolating us”.

 The web gives Alborghetti a strong visibility: he has been receiving since the beginning thousands of contacts on his website “Lacer/actions” on YouTube. “Lacer/actions. I chose this name because my activity consists of reading the tears on posters, mirror of pople’s sorrow” Alborghetti’s name is also present on The Huffington Post, the prestigious American blog for which the President of the United States Obama, also wrote. The article is signed by Srini Pillay, Harvard psychiatrist and researcher in the field of “brain imaging”, author of bestsellers about the Neuroscience; in Italy they translated his best seller “Life Unlocked”, titled “La Calma in Tasca” (Newton Compton publishing company)

Pillay was especially struck by the work of Alborghetti dedicated to Nine Eleven and he wrote a psychological analysis on it: “Art is a form of healing whose effects we can seen in the brain. When it is as beautiful as Roberto Alborghetti, it invites us to revisit the tragedy of terrorism, the horror of the loss and the beauty of our resilience through this mysterious life”.

The London show has been organized by the art historian and gallery owner Chris Barlow: “He saw my pictures on the net, he appreciated them and invited me to go to London for three days at the international “Parallax AF” with three of my works: that dedicated to Nine Eleven, “As running fast water” (Come acqua che corre veloce), “I don’t like to stand still” (Non mi piace stare fermo). “As running fast water” was born in Bergamo, along XXIV Maggio street in a rainy day and now somebody puts it near Monet”.

 “I have been contacted by many people who had seen my pictures on the net – Alborghetti says with surprise, but also with pride – : poets, musicians and storytellers. Among these was Srini Pillay, who now is working to an international project about “ States of consciousness”: he sent me a grid of questions centred on the creation of my works. When he received my answers he wrote me: “I am a columnist of The Huffington Post, I will dedicate an article about your work on Nine Eleven”. Taking the story of the origin of this picture as a starting point, he began to write: “Roberto Alborghetti was walking along Vico Street in Milan…”. That’s true: I was there when I saw a board election and I was fascinated by the tears left by a bill-sticker. The colors were similar to those of blood and fire coming down to the gray cement. This year is the tenth anniversary of Nine Eleven and I decided to dedicate this picture to the Fallen in the attack”.

 But there’s more. “Two years ago I have produced a clip with colorful images. An American hip-pop musician, Sweet P The Entertainer saw it and wrote to me: “If I give you my music, you will make a clip”. Now he is coming out in America with his first album…” There is a special feeling with the music. “Last year I made a clip with abstract images that made me think of the atmosphere of Christmas; this clip was for an american group that sings a cappella, Tonic Sol-Fa. A few months ago I worked with a Dutch musician, Jap Jap. And an experimental musician from Brighton, Jonteknik, sent me a song and he wrote to me: “Combine it with your pictures, I like them very much”. I worked with the American musical project “Earscapes” by Joshua Sellers, musician, producer and poet from Arkansas, who created a nine minutes video (“Linger”) with my artworks…”

“Who says that this kind of work can be created only by an Italian, mentioning Renaissance, as well as all the culture that we have behind us and inside us, puts me in a crisis. As well as people who puts me near Cy Twombly, Josef Albers, to pop art, who declares that I have shown that in art nothing is created nor destroyed. That’s true: I am not a painter, but a lot of great artists have been inspired by torn posters. I have got proof. I don’t modify the images, I don’t transform them: I immortalize them as I see them. My work is a provocation. Those who see my work for the first time have the illusion that they are paintings. I have to explain that they are not…”

Others apart from artists like Alborghetti’s works. He has been called by a company, the Bulwark Design (Srs Group), from Fiorano Modenese (Modena), in the center of the district of ceramics… And then the meeting with Bruno Boggia, who provides designers with the drawings. Because the success of an article depends on the textile designers. In Como, Boggia works for the most successful international fashion houses. Alborghetti: “He has produced three silk scarves with my pictures, including one dedicated to Nine Eleven (Alborghetti is going to give it to an association of families of the Fallen in the attack) Three prototypes, just to see the effect of the transition from paper to silk”. “But there’s also – he concludes – a religious group which had the idea of taking one of my images as a model for a stained glass window… People see all these references. For me it’s just a game”. But also a provocation to our eyes and our minds.

DUE PAGINE DE “L’ECO DI BERGAMO” RACCONTANO LE “LACER/AZIONI” DI ROBERTO ALBORGHETTI

Lo so: due pagine che parlano di te, su un quotidiano, non sono cosa di tutti i giorni. Soprattutto poi quando si riferiscono all’arte ed alla cultura. Comunque, è capitato a me. L’Eco di Bergamo – il quotidiano locale più diffuso in Italia – ha scritto di me e delle mie “Lacer/azioni” dedicandomi appunto due pagine. L’articolo è firmato da Diego Colombo, che mi ha intervistato a lungo ed ha brillantemente riportato e raccontato aspetti e realtà del mio progetto “Lacer/azioni”. Ripropongo qui alcuni passaggi del lungo ed articolato servizio, ringraziando Diego Colombo e L’Eco di Bergamo per l’attenzione che mi è stata dedicata. L’intero servizio può essere letto su L’Eco di Bergamo del 26 ottobre 2011.

  

A NEW YORK LA POP ART DI ALBORGHETTI

di Diego Colombo

 La “città strappata”. Questo il tema delle fotografie del giornalista bergamasco Roberto Alborghetti, un lavoro di ricerca sulla carta della pubblicità in diverse nazioni del mondo. Lui lo spiega così: “Dietro messaggi sbiaditi e stracciati riesce difficile pensare che possa esserci ancora “qualcosa” da vedere o scoprire. Eppure, queste immagini continuano a essere uno specchio della città che comunica e che parla. Sono le tracce e i reperti post-comunicanti di un prodotto, di un evento, di uno spettacolo, di un’idea, elementi visivi nuovi, spesso contrastanti, disarmonici, ma sempre sorprendentemente vitali”.

 Chris Barlow, uno dei più noti storici dell’arte inglesi, ha ospitato Alborghetti in una mostra a Londra, tenutasi in questo mese di ottobre. Con la sua opera sull’11 Settembre è stato invitato a far parte del Memorial & Museum di New York, di cui è stata inaugurata la prima sezione nell’occasione del decennale dell’attacco terroristico. La seconda – di cui farà parte Alborghetti – sarà aperta nell’autunno 2012. “Sono sempre stato affascinato dal mondo della comunicazione – ci spiega Alborghetti – e un tempo sul settimanale diocesano La nostra Domenica curavo una rubrica, “L’occhio e i media”, dove spesso parlavo di pubblicità, anche quella dei cartelloni per le strade. E proprio il direttore di allora, Lino Lazzari,mi ha incoraggiato ad andare avanti con le fotografie, accostando il mio linguaggio all’avanguardia della pop art. Quest’anno mi ha scritto una bellissima scheda critica, che ho tradotto in inglese e messo in Internet”. Scrive Lazzari: “Non conta la materia che viene usata per realizzare un’opera d’arte e per trasmettere positivi messaggi di umanità e’ sufficiente la capacità di servirsi anche di “strappi” di carta colorata per esaltare le caratteristiche di una realtà che si fa immagine sorprendente, suasiva, coinvolgente”. “Io fotografo un rifiuto come il manifesto strappato in attesa di essere coperto da altre affissioni – aggiunge Alborghetti – o che resta come scarto, in particolare nei quartieri più degradati, perché lì trovo le immagini più belle.”

 “A Tunisi, tre anni fa, ho preso fotografie in un mercato arabo – ricorda Alborghetti – dove avevo visto splendide combinazioni di colori sui muri azzurri degli edifici. E che paura ha avuto mia moglie, che mi osservava da lontano, quando sono stato circondato da un gruppo di arabi in atteggiamento non proprio amichevole! Le composizioni più belle si individuano quando la carta resta attaccata per mesi e subisce un processo di osmosi con l’ambiente. Con la pioggia,il sole, lo smog, la carta ha un continuo mutamento, si tira, si rattrappisce. Gli aspetti più inconsueti si scoprono quando l’acqua piovana mescola tutto, lasciando tracce incredibili, e si deve essere pronti a cogliere il momento giusto, perché non è sempre facile…”

 “Negli ultimi quindici anni – continua Alborghetti – ho coordinato diversi progetti sull’uso dei mezzi di comunicazione di massa e sulla lettura dell’immagine, tra cui workshops con allievi e docenti sui messaggi pubblicitari. E’ proprio lì che ho scoperto che la pubblicità ha un valore “post”, cioè anche dopo essere stata un momento di comunicazione. Per la verità, dai manifesti lacerati già dagli anni Cinquanta il pittore Mimmo Rotella prendeva ispirazione. E come lui altri, per esempio il francese Jacques Villeglé. Insomma, non è una novità che il cartellone pubblicitario affascini. Ma io ne ho considerato un altro aspetto: la suggestione dei colori rimasti casualmente quando l’attacchino strappa. Intanto, studiando l’arte contemporanea, ero sedotto dall’astrattismo”.

 In circa sette anni, Alborghetti raccoglie una valanga di foto, conservando trentamila negativi. Arriva la sorpresa: “Iniziando a mostrarle agli amici o durante gli workshops con gli insegnanti, mi sentivo dire che le mie immagini dei manifesti strappati erano belle. Mi hanno spinto a localizzarle, datarle, categorizzarle. Avevo scatti presi in tutto il mondo, dalla Bergamasca a New York e Los Angeles, in tutti i luoghi dove mi porta il mio lavoro di direttore di riviste specialiste nel settore della didattica e dell’educazione e di coordinatore di progetti sull’uso dei media”.

E viene il momento di farsi conoscere. “Ho costruito una quarantina di videoclip con le mie immagini di manifesti strappati tematizzandole per colore – il blu, il rosso, il nero – e conferendo un senso al mio lavoro. Li ho caricati su Internet, in YouTube, MySpace, Facebook… La prima mostra è stata a OrioCenter nel luglio 2010: il direttore del centro commerciale aveva visto le mie fotografie e mi aveva offerto lo spazio, la piazzetta che dà sull’aeroporto di Orio al Serio, per un’esposizione di una trentina di opere sul tema “Aria, acqua, terra e fuoco”. In tre giorni migliaia di persone mi hanno chiesto informazioni, chiarimenti, delucidazioni. In quell’occasione hanno parlato della mia opera i giornali, tra cui L’Eco di Bergamo, e un’agenzia internazionale, la web magazine Un mondo d’italiani

 “Anch’io all’inizio in Italia trovavo molta irrisione, sufficienza. Mi dicevano: “Hai fatto un fotomontaggio”. E poi dovevo sopportare, e ancora oggi, le reazioni della gente quando mi vede fotografare i manifesti strappati. “Lei è matto”, “Io devo passare”. A Milano sono stato anche fermato dalla Volante: stavo fotografando vicino a una caserma di carabinieri, considerata “un obiettivo militare sensibile. “Che cosa sta fotografando?”. “Vi faccio vedere che cosa ho fotografato”. Non credevano. Anche i miei amici mi facevano scherzi, si fingevano galleristi importanti che mi invitavano a delle mostre”. Per la verità anche noi, quando abbiamo vista la prima mail di Roberto Alborghetti, abbiamo pensato a uno scherzo.

Quando ho portato un mio opuscolo in una galleria di Milano, mi hanno guardato come un alieno. Ma all’estero mi hanno fatto capire che il problema non ero io, erano loro. Dobbiamo uscire dalla nostra mente ristretta, ci sta isolando”.

 Inernet regala a Alborghetti una forte visibilità: fin dall’inizio sono migliaia i contatti sul suo sito “LaceR/Azioni” su YouTube e ArtSlant. “Lacerazioni. Ho scelto questo nome perché la mia attività consiste nel leggere le lacerazioni nei manifesti, specchio delle ferite interiori presenti in ognuno di noi”. Di Alborghetti parla The Huffington Post, il prestigioso blog americano per il quale ha scritto anche il presidente Obama. L’articolo è firmato da Srini Pillay, psichiatra di Harvard, ricercatore nel campo del “brain imaging”, autore di bestsellers sulla neuroscienza, di cui in Italia è pubblicato solo un libro, La calma in tasca (editrice Newton Compton).

Pillay resta colpito in particolare dall’opera di Alborghetti dedicata all’11 Settembre, scrivendone un’analisi psicologica: “L’arte è una forma di cura/guarigione i cui effetti possono essere visibili nel cervello. Quando è bella come quella di Roberto Alborghetti, essa ci invita a rivisitare la tragedia del terrorismo, l’orrore della perdita e la bellezza della nostra capacità di recupero attraverso la nostra misteriosa vita”.

La mostra di Londra si deve allo storico dell’arte e gallerista Chris Barlow: “Ha visto in Internet le mie immagini, le ha apprezzate e mi ha invitato ad andare a Londra per tre giorni all’esposizione internazionale “Parallax” con tre opere, quella sull’11 Settembre, “As running fast water” (Come acqua che corre veloce), “I don’t like to stand still” (Non mi piace stare fermo). “Come acqua che corre veloce” è nata a Bergamo, in via XXIV Maggio in un giorno di pioggia e ora c’è chi l’accosta a Monet”.

 “Sono stato contattato da molte persone che avevano visto le mie immagini in Internet – racconta ancora con stupore, ma anche con orgoglio, Alborghetti -: poeti, musicisti, narratori. Tra questi anche Srini Pillay, che sta lavorando a un progetto internazionale sugli stati della coscienza: mi ha mandato una griglia di venti domande su come nascevano le mie opere. Quando ha ricevutole mie risposte, mi ha scritto: “Io sono un columnist di The Huffington Post, ti dedicherò un articolo sull’opera sull’11 Settembre”. Prendendo spunto dal mio racconto sull’origine di quest’immagine, ha iniziato scrivendo: “Roberto Alborghetti stava camminando lungo via Vico a Milano”. Si è vero: ero lì quando ho visto un tabellone elettorale e sono rimasto affascinata dagli strappi lasciati da un attacchino. I colori mi hanno dato subito l’impressione del sangue e del fuoco che scende dall’alto sul grigio del cemento. Quest’anno è il decimo anniversario dell’11 Settembre e ho pensato di dedicare questa immagine alle vittime”.

 Ma non è finita. “Avevo prodotto due anni fa un clip con immagini molto colorate. L’ha visto un musicista americano di hip-hop, Sweet P. Mi scrive: “Io ti do la mia musica, tu fanne un clip”. Ora sta uscendo in America con il suo primo album…” Con la musica c’è un feeling particolare. “Per un complesso americano, Tonic Sol-Fa, che canta a cappella, l’anno scorso ho costruito un video con immagini astratte che mi ricordavano il clima del Natale. Qualche mese fa ho collaborato con un musicista olandese, Jap Jap. E un musicista sperimentale di Brighton, Jonteknik, mi ha mandato una canzone e mi ha scritto: “Combinala con le tue immagini, mi piacciono moltissimo”. Ho collaborato con il progetto musicale americano “Earscapes”, di Joshua Sellers, musicista e poeta dell’Arkansas, che ha realizzato un video di nove minuti con le mie immagini (Linger) e l’ha mandato su YouTube…”

 “Chi mi commenta che solo da un italiano può nascere un’opera come la mia e mi cita il Rinascimento, così come tutta la cultura che abbiamo alle spalle e ci portiamo dentro, mi mette in crisi. Come chi mi accosta a Cy Twombly, a Josef Albers, alla pop art,  e chi dichiara che ho dimostrato che nell’arte nulla si crea e nulla si distrugge. E’ vero: io non sono un pittore, ma parecchi grandi artisti si sono ispirati ai manifesti strappati. Io ne ho la prova. Io non lavoro le immagini, non le altero, come le colgo, le immortalo. La mia opera è una provocazione. Chi vede le mie opere per la prima volta ha l’illusione che siano dei dipinti. Io devo spiegare che non lo sono…

 Le opere di Alborghetti non piacciono soltanto agli artisti. E’ stato chiamato anche da un’azienda, la Bulwark Design di Srs, di Fiorano Modenese, al centro del distretto della ceramica… E poi l’incontro con Bruno Boggia, che fornisce i disegni agli stilisti. Perché il successo di un capo dipende dai designer tessili. Boggia a Como lavora per le più affermate case di moda internazionali. Alborghetti: “Ha prodotto tre sciarpe di seta con le mie immagini, tra cui quella dedicata all’11 Settembre (Alborghetti ha intenzione di donarla a un’associazione di famiglie di caduti nell’attacco, ndr). Tre prototipi, solo per vedere l’effetto che fa il passaggio dalla carta alla seta”. “Ma c’è anche – conclude – un istituto religioso femminile che ha avuto l’idea di prendere una mia immagine come modello per una vetrata sul tema della Passione. Sono gli altri che vedono tutti questi rimandi. Per me è solo un gioco”.

Ma anche una provocazione per i nostri occhi e per la nostra mente.

 

MILAN, THE 2nd MASTER IN MENSWEAR: TRAINING THE TALENTS OF THE FUTURE

 Istituto Marangoni and Ermenegildo Zegna together again to form the menswear talents of tomorrow.

 

 Istituto Marangoni, the prestigious fashion school founded in 1935, and Ermenegildo Zegna Group, the luxury menswear brand founded in 1910, two among the most reputed players in the world of Italian fashion, have renewed their commitment to training emerging fashion designers and inaugurated the second edition of the Master in Menswear at the Milan campus. From the common didactic purpose of two Italian fashion leaders comes the desire to offer a high level specialisation course, delivering the best educational and practical preparation in response to the constant evolution of contemporary menswear style.

The course includes a thorough analysis of the menswear industry, focusing on the various stages of production process until acquiring a clear overview of: the concept of suits, outerwear and shirts, the structure of the collection and the packaging of the product through to its distribution. An important asset for the Master will be the participation of top managers and creative directors from Ermenegildo Zegna group. In this second edition, they will once again share with students their precious professional experience in product management, style and retail. I am honoured and proud that the Ermenegildo Zegna Group has agreed to join us in this important project, for the second year in a row – said Roberto Riccio, Group Managing Director of Istituto Marangoni – Our school has always been committed to training the talents of the future, and is the only Italian school able to provide a concrete response, with expertise and timeliness, to the specific requirements of the menswear industry, by training future professionals who are capable of understanding and interpreting with personality the menswear universe and its trends. I am sure that the involvement of the Ermenegildo Zegna Group will help us strengthen the excellence of our training and will provide students with know-how of the highest level of professionalism within the menswear industry.”

The Master will deal with all aspects of menswear collections, from formal and upper casual with Ermenegildo Zegna and fashion with Z Zegna to urban with Zegna Sport. It will give students the opportunity to explore freehand and digital drawing techniques, modelling and learn how clothing is made, from the simplest to the most structured garments. It will also cover all the topics concerning product management and production flow administration.

Once again in this second edition, students will be confronted with stimulating creative projects, inspired by the Group’s different brands, and they will have the possibility to visit the company’s production sites for fabrics, knitwear and ready-to-wear garments, the headquarters and the Zegna showroom in Milan. The special guest present in the jury which will identify the best student comes from the media: Michele Lupi, Editor in Chief of “Rolling Stone” magazine, who will bring a fresh, cross-cutting perspective on the style and creativity of the students. The Menswear Award will be delivered to the best course participant, selected according to Zegna and Istituto Marangoni criteria, who will be offered a 3-month internship within one of the brands and, as in the previous edition, will have the opportunity to participate in the organisation of Zegna fashion show in June 2012 in Milan.

Benedetta Zegna, Ermenegildo Zegna’s Talent Management Director, who attended the opening ceremony for the course at Istituto Marangoni, stated: “The decision to continue to support this wonderful initiative is motivated by the quality of the educational offer of Istituto Marangoni and especially of the projects undertaken by the students. The selected talents are bringing ideas and a fresh look to the company’s creative teams.

An important aspect, which we continue to explore in the Master’s program, involves visits to our Group’s production sites, which allow students to feel the extreme quality of the fabrics and products first hand, and to understand the centrality of detail as a key factor for that perfect blend of craftsmanship and technological innovation that is typically Italian.

The idea of inviting Michele Lupi to serve on the jury comes from the desire to give voice to an outside perspective, through the eyes of a man engaged in different environments, always characterised by attention to emerging trends and emerging signs of style.”

The Master began on October 3rd, 2011 at the Milan campus, will last 8 months and includes 7 classes of 2h30 a week. The lessons will be taught in Italian with a simultaneous English translation.

 

MASTER IN MENSWEAR

Limited number (20 places available)

Beginning

October 3rd , 2011

Study Program

  • Menswear Design

  • Fashion Graphics

  • Fashion Panorama

  • Fashion Industry Analysis

  • Research Method

  • Product Management

Attendance

7 lessons per week – 2h30 each

Duration

8 months

Admission Requirements

– A portfolio that demonstrates the candidate’s creative and drawing abilities

– A detailed professional and educational CV that includes: degree or diploma certificate with the final mark awarded

– 100 word cover letter describing professional aims and aspirations and clearly putting forward the reasons and motivation for wanting to participate in the Master’s program

– At least one references letter from an employer or teacher

– Knowledge of Italian or English language

To be admitted to the master, candidates must attend an orientation interview and submit the application form, provided during the interview or downloadable from www.istitutomarangoni.com duly completed.

 

ABOUT ERMENEGILDO ZEGNA

Ermenegildo Zegna Group is a leading maker of luxury menswear and one of the most highly renowned enterprises in Italy. It was founded in 1910 in Trivero, in the Alpi Biellesi, by the young entrepreneur Ermenegildo Zegna, who started to produce some of the finest and most highly prized fabrics in the world. The Company is now led by the 4th generation of the Zegna family. By the end of the ’90s the Group had completed its verticalization strategy and created a global luxury brand that makes fabrics, clothing and accessories and is focused on retail business (mostly through directly operated stores). The Group is a pioneering force in opening up emerging markets. In 2010, it celebrated its first centennial, marking 100 years of industrial excellence. Today it has 570 single-brand stores, of which 300 proprietary, in 80 countries, with consolidated sales of euro 963 million in 2010.

 ABOUT ISTITUTO MARANGONI:

Istituto Marangoni was founded in 1935. It now has three generations of students to its credit and has launched over 35,000 professionals, including some of the most important names in international fashion, such as Domenico Dolce, Franco Moschino, Rodolfo Paglialunga, Umit Benan, Alessandro Sartori, Francesco Russo and many others. Istituto Marangoni’s mission has remained the same: to create professionals for the fashion and design industry, people with solid knowledge and know-how, creativity and an understanding of the needs of business. Istituto Marangoni now has 2,400 students from 92 countries. It has three campuses in the capitals of international fashion, design and creativity (Milan, Paris and London) providing 3-year courses, Master’s courses and 1-year courses at all levels.

 

 MASTER IN MENSWEAR: LA MODA FORMA I TALENTI DI DOMANI

 Istituto Marangoni ed Ermenegildo Zegna nuovamente insieme per formare i creativi della moda maschile di domani. Partita la seconda edizione del prestigioso Master in Menswear nel campus di Milano

 L’Istituto Marangoni, scuola di moda nata nel 1935, e il Gruppo Ermenegildo Zegna, brand del lusso maschile fondato nel 1910, due importanti realtà del mondo della moda italiana, hanno rinnovato il proprio impegno nella formazione dei creativi emergenti inaugurando la seconda edizione del Master in Menswear nel campus di Milano.

Dalla comunione di intenti di due eccellenze della moda italiana è nata la volontà di proporre un corso di specializzazione di alto livello, in grado di offrire agli studenti la migliore preparazione didattica e pratica per rispondere alla costante evoluzione dello stile maschile contemporaneo.

Il Corso prevede un’approfondita analisi del settore dell’abbigliamento uomo, declinata nello studio delle differenti fasi del processo produttivo fino all’acquisizione di una chiara visione di insieme: dal concetto di abito, capo spalla e camicia, alla struttura della collezione, dal confezionamento del prodotto alla sua distribuzione. Importante atout del Master sarà l’intervento di manager e direttori creativi del gruppo Ermenegildo Zegna che – anche per questa seconda edizione – testimonieranno agli studenti la propria esperienza professionale nell’ambito del prodotto, dello stile e del retail, trasferendo loro contenuti essenziali, che solo il mondo del lavoro è pienamente in grado di mettere in campo.

Sono onorato e orgoglioso che il Gruppo Ermenegildo Zegna abbia accettato di unirsi a noi in questo importante progetto, per il secondo anno consecutivo – ha dichiarato Roberto Riccio, Group Managing Director di Istituto Marangoni – La nostra scuola, da sempre impegnata a formare i talenti del futuro, è la sola italiana in grado di rispondere concretamente, con competenza e tempestività, alle esigenze e specificità del settore, formando futuri professionisti in grado di comprendere e interpretare con personalità l’universo della moda maschile, tipicamente italiano, e il divenire delle sue tendenze. Sono certo che il coinvolgimento del Gruppo Ermenegildo Zegna ci aiuterà a consolidare l’eccellenza della nostra offerta formativa e assicurerà agli studenti il know-how delle professionalità più alte della moda maschile”.

 

Il Master affronterà tutti gli aspetti delle collezioni uomo nelle declinazioni formale e upper casual con Ermenegildo Zegna, fashion con Z Zegna, e urban con Zegna Sport; darà agli studenti la possibilità di approfondire le tecniche d’illustrazione a mano libera e a computer, la modellistica e le tecniche di costruzione dei capi, dai più semplici ai più strutturati; approfondirà inoltre tutti gli aspetti legati al product management e alla gestione della produzione.

 

Anche in questa seconda edizione gli studenti potranno cimentarsi in stimolanti progetti creativi ispirati ai diversi brand del Gruppo, e visitare le sedi produttive di tessuto, maglieria e ready to wear, il quartier generale e la show room milanese Zegna. Special guest presente in giuria, un ospite proveniente dal mondo dei Media: Michele Lupi, Direttore del Magazine “Rolling Stone”, che apporterà una prospettiva nuova e trasversale sullo stile e la creatività dei ragazzi. Il Menswear Award verrà assegnato al migliore diplomato, selezionato in base a criteri Zegna e Istituto Marangoni, cui sarà offerto uno stage di 3 mesi all’interno di uno dei brand e, come nella precedente edizione, avrà l’opportunità di partecipare all’organizzazione della sfilata di giugno 2012 a Milano.

 

Ha dichiarato Benedetta Zegna, Responsabile Talenti Ermenegildo Zegna, presente alla cerimonia di apertura dei Corsi presso l’Istituto: “La decisione di continuare a sostenere questa bellissima iniziativa è motivata dalla qualità del supporto didattico offerto dall’Istituto Marangoni e soprattutto dei progetti realizzati dai ragazzi. I talenti selezionati stanno apportando idee e freschezza ai team creativi in azienda.

Un aspetto importante, che continuiamo ad arricchire all’interno del programma del master, riguarda le visite alle realtà produttive del nostro Gruppo, che permettono agli studenti di “toccare con mano” la qualità estrema dei tessuti e dei prodotti, e di comprendere la centralità del dettaglio come fattore chiave di quella perfetta integrazione tra artigianalità e innovazione tecnologica, tipicamente italiana.

L’idea di invitare Michele Lupi a far parte della giuria nasce dal desiderio di dare voce a una prospettiva esterna, attraverso lo sguardo di un uomo impegnato in ambienti diversi, sempre caratterizzati dall’attenzione alle tendenze emergenti e ai segnali di stile emergenti.”

Il Master è iniziato il 3 Ottobre 2011 nel campus di Milano, durerà 8 mesi e prevederà 7 lezioni settimanali da 2h30. Le lezioni si terranno in lingua italiana, con traduzione simultanea in inglese.

 

www.istitutomarangoni.com

  

CORSO MASTER in MENSWEAR

Numero chiuso (20 posti disponibili)

Inizio

3 ottobre 2011

Piano di studi

  • Menswear Design

  • Fashion Graphics

  • Panorama della Moda

  • Analisi dell’industria della moda

  • Metodologia della ricerca

  • Product Management

Frequenza

7 lezioni settimanali – 2h30 ognuna

Durata

8 mesi

Requisiti per l’Ammissione

– un Portfolio che mostri chiaramente la capacità creativa e di illustrazione del candidato

– un CV professionale e di studi dettagliato che includa: certificato di laurea o di diploma con la votazione conseguita

– una lettera di motivazione di 100 parole nella quale descrivere gli obiettivi professionali e di crescita e comunicare con chiarezza le ragioni e le motivazioni che spingono a volere partecipare al Master

– almeno una lettera di referenze dal datore di lavoro o dal docente

– conoscenza della lingua italiana o della lingua inglese.

Per accedere ai corsi master è obbligatorio sostenere un colloquio di orientamento e presentare la domanda di ammissione, consegnata durante il colloquio o scaricabile dal sito debitamente compilata.

 A proposito di Ermenegildo Zegna:

Il Gruppo Ermenegildo Zegna è leader nell’abbigliamento maschile di lusso e una delle realtà imprenditoriali più rinomate in Italia. Fondato nel 1910 a Trivero, sulle Alpi Biellesi, dal giovane imprenditore Ermenegildo Zegna che iniziò con una produzione di tessuti tra i più fini e pregiati al mondo, l’Azienda è oggi guidata dalla quarta generazione della Famiglia Zegna.

Con la fine degli anni ’90 il Gruppo ha completato la sua strategia di verticalizzazione e dato vita a un brand del lusso globale che produce tessuti, capi di abbigliamento e accessori, focalizzato sul retail – per lo più a gestione diretta – e pioniere nel penetrare i mercati emergenti.

Nel 2010 sono stati celebrati 100 anni di eccellenza. Oggi i negozi monomarca, presenti in 80 paesi, sono 570, di cui 300 di proprietà, Listencon un fatturato consolidato nel 2010 pari a 963 milioni di Euro.

 A proposito di Istituto Marangoni:

Istituto Marangoni nasce nel 1935. Da allora ha al suo attivo un bilancio formativo di tre generazioni di studenti ed è stato il trampolino di lancio per oltre 35.000 professionisti, tra i quali nomi importanti della moda internazionale come Domenico Dolce, Franco Moschino, Rodolfo Paglialunga, Umit Benan, Alessandro Sartori, Francesco Russo, e molti altri. La missione dell’Istituto Marangoni è sempre la stessa: creare professionisti per il sistema moda e design che abbiano una predisposizione al sapere e al saper fare e un’attitudine consolidata alla creatività, applicata alle necessità aziendali. Istituto Marangoni conta oggi 2.400 studenti provenienti da 92 differenti nazioni, che si dividono nei tre campus situati nelle tre capitali internazionali della moda, del design e della creatività: a Milano, a Parigi, e a Londra. L’offerta formativa propone corsi triennali, master e annuali a tutti i livelli.

 

 

ACCESSORIES DESIGN: DUE BORSE DI STUDIO PER IL MASTER

 

 

Domus Academy, la prima scuola post-universitaria di moda e design in Italia, e Ars Sutoria, l’istituto storico più prestigioso nella specializzazione tecnica del settore pelletteria e calzature, presentano, per il terzo anno consecutivo, il concorso per due borse di studio pari al 50% del valore del Master in in Accessories Design di Domus Academy.

I migliori due candidati avranno la possibilità di ricevere una borsa di studio pari al 50% del valore del Master in Accessories Design di Domus Academy. Il Master, coordinato dal dipartimento di moda di Domus Academy, si focalizza in modo specifico su tutto ciò che “ruota” intorno all’abito e alla persona, dalla borsa alle scarpe, dai guanti agli occhiali, dalla cintura ai gioielli, dal cappello al foulard. Il Master in Accessories Design inizierà a gennaio 2012 e avrà una durata di 12 mesi.

I candidati, che dovranno aver già sviluppato un percorso formativo o professionale nel settore moda o accessorio, potranno inviare il proprio curriculum, il portfolio di progetti, i lavori svolti e le immagini esplicative, via e-mail all’indirizzo: infofashion@domusacademy.it indicando nell’oggetto della mail “DOMUS ACADEMY – ARS SUTORIA” entro e non oltre il 17 ottobre 2011.

Domus Academy e Ars Sutoria, le due scuole d’eccellenza nel campo della moda, collaborano per il terzo anno consecutivo per fornire agli studenti un percorso unico ed eccellente nel campo degli accessori, della pelletteria e delle calzature utilizzando al meglio le diverse competenze.

I candidati saranno valutati da una giuria composta da Barbara Trebitsch – direttore del dipartimento moda di Domus Academy, Ernesta Del Cogliano – direttore di progetto del Master in Accessories Design di Domus Academy, Matteo Pasca – direttore divisione Scuola Ars Sutoria, Stefania Sancini – direttore di Ars Arpel Group.

Per maggiori informazioni www.domusacademy.it

 

DOMUS ACADEMY

Domus Academy nasce a Milano nel 1982 come prima scuola post-universitaria di design in Italia e come progetto aperto attorno all’esperienza del Design e della Moda italiani. Nel corso degli anni si afferma come scuola nel senso pieno del termine: luogo di formazione post-universitaria e laboratorio di ricerca sui temi dell’innovazione e del progetto. Nel dicembre 2009 è entrata a fare parte di Laureate International Universities, un netwok globale di alta formazione per l’arte e il design. L’offerta didattica dell’accademia comprende i seguenti master, frequentati da studenti di tutto il mondo: Accessories Design, Business Design, Car Design, Design, Fashion Design, Interaction Design, Interior and Living Design, Urban Vision and Architectural Design, Fashion Management, Fashion Styling and Visual Merchandising, Service Design.