FOLLOW THE (SILK) DOVE… THE APOCALYPSE IS NEAR: THE TRAILER OF MY NEXT SHOW ON LAKE COMO

*

 Trailer about Roberto Alborghetti ‘s Colors Of An Apocalypse Show, scheduled on Lake Como, Lenno (Italy) at the Romanesque St. John Baptistery  (XII Century), July 3-4-5, 2015… The world around us, as we’ve never seen it before.
Video trailer sulla prossima mostra di Roberto Alborghetti, “Colori di un’Apocalisse”, in programma sul Lago di Como, a Lenno, il 3-4-5 Luglio 2015, presso il Battistero romanico di S.Giovanni… Il mondo che ci circonda, come non l’abbiamo mai visto.

 

COLORI DI UN'APOCALISSE - COLORS OF AN APOCALYPSE SHOW, 2015

COLORI DI UN’APOCALISSE – COLORS OF AN APOCALYPSE SHOW, 2015

banner header 2 - Copia (2)

Advertisements

“THE SPRING WINGS” LACER/ACTIONS SERIES / # 1

 

 © Roberto Alborghetti

I think it’s one of the most astonishing torn posters I ever seen so far during my long research about ripped ads and urban signs. It was located in Lecco, a beautiful town on Como Lake (Italy). The incredible actions and re-actions made by time, weather and environmental conditions (rain, light, smog, humidity…) produced a capturing and harmonious mash-up of colors and shapes. I really had the luck to be in the right time in the right place… (in the following days the billboard was covered with new publicity posters).

The huge and whole torn paper advertising showed me pre-existing images that were crushed and de-structured in thousands of particles which presented fascinating colored streams and waves dancing on a completely white background. The various sections of the torn poster reminded me a sort of suggestion about springtime colors… So, from today to next saturday, I’m glad to share a special preview of a seven images series that I titled “The Spring Wings”. The whole series will be followed and concluded by a videoclip in which I’ll show a “live view” of that incredibile billboard. So, enjoy “The Spring Wings Lacer/actions” Series. Seven images to welcome the Springtime…              

ABOUT MY “LACER/ACTIONS ART PROJECT”

LaceR/Actions”is a multidisciplinary project and research about urban signs and landscapes, especially concerning the apparent chaos of ripped papers from billboards and advertisings diplays. I have so far collected more than 35.000 images. Impressed by photocamera and transferred on canvas, reproduced on lithographs or textiles (as pure silk), or scanned in a video clip, the details of torn posters give new life to paper lacerations. I think in the lacerated advertisings is recognizable the “unwrapped” city, self-destroying in the messages, self-regenerating and self-reproducing in new visual elements, often contradictory, dissonant, discordant, but still surprisingly vital. 

Some “Lacer/Actions” artworks were published in a booklet-portfolio: Pics of torn (publi)city”.  In July 2010, thirty thousand people visited my show “The Four Elements of LaceR/Actions” during the three days exhibition at Oriocenter (Milano Bergamo Orio Airport, Italy).My artworks are also taking part of experiences about sensorial and emotional perceptions (sinestesys) concerning kinesiologic tests. In October 2010 I participated to “Parallax AF” in London (La Galleria, Royal Opera Arcade). One of my artwork will be kept at the new Contemporary Art Museum which will open next September in Marche region (Italy). The next big Lacer/actions Show will take place in the enchanting XIII Century Rocca Aldobrandesca, an incredibile fortress in Tuscany (Monte Amiata, Piancastagnaio, Siena, Italy) from September 27 to November 4, 2012. An “The End of The World” event…  

R.A.

THE OFFICIAL POSTER OF “LACER/ACTIONS SHOW” AT THE XIII CENTURY TUSCANY CASTLE (ITALY, SEP 27- NOV 4, 2012)

 

A special preview about the Official poster created for the next Roberto Alborghetti Lacer/actions Show. The exhibition will take place in an enchanting and wonderful location: a XIII Century fortress in the heart of Tuscany (Italy). It’s already announced as one of the most awaited events of 2012.

From September 27 to November 4, 2012, at Rocca Aldobrandesca, Piancastagnaio, Siena, Tuscany. Organized by local Municipality and Siena Territory Communities and Associations.

Check out the videoclip:

Vodpod: next-laceractions-show

At Youtube – Special preview clip

At Animoto – Lacer-actions Show at the castle

Una speciale anteprima sul poster ufficiale relativo alla  prossima mostra delle “Lacer/azioni” di Roberto Alborghetti, in programma nella suggestiva Rocca Aldobrandesca (sec. XIII) di Piancastagnaio (Siena). Dal 27 settembre al 4 novembre 2012. Promuove il Comune di Piancastagnaio con enti e associazioni.

SPECIAL PREVIEW: MY NEXT “LACER/ACTIONS” SHOW IN A XIII CENTURY CASTLE IN TUSCANY

 YOUTUBE LINK:

http://youtu.be/n7Ds0Hc_iFY

ANIMOTO LINK:

http://animoto.com/play/ZzjjbpBwRWcguCt9gi3fVg

A special preview about next Roberto Alborghetti Lacer/actions Show. It will take place in an enchanting and wonderful location:  a XIII Century fortress in the heart of Tuscany (Italy). It’s already announced as one of the most awaited events of 2012. From September 27 to November 4, 2012. Rocca Aldobrandesca, Piancastagnaio, Siena, Tuscany. Organized by local Municipality and Siena Territory Communities and Associations.   

Una speciale “preview” sulla prossima mostra delle “Lacer/azioni” di Roberto Alborghetti, in programma nella suggestiva Rocca Aldobrandesca (sec. XIII) di Piancastagnaio (Siena). Dal 27 settembre al 4 novembre 2012. Promuove il Comune di Piancastagnaio con enti e associazioni.

THE PARALLAX AF DAYS IN LONDON: SHARIN’ IDEAS WITH ARTISTS FROM ALL OVER THE WORLD

 

The Parallax AF days are over. The art show at La Galleria (Royal Opera Arcade, Pall Mall) in London was surely a good occasion to meet artists and people. During the three days exhibition and the two private views, I had the way to approach arts from different parts of the world. It was really fascinating to contact art experiences and extremely various ways to express creativity.

There will be the time, in the next days, to write something about artists who participated to the event held in the very heart of London. For now, I want to thank all the Parallax team and the colleagues with whom I have established friendship, talking about arts and future and sharing ideas and experiences.

So, thanks to: Miika Nyyssonen, Daphne Hughes, Martina Kolle, Amy McDonald, Nichola Doherty, Dagmar Dost-Nolden, Samuel Peacock, Miriam Wuttke, Beth Jervis (Miss Peacock), Deborah Alexander, Amy Wright, David Abse, Jean Marc ISERE, Kimbal Quist Bumstead.

 

 LONDRA, LE GIORNATE DI PARALLAX AF:
A CONTATTO CON ARTISTI DA TUTTO IL MONDO

Le giornate della mostra Parallax AF sono finite. La mostra d’arte presso La Galleria (Royal Opera Arcade, Pall Mall) di Londra è stata sicuramente una buona occasione per incontrare artisti e persone. Durante la mostra (13-16 ottobre) – dove sono stato invitato a proporre le mie opere “Lacer/Azioni” – ho avuto il modo di avvicinare espressioni artistiche provenienti da diverse parti
del mondo. E’ stato davvero affascinante mettersi in contatto con esperienze
e modi estremamente diversi di esprimere la creatività.
Ci sarà il tempo, nei prossimi giorni, di scrivere qualcosa su artisti che hanno
partecipato alla manifestazione tenutasi nel cuore di Londra. Per ora, voglio
ringraziare tutto il team Parallax ed i colleghi con i quali ho stabilito
amicizia, parlando di arte e futuro, condividendo idee ed esperienze.
Grazie a: Miika Nyyssonen, Daphne Hughes, Martina Kolle, Amy McDonald,
Nicola Doherty, Dagmar Dost-Nolden, Samuel Peacock, Miriam Wuttke, Beth Jervis, Deborah Alexander, Amy Wright, David Abse, Jean Marc ISERE ,
Kimbal Quist Bumstead.
 

 

MY LACER/ACTIONS ON SHOW AT “PARALLAX AF” IN LONDON

They are on show at “Parallax AF” at La Galleria, Royal Opera Arcade, Pall Mall (October 14,15,16, ’11). Exhibition conceived and curated by the art historian Dr Chris Barlow.

 My “lacer/actions” artworks will be on show in London, at “Parallax AF” (Wall 12, La Galleria, Royal Opera Arcade, Pall Mall) from 14 to 16 October, 2011). The exhibition ‘s curator, the art historian dr. Chris Barlow, selected three works:

  •  “Nine Eleven, New York 2001, Victims & Martyrs, The Blood Tracks #2”, Canvas, 47×70, 2011
  • As running fast water…”, Canvas, 62×42, 2010
  • I don’t like to stand still”, Canvas, 62×42, 2010
  • I think that they may represent and show something about my research about the incredible world of “street signs”: the mysterious dimension of torn posters. I’ve collected more than 30.000 images. The three ones I present at “Parallax” are only a small indication about my art, that people like to call “psycho-artworks” or images that seem to come from Nowhere… During the show – private view included – I’ll be very glad to meet people and tell them something about my art.

ABOUT PARALLAX AF

http://www.barlowfinedrawings.com/robertoalborghetti.html

Parallax AF is the first art fair of its kind to use new theories from art history in its approach. It showcases established and emerging international contemporary artists.

Parallax AF grew out of an international exhibition that was conceived and curated by the art historian Dr Chris Barlow. It is different from other artists fairs in that it is like a specialised exhibition. It is a serious platform for international and national artists to present their work to national and international dealers, art industry people, collectors, critics and buyers in an exhibition format underpinned with critical theory.

This also provides artists with the benefit, if they wish, to present non-commercial work, or to try out new commercial ideas, without high overhead risks often associated with other fairs.

Parallax AF held in a professional gallery space in central London. The shows are curated by a professional guest curator, having the feel of an organised exhibition, and catalogue essays are written by academics. Parallax AF aims to provide a key service in helping artists to promote and sell their work, as well as providing a platform for developing their careers and practice.

 It is loosely divided into two exhibition showcases presenting abstraction/conceptual and figurative/conceptual art. The Parallax AF takes place at La Galleria, Royal Opera Arcade, Pall Mall and is curated by Dr Chris Barlow.

Abstract/conceptual show: 14th – 16th October (Friday-Saturday 10am-6pm, Sunday 10am-5pm)

Figurative/conceptual show: 21st – 23rd October (Friday-Saturday 10am-6pm, Sunday 10am-5pm)

 VENUE

La Galleria is the most prestigious contemporary art space in central London and well known in the St. James’s and Mayfair arts and fashion business communities for hosting important cultural events. It is situated in the Royal Opera Arcade on Pall Mall and is opposite the Institute of Directors and Athenaeum Club. It is two minutes from the National Gallery and Trafalgar Square. The nearest tube stations are Charing Cross or Piccadilly.

 DATES

Thursday 13th October: 10 am – 7pm (“private view” no. 1, 7pm – 9pm)

Friday 14th October: 10am – 6pm, open to public

Saturday 15th October: 10am – 6pm, open to the public (“private view” no 2, 7pm – 9pm)

Sunday 16th October: 10am – 5pm, open to the public

 TICKETS

There is no door charge and entry is free for the public.

LACER/ACTIONS :  MORE AT…

http://robertoalborghetti.wordress.com/

http://assets2.artslant.com/global/artists/show/134694-roberto-alborghetti

www.youtube.com/user/lacerazioni

  www.myspace.com/lacer-azioni

http://it-it.facebook.com/people/Roberto-Alborghetti-Lacer-azioni

 LE MIE “LACER/AZIONI” NEL CUORE DI LONDRA

Le mie “lacer/azioni” saranno in mostra a Londra, alla “Parallax AF” (“La Galleria, Royal Opera Arcade, Pall Mall) dal 14 al 16 ottobre 2011. Il curatore dell’evento, lo storico dell’arte dr. Chris Barlow, ha selezionato tre opere:

  •  “Nine Eleven, New York 2001, Victims & Martyrs, The Blood Tracks #2” (Undici Settembre, New York 2001, Vittime & Martiri, Le Tracce del Sangue #2, Tela, 47×70, 2011)
  • As running fast water…” (“Come acqua che corre veloce…”, Tela, 62×42, 2010
  • I don’t like to stand still” (“Non mi piace stare fermo”, Tela, 62×42, 2010

Penso che questi artworks possano raprresentare e mostrare qualcosa della mia ricerca nell’incredibile mondo dei “segni di strada”: la misteriosa dimensione dei manifesti strappati. Ho finora collezionato più di 30.000 immagini. Le tre che presento alla “Parallax” sono solo un piccolissimo indizio della mia attività nel campo dell’arte visuale, che la gente già chiama “psico-immagini” o scene che sembrano arrivare da Nessunposto… Durante la mostra sarò lieto di incontrare il pubblico per uno scambio di idee sulla mia attività artistica.

A PROPOSITO DI “PARALLAX AF”…

http://www.barlowfinedrawings.com/robertoalborghetti.html

Parallax AF è nata da una mostra internazionale chiamata “Parallax” che fu concepita e allestita dallo storico dell’arte Dr Chris Barlow. Parallax AF è la prima fiera dell’arte ad usare nuove tecniche d’approccio all’espressione artistica. Le sue “vetrine” annuali consentono agli artisti internazionali di emergere, offrendo una grande visibilità.

Parallax AF è diversa dalle altre mostre perchè è specializzata: è una vera e propria piattaforma per gli artisti nazionali ed internazionali che permette loro di presentare i propri lavori ai galleristi nazionali ed internazionali, agli industriali, ai collezionisti, ai critici e ai compratori. La mostra offre agli artisti il vantaggio di presentare opere non commerciali o di provare nuove idee senza rischi globali che spesso si verificano durante analoghe manifestazioni.

Parallax AF è situata in una galleria professionale nel centro di Londra: le mostre sono curate da un sovrintendente professionista in grado di realizzare eventi ben organizzati, con saggi su cataloghi redatti da accademici. Lo scopo di Parallax AF é quello di fornire un servizio per aiutare gli artisti a promuovere e vendere le loro opere e provvedere ad uno spazio per sviluppare la loro pratica e la loro carriera.

Parallax è divisa in due mostre-evento dedicate rispettivamente all’arte astratta/concettuale (dal 14 al 16 ottobre) ed all’arte figurativa/concettuale (dal 21 al 23 ottobre ).

SEDE DELLA MOSTRA

La Galleria” è il luogo più prestigioso dedicato all’arte contemporanea nel centro di Londra: è conosciuto dagli artisti in St.James e Mayfair e dalle fashion-communities per ospitare eventi culturali. È situata nella Royal Opera Arcade sul Pall Mall ed è di fronte all’ Institute of Directors e all’ Athenaeum Club. Dista due minuti dalla National Gallery e da Trafalgar Square. La stazione metropolitana più vicina è Charing Cross o Piccadilly. Parallax AF è curata dal Dottor Chris Barlow.

DATE ED ORARI

Govedì 13 ottobre: mostra riservata su inviti, dalle 19 alle 21)

Venerdì 14 ottobre: dalle 10 alle 18 aperta al pubblico

Sabato 15 ottobre: dalle 10 alle 18 aperta al pubblico (mostra riservata su inviti dalle 19 alle 21)

Domenica 16 ottobre: dalle 10 alle 17 aperta al pubblico

BIGLIETTI

Non c’è alcun prezzo d’entrata e l’ingresso è gratuito per il Pubblico. Previste due “private views” strettamente su invito. 

 Lacer/azioni su web:

 https://robertoalborghetti.wordpress.com/

http://assets2.artslant.com/global/artists/show/134694-roberto-alborghetti

www.youtube.com/user/lacerazioni

www.myspace.com/lacer-azioni

http://it-it.facebook.com/people/Roberto-Alborghetti-Lacer-azioni

BRUNO BOGGIA, IL DISEGNO E’ VITA

 

Incontro a Como con il creatore di design per tessuti noto a livello internazionale. Ha lavorato per Capucci, Lacroix, Valentino, Lancetti, Mila Schon, Chanel, Celine, Dior, Y.S.L., Etro, Escada, Donna Karan, Paul Smith, Rolando Santana…

Bruno Boggia. Disegni. C’è scritto così sulla sobria targhetta della porta d’ingresso, nello stabile di via Pietro da Breggia 3, a pochi passi dalla riva del Lago di Como. Del resto, non servono altre indicazioni per presentare uno studio che da quasi sessant’anni lavora nel disegno tessile, creando prototipi che sono noti ed acquistati nel mondo. “Boggia” è una firma storica e prestigiosa. E, senza retorica, contribuisce a rappresentare all’estero quella creatività nazionale che è vanto ed onore dell’Italia.

Visitare lo Studio Boggia, conoscere personalmente il suo fondatore ed animatore – Bruno – , assistere alle fasi lavorative del suo team, è una esperienza che ti consente di viaggiare nelle emozioni del colore e nella storia di una piccola azienda che, dal cuore di Como, è approdata nelle più importanti “maisons” della moda internazionale. Bruno Boggia è oggi un giovane di 83 anni, che ogni giorno ha la forza di trovare nel suo lavoro, nel suo spirito creativo, motivazioni di vita e voglia di fare e scoprire. Fa così fin da quando – da piccolo – amava scarabocchiare figure su quei pochi fogli di carta che riusciva a trovare in giro per la casa. Nato a Carate, sempre sulle rive del Lario, ha vissuto un’infanzia semplice e povera, come lo era per gran parte dei ragazzi di allora, scaraventati tra le difficoltà di un’epoca segnata dalla guerra.

La passione per il disegno lo spinge a Milano, a frequentare l’Accademia Cimabue, con esame finale a Brera. Ricorda Bruno, non senza commozione, che a quei tempi non aveva soldi per acquistare i colori ad olio e dunque si arrangiava come poteva, perchè il desiderio di disegnare e di esprimersi era troppo forte. Racconta Bruno Boggia: “Si era molto poveri allora. Non ce la passavamo bene. E le difficoltà erano tante, anche per me. Dunque, il disegno era anche un modo per conquistarmi una libertà personale, per costruirmi dei sogni. Ho avuto fiducia e ce l’ho fatta. Anche se ogni giorno c’è sempre da imparare… Il disegno per me è vita. E’ sogno. E’ tutto.”

Nel 1953, Bruno Boggia avvia il suo studio di Como. Stende disegni e bozzetti per tessuti, soprattutto per le sete, perchè Como vuol dire seta, vuol dire storia, vuole dire la stessa città. Come in tutti gli inizi, la strada è in salita. Ma giorno dopo giorno i disegni di Bruno si impongono, calamitano interesse, suscitano stupore. Arrivano gli ordini, anche dall’estero, dove lo studio Boggia comincia ad essere apprezzato per creatività e rigore stilistico. Aspetti che anche oggi contraddistinguono la produzione e l’attività del marchio Boggia, per il quale lavorano la figlia Lucia ed una squadra specializzata di disegnatori. Ha offerto la propria espressione artistica ad importanti firme e Case che operano per l’alta moda ed il pret-a-porter. E’ il caso di Capucci, Lacroix, Valentino, Lancetti, Mila Schon, Chanel, Celine, Dior, Y.S.L., Etro, Escada, Donna Karan, Paul Smith, Rolando Santana, che è tra i nomi più seguiti sulla scena di New York. Il lavoro di Bruno Boggia è fondamentale per il successo di una griffe. Il suo è un apporto “dietro le quinte”, spesso sconosciuto e lontano dalle passerelle. Ma è fuor di dubbio quanto il disegno incida nel consenso suscitato da una linea di moda. E come il disegno influisca sull’immagine finale e complessiva di un capo. Quelli di Boggia sono disegni esclusivi e personalizzati che, nel corso degli anni, hanno contribuito a costituire uno straordinario archivio creativo.

Oggi, come sempre, Bruno Boggia ama scoprire e confrontarsi con nuove idee e sperimentazioni. E’ in contatto anche con artisti e pittori, ai quali vengono offerte opportunità di espressione e di impegno. E con Bruno Boggia è stato facile, anche per me, entrare in sintonia con le mie “LaceR/Azioni”. Nel vedere alcuni dei miei artworks riprodotti sull’album-portfolio edito da Velar o sullo schermo di un computer, mi confida apertamente che gli piacciono e che apprezza l’idea attraverso la quale sono “prodotti”. Del resto, egli stesso è attratto e affascinato dalle forme astratte e dalle vibrazioni coloristiche emanate dal mix delle tinte. Mi confida che, armato della sua fotocamera digitale, non perde mai occasione per catturare dettagli e particolari delle cose che ci girano intorno. E me li mostra facendo scorrere i soggetti sullo schermo della sua Canon digitale. Sono immagini delle trasparenze del vetro di una bottiglia d’acqua, dei fori degli altoparlanti di uno schermo tv, delle nervature della foglia di una pianta. Mi mostra anche fogli di disegno acquisite in Francia e nei Paesi dell’Est. E si incanta davanti al colore ed alle sue forme. Dice che le immagini sono musica. E luce ed energia. Come non essere d’accordo con questo artista, che con umiltà, passione e tanacia ha costruito sul disegno una cultura di vita e del lavoro.

Bruno Boggia mi racconta che le sue produzioni non conoscono la crisi. E che dall’estero gli ordinativi non mancano. Anche in Cina sono stati raccolti grandi risultati. Il che è tutto dire per un continente dove la produzione di sete disegnate è una tradizione, oltre che un traino economico. Eppure, Boggia ha stupito anche i cinesi con la sua personale “via della seta”. “Se lavori bene non c’è crisi che tenga”, commenta. E lui, ogni giorno, continua a scendere nel suo studio, a vedere, suggerire, ideare e creare. Poi, ogni tanto, alza lo sguardo dai fogli e lo getta oltre le finestre, fino alle acque del lago, che si increspano con i refoli del vento, riflettendo i mille colori di una natura che ,in questa calda primavera, non può non affascinare Bruno Boggia, artista del disegno.

Testo e foto di Roberto Alborghetti

 

 

Nelle immagini: Bruno Boggia con la figlia Lucia ed alcune produzioni di foulards di seta.

 —————————————————————————————————————————

BOGGIA CREATION OF TEXTILE DESIGNS

Bruno Boggia started his activity as a textile designer in 1953 in Como where he still continues to work in his atelier with his doughter Lucia and his very selected team of professional designers.
In all these years, he has been working for the most important fashion houses specialising in haute couture and pret-a-porter: Capucci – Lacroix – Valentino – Lancetti – Mila Schon – Chanel – Celine – Dior – Y.S.L. – Etro – Escada- Donna Karan – Paul Smith

Strong point of all the collections is the total exclusivity and interpretation of the design beyond the extensive archives of own design produced in more than 50 years of work.
The overall spirit of the collection is pervaded by the ideas of freshness femmininity fashion sophistication.